Home / Recensioni / In sala / STORIA D’INVERNO di Akiva Goldsman

STORIA D’INVERNO di Akiva Goldsman

storia-d-inverno-poster-italianoNew York. Anni 1895, 1916 e 2014.

Peter Lake [Colin Farrell] è un abile ladro addestrato in gioventù dal demoniaco Pearly Soames [Russell Crowe] e in fuga dallo stesso che, non vedendo più riconosciuto il suo ruolo di mentore, e in nome di un presunto tradimento, vuole catturare e uccidere il suo ex allievo.

Prima di lasciare la città il protagonista tenta il suo ultimo colpo e incontra Beverly Penn [Jessica Brown Findlay], una giovane che soffre di una forma mortale di tubercolosi. Peter si innamora perdutamente della donna: sentimenti, miracoli e destini incrociati governano tutta la narrazione del film nell’ambito della guerra più antica al mondo: quella tra il bene e il male.

Prima regia per lo sceneggiatore premio Oscar Akiva Goldsman, Storia d’inverno è un film tratto dall’omonimo romanzo del 1983 di Mark Helprin.

Una storia d'inverno foto 1Un buon cast, che oltre ai già citati protagonisti comprende Jennifer Connelly, William Hurt, Eva Marie Saint e Will Smith per una versione cinematografica di una storia corposa distillata pazientemente da Goldsman per un risultato però non convincente.

Il film è continuamente minacciato da una rappresentazione ingenua e stereotipata delle due forze che muovono la narrazione:  al cavallo bianco è contrapposto quello nero, la bellezza si oppone alla bruttezza e una luce “invadente” domina sull’oscurità.

Una storia d'inverno foto 2“La storia mescola la realtà con l’inesplicabile che esiste oltre il mondo che vediamo” afferma Goldsman nelle dichiarazioni di regia, e suggerisce continuamente allo spettatore la presenza del magico attraverso dei bagliori applicati in post produzione a discapito della qualità dell’immagine.

Durante la lettura di un buon romanzo un cavallo alato ha un aspetto migliore, le voci non subiscono distorsioni, Manhattan non si materializza alle spalle di Colin Farrell e una cicatrice in volto può bastare per caratterizzare fisicamente un personaggio malvagio. Alcuni effetti speciali sono assolutamente necessari, altri rafforzano caratteristiche ben delineate.

Una storia d'inverno foto 3Esistono storie che anche nella loro trasposizione cinematografica riservano  un certo spazio all’immaginazione e all’intuizione dello spettatore, ci sarebbe piaciuto fare uno sforzo, ma qui non è possibile.

Il destino spinge il protagonista molto lontano, in un altro secolo, in un viaggio alla ricerca di un senso, di ub un miracolo. Lo spettatore potrebbe commuoversi per drammaticità e romanticismo in questo percorso, potrebbe avvicinarsi e affezionarsi ai personaggi ben interpretati, potrebbe perdersi nelle meravigliose scelte scenografiche, se non fosse stato distratto da artifici che lo spingono lontano dalle emozioni di quella che “Non è una storia vera, è una storia d’amore”.

Alice Ortenzi

STORIA D’INVERNO

2 Teschi

Regia: Akiva Goldsman

Con: Colin Farrell, Jessica Brown Findlay, Russell Crowe, Jennifer Connelly, William Hurt, Eva Marie Saint, Will Smith

Uscita in sala in Italia: mercoledì 12 febbraio 2014

Sceneggiatura: Akiva Goldsman

Produzione: Warner Bros. Pictures

Distribuzione: Warner Bros. Pictures Italia

Anno: 2014

Durata: 113′

Gilda Signoretti

x

Check Also

Vespertilio Awards: I vincitori della terza edizione!

Il Vespertilio Awards arriva alla sua terza edizione: questi i vincitori delle ...