Home / Recensioni / In sala / SOTTO ASSEDIO – WHITE HOUSE DOWN di Roland Emmerich

SOTTO ASSEDIO – WHITE HOUSE DOWN di Roland Emmerich

sottoassedio1Per la seconda volta, in poco meno di un anno, la Casa Bianca è stata presa d’assedio da un gruppo di terroristi: la prima era stata con l’action anni ’80 di Antoine Fuqua, Attacco al potere; ora è il Roland Emmerich di Independence day che prova a fare il suo personal Die hard tra le mura del palazzo più potente del mondo.

Sotto assedio – White House down è il titolo in questione e la trama non è di quelle che ha bisogno di molte descrizioni: un gruppo di terroristi da una parte, e l’eroe del momento dall’altra, ovvero la guardia di sicurezza John Cale [Channing Tatum], che tenta con ogni stratagemma di portare in salvo il presidente degli Stati Uniti Sawyer [Jamie Foxx].

Fuori dall’edificio le solite autorità che cercano di tenere sotto controllo al situazione, ma che in verità si fanno vincere dal nemico di turno, che della Casa Bianca farà naturalmente un colabrodo a suon di spari ed esplosioni.

Ma Cale non permetterà che loro vincano, anche perché di mezzo c’è anche la vita della sua giovane figlia.

Quando si ha a che fare con giocattolone del genere, non ci si pone per niente il problema di assistere a chissà quale americanata, e se si è abbastanza intelligenti da arrivare a tale ragionamento, tanto meglio.

sottoassedio3Ma ciò che a Sotto assedio – White House down si può rimproverare di certo è l’utilizzo dell’ironia, voluta e dal regista Emmerich ad ogni costo [tanto da arrivare ad auto-citarsi in una battuta], pur di arruffianare il suo pubblico.

L’elemento ironico qua è un ingombro totale che affloscia i risultati spettacolari dell’opera e manda tutto in malora, tramite battute sceme e personaggi macchietta insopportabili [vedere l’isterica guida turistica per credere].

Per il resto abbiamo il nostro meritato spettacolo fatto di esplosioni, momenti cult [l’inseguimento nei giardini del famoso palazzo], più un attore bolso quanto inespressivo come Tatum per protagonista e un Foxx proto-Obama che sta al gioco e si diverte, ammazzando quanti più cattivi possibili e sparando anche con il lanciarazzi se serve, nonostante interpreti il presidente degli Stati Uniti.

sottoassedio2Se magari Emmerich si fosse limitato a fare un film d’azione duro e puro, allora Sotto assedio – White House down sarebbe potuto essere un film migliore, ma così sa di occasione persa, buona giusto per chi affronta questo genere di lungometraggi con poca intelligenza, e questo non è giusto.

Tanto vale allora rivedersi Attacco al potere, quello si che è un action vero ambientato fra le mura della Casa Bianca.

Mirko Lomuscio

SOTTO ASSEDIO – WHITE HOUSE DOWN di Roland Emmerich

2.5 Teschi

Regia: Roland Emmerich

Con: Channing Tatum, Jamie Foxx, Maggie Gyllenhaal, James Woods, Richard Jenkins, Jason Clarke

Uscita in sala in Italia: giovedì 26 settembre 2013

Sceneggiatura: James Vanderbilt

Produzione: Roland Emmerich, Brad Fischer, Larry J. Franco, Laeta Kalogridis, Harald Kloser, James Vanderbilt

Distribuzione: Warner Bros. Italia

Anno: 2013

Durata: 131’

 

InGenere Cinema

x

Check Also

Vespertilio Awards: Il nuovo premio italiano per il cinema horror!

Arriva la prima edizione del Vespertilio Awards, un riconoscimento cinematografico italiano del panorama ...