Home / Recensioni / In sala / LA FAMIGLIA BÉLIER di Eric Lartigau

LA FAMIGLIA BÉLIER di Eric Lartigau

La famiglia Bèlier locandinaÉ fissata per il 26 marzo l’uscita al cinema dell’ultima fatica del regista francese Eric Lartigau, che torna a dirigere una commedia sentimentale che ha tutte le carte in regola: battute sarcastiche, sentimentalismi gestiti senza eccessi, un buon ritmo e una sceneggiatura ben scritta. A condire il tutto, un cast di attori equilibrato e con ottime capacità interpretative.

Paula [Louane Emera] è una ragazza di 16 anni che vive con la sua famiglia in una fattoria. La sua vita le piace, e come il resto della sua famiglia è tutta presa dalle attività che la vita in fattoria comporta. Ama gli animali, e il fine settimana raggiunge il banco di formaggi che gestiscono i suoi genitori [Karin Viard, François Damiens] per vendere il formaggio. Un giorno, mentre è in fila, a scuola, per scegliere un’attività extrascolastica, tra cui teatro, ballo e canto, incontra Gabriel [Ilian Bergala] e se ne innamora: non le resta che scegliere, come ha chiesto lui, di fare canto.

L’insegnante di canto, il prof. Thomasson [Eric Elsmosnino], pretende molto dagli studenti selezionati, e non brilla certo per simpatia. Paula partecipa svogliatamente alle prime lezioni, infastidita da quel docente severo che non fa altro che rimproverare i suoi compagni, ma che poi si rivelerà essere una bella persona. Eppure sarà proprio grazie a lui che Paula scoprirà di avere una bellissima voce, e per questo motivo viene invogliata da Thomasson a partecipare alle selezioni per una nota scuola di canto francese.

Paula vorrebbe inseguire il suo sogno, ma non sa come spiegarlo ai suoi genitori: teme infatti che questi, e suo fratello Quentin [Luca Gelberg], sordomuti, ostacolino il suo sogno, o che comunque non comprendano le sue ragioni, sentendosi messi da parte. Paula è l’unica della sua famiglia a sentire e a poter parlare, ma per lei non è mai stato un problema, anzi, ciò le ha permesso di aiutare i suoi genitori a servire i clienti al banco, o comunque a fare da tramite.

La famiglia BèLier foto 1La separazione dai propri genitori e dalla propria casa è molto dolorosa, ma spesso necessaria. Paula ancora non sa se verrà selezionata alla scuola di canto, non sa se diventerà una cantante, né se davvero vuole cambiare vita. La ragazza prova a seguire una strada, ma solo il tempo le farà capire se la scelta presa sarà fruttuosa o meno. Non sappiamo, dunque, quale sarà il futuro della ragazza, ma il suo gesto dimostra tanto coraggio e tanta incoscienza. Paula è tormentata da un senso di colpa: chi farà da tramite tra i suoi genitori e la gente del mercato, dopo di lei? Lei stessa, però, tende a non farne un dramma; d’altronde i suoi genitori possono sempre assumere un aiutante in fattoria.

La famiglia foto 3La lingua dei segni è la seconda lingua di Paula, le appartiene. Lartigau ha scelto Louane Emera per questo ruolo dopo una lunga selezione, mentre la coppia formata da Karin Viard, François Damiens è stata da lui fortemente voluta. Bravissimi i due attori nell’interpretare due audiolesi, comunicando attraverso la lingua dei segni con una familiarità disarmante. Conosceva, invece, già prima di girare il film, in quanto realmente sordomuto, la lingue sei segni, il piccolo Luca Gelberg, in un ruolo divertente, perché alle prese con le prime fasi dell’adolescenza, vissuta dal suo personaggio, impacciato e abbastanza confuso, anche in merito al tema della sessualità.

Molto commovente il finale, che per ovvi motivi non vi sveliamo, nel quale potrete, per alcuni secondi, entrare nel mondo dei sordomuti e percepirne le sensazioni. Poiché la sua famiglia non può ascoltare la voce di Paula, lei stessa troverà il modo per comunicare il testo della canzone Je vais t’aimer, del cantante francese Michel Sardou, il cui repertorio fa da colonna sonora al film.

Sotto, la clip dal film IL TALENTO DI PAULA:

Gilda Signoretti

LA FAMIGLIA BÉLIER

3.5 Teschi

Regia: Eric Lartigau

Con: Louane Emera, Karin Viard, François Damiens, Luca Gelberg, Eric Elsmosnino

Uscita in sala in Italia: giovedì 26 marzo 2015

Sceneggiatura: Victoria Bedos e Stanislas Carré De Malberg

Produzione: Jerico e Mars Film

Distribuzione: Bim Distribuzione

Anno: 2014

Durata: 105′

Gilda Signoretti

x

Check Also

CURSE OF THE BLIND DEAD di Raffaele Picchio

Raffaele Picchio, regista di Morituris, nel 2020 torna alla regia a quattro ...