Home / Recensioni / Home Video / LA MAFIA UCCIDE SOLO D’ESTATE di Pif

LA MAFIA UCCIDE SOLO D’ESTATE di Pif

La mafia uccide solo d'estate copertina01 distribution distribuisce in home video, in formato dvd e blu-ray, La mafia uccide solo d’estate, il film d’esordio di Pif, pseudonimo di Pierfrancesco Diliberto, l’ex iena [ha lavorato come aiuto regista in I cento passi di Marco Tullio Giordana, 2000 e in Un tè con Mussolini di Franco Zeffirelli, 1999], ora conduttore tv per MTV.

Si è parlato molto, e bene, di questo film, apprezzato da pubblico e critica, certamente uno dei più originali lungometraggi del 2013. La mafia uccide solo d’estate non è un film divertente, nel senso che Pif scrive e dirige un film ricco di sarcasmo graffiante che non vuole scadere né nel ridicolo né nella consuetudine, capace di far riflettere e ironizzare, prendendosene gioco, di “Cosa Nostra”.

Siamo lontani, per fortuna, dalle solite commedie senza capo né coda che comici inesperti dirigono per seguire l’onda del successo, supportati, ahimé, da un pubblico che non chiede altro. La mafia uccide solo d’estate è un film intelligente, semplice e originale, che rievoca, attraverso un bambino, Arturo, nato negli anni ’70 a Palermo, la storia della mafia e, trasversalmente, della Repubblica Italiana.

La mafia uccide solo d'estate foto 1Arturo, interpretato magnificamente dal piccolo Alex Bisconti  [e poi, una volta adulto, dallo stesso Pif] è un bambino molto attento ai discorsi degli adulti sulla mafia e sulla politica, tanto da rimanere affascinato dalla figura più discussa della Repubblica Italiana, il leader della Democrazia Cristiana [per ben sette volte presidente del Consiglio]: Giulio Andreotti.

È così conquistato da questo uomo dalla battuta facile e dai movimenti così lenti, da avere un poster in camera, e da presentarsi alla festa di Carnevale abbigliato “alla  Andreotti”, con un vestito, un trucco e un’acconciatura perfetti.  Arturo cresce, e impara a conoscere la mafia da spettatore inerme. Anno dopo anno le vittime di mafia aumentano, e tra queste vi sono molte personalità che si sono battute contro la mafia in Sicilia: dal vicebrigadiere della squadra mobile di Palermo, Aparo Filadelfio, ai giudici antimafia Paolo Borsellino e Giovanni Falcone, al magistrato Rocco Chinnici, o ancora al generale Carlo Alberto Dalla Chiesa e al capo della squadra mobile di Palermo, Boris Giuliano.

La mafia uccide solo d'estate foto 2Arturo incontra di persona, in una pasticceria di Palermo, Boris Giuliano [Roberto Burgio], e condivide con lui il piacere di un iris alla ricotta al forno, e anche Dalla Chiesa [Turi Giuffrida], che gli rilascerà nientemeno che un’intervista. A scuola, infatti, è stato presentato un concorso nel quale ogni bambino dovrà scrivere un articolo sul tema “Un giorno a Palermo”,  Arturo, che si sta impegnando molto, non può non parlare del suo argomento “preferito”: la mafia, che poi è la prima parola che ha pronunciato.

Innamorato, senza però esserne corrisposto, di Flora [Ginevra Antona], Arturo trascorre i suoi giorni tra compiti, tv, e chiacchierate con un giornalista, Francesco [Claudio Gioè], che lo avvicina al mondo del giornalismo. Passano gli anni, ma Arturo rimane lo stesso, e, dopo anni di lontananza, rivede Flora [Cristiana Capotondi]: stavolta Arturo si impegna davvero per conquistarla, ma lei, che lavora come segretaria per il deputato della Democrazia Cristiana, Salvo Lima [Totò Borgese], sembra molto distratta…

La mafia uccide solo d'estate foto 3La mafia uccide solo d’estate, scritto da Pif con Michele Astori e Marco Martani, è un film che strappa sorrisi e talvolta risate, e  coinvolge emotivamente lo spettatore. Come non ridere, ad esempio, di fronte alla scena in cui il boss Totò Riina [Antonio Alveario] non riesce a comprendere come si usa il telecomando del condizionatore, sfinendo un tecnico in piena crisi di nervi.

Pif, insomma, si mantiene sia lontano dalla commedia che dal dramma, ma li affronta entrambi, per poi chiudere con un finale amaro e nello stesso tempo pieno di tenerezza. Da sottolineare la bellezza delle musiche, curate da Santi Pulvirenti, che per il film ha composto la canzone – tormentone Tosami Lady [interpretata da Domenico Centamore], peraltro candidata, nella candidatura Miglior Canzone Originale, al David di Donatello.

Nell’edizione blu-ray tanti e soprattutto alternativi contenuti extra. Si parte da MTV il testimone – Speciale Backstage, con gli interventi del cast, con un divertente faccia a faccia tra Bisconti, Antona e Pif, per continuare con  Aiuta Pif, nel quale vediamo uno strambo ma motivato Pif impegnato nella campagna promozionale del film, aiutato poi, nella sotto-sezione I fan dai suoi sostenitori che gli hanno preparato dei video clip promozionali. Infine, Scene tagliate, con Arturo bambino in spiaggia, con addosso l’asciugamano con il volto di Andreotti, e la curiosa scena tra Pif e la maga Lady Samantha, interpretata dalla simpatica Teresa Mannino. Per concludere, il Trailer.

Gilda Signoretti

LA MAFIA UCCIDE SOLO D’ESTATE

Voto film: 

3.5 Teschi

Voto Blu-Ray: 

3.5 Teschi

Regia: Piefrancesco Diliberto

Con: Piefrancesco Diliberto, Alex Bisconti , Cristiana Capotondi, Rosario Lisma, Ginevra Antona, Claudio Gioè, Roberto Burgio, Turi Giuffrida, Totò Borgese, Antonio Alveario, Barbara Tabita

Durata: 89′

Formato: 1,85:1  HD 1080 24P

Audio: Italiano dts-HD Master Audio

Distribuzione: 01 distribution [www.01distribution.it]

Extra: Commento al film; MTV Il testimone – Speciale Backstage; Aiuta Pif; Scene tagliate; Trailer

Gilda Signoretti

x

Check Also

Vespertilio Awards: Il nuovo premio italiano per il cinema horror!

Arriva la prima edizione del Vespertilio Awards, un riconoscimento cinematografico italiano del panorama ...