Home / Recensioni / In sala / TRANSFORMERS 4 – L’era dell’estinzione di Michael Bay

TRANSFORMERS 4 – L’era dell’estinzione di Michael Bay

transformers4_1Il sodalizio tra razza umana e Autobot contro i Decepticon è stato spezzato dopo il disastroso epilogo della guerra di Chicago; ora esistono solo due grandi fazioni: gli uomini contro i robot.

In questo grande scontro per la sopravvivenza della specie più forte, l’essere umano, sembra avere la peggio ed è quindi destinato all’imminente estinzione, ma un avido magnate della finanza, che ha le fattezze dell’ottimo Stanley Tucci, troverà la chiave per replicare il potere di trasformazione dei robot alieni grazie ad un metallo rarissimo arrivato sulla Terra durante le ere preistoriche.

Joshua, questo è il nome dell’imprenditore senza scrupoli, è convinto di poter controllare ogni cosa con il semplice schiocco delle dita, ma non comprende che gli androidi di sua creazione altro non sono che reincarnazioni dei Decepticon.

Uno in particolar modo, Galvatron, è in realtà la reincarnazione del defunto Megatron. Ovviamente il fronte dei buoni non sta a guardare inoperoso. Gli Autobot, orfani di Optimus Prime, decidono di ritirarsi di gran carriera e cercare di salvare quello che rimane del loro sparuto esercito.

transformers4_2Feriti nell’orgoglio e delusi dalla razza umana per la quale hanno rischiato la loro vita, i robot aspettano il ritorno del loro tanto amato comandate. Un giovane ma poco concludente inventore texano, Cade Yeager [Mark Walberg], tenta a più riprese di mettere insieme i cocci della sua famiglia. Con una moglie passata a miglior vita tempo addietro, egli si trova a dover combattere con una figlia già sbocciata, che vede ancora come una bambina, ma che in realtà gli sta facendo da madre, e con l’esigenza di dare una scossa alla sua carriera di ingegnere-inventore fallito.

Durante una trattativa di materiale di seconda mano egli trova un vecchio camion piuttosto malconcio, che altri non è che Optimus Prime, e decide di acquistarlo. Finalmente Cade può mettere in campo le sue doti di abile inventore e, prima che riescano ad acciuffarlo gli agenti della C.I.A. riesce a mettere in sesto Optimus, rendendolo pronto per l’imminente battaglia.

transformers4_3jpgMicheal Bay di nuovo alla regia di questo blockbuster movie che dalle ceneri del terzo capitolo dei Transformer [Dark of the Moon] riparte con una [forse] seconda trilogia.

Cambiato completamente il cast umano costituito dalla texana famiglia Yager, rimane invariato quello robotico con gli Autobot e i Decepticon, con una nuova cromatura fiammante. In più si aggiungono i Dinobot e il cacciatore di taglie interstellare Lockdown.

Grande sfoggio di effetti speciali, azione rocambolesca, un 3D veramente all’altezza di tale impegno di computer grafica, ma la domanda sorge spontanea: erano necessarie due ore e quarantacinque di film, se la sceneggiatura non riesce effettivamente a supportare tale sfoggio di muscoli?

transformers4_4jpgPer carità l’intrattenimento è giusto ma è proprio questo che è venuto a mancare, a nostro avviso. I personaggi umani non sono credibili; abbiamo un Mark Walberg che sembra avere la stessa età di sua figlia e quel che è peggio sembra avere la stessa età del suo ragazzo, inoltre è poco credibile nel ruolo di padre fallito che cerca di mandare avanti la sua famiglia. Ovviamente per gli amanti degli effetti speciali, delle esplosioni e delle sequenze mozzafiato c’è pane per i loro denti, soprattutto le scene girate in territorio cinese dove c’è uno Stanley Tucci in forma smagliante. Tirando le somme il film sarebbe stato altrettanto godibile se fosse durato un’ora circa in meno.

Paolo Corridore

TRANSFORMERS 4 – L’era dell’estinzione

2 Teschi

Regia: Michael Bay

Con: Mark Walberg, Nicola peltz, Peter Cullen

Uscita in sala in Italia: mercoledì 16 luglio 2007

Sceneggiatura: Ehren Kruger

Produzione: Paramount Pictures, Hasbro

Distribuzione: Universal Pictures Italia

Anno: 2014

Durata: 165′

 

InGenere Cinema

x

Check Also

A WHITE, WHITE DAY – SEGRETI NELLA NEBBIA di Hlynur Pàlmason

“Lei mi bastava, mi tagliava i capelli, mi mancava. Credo che mi ...