Home / Recensioni / In sala / QUELLA CASA NEL BOSCO di Drew Goddard

QUELLA CASA NEL BOSCO di Drew Goddard

quellacasanelbosco1Ve lo diciamo subito: Quella casa nel bosco è la sorpresa cinematografica dell’anno, e se avete intenzione di perdervela [sarà nelle sale italiane dal 18 maggio grazie a M2 Pictures], davvero non potrete trovare motivi di redenzione ai nostri occhi!

Firmato alla regia e alla sceneggiatura [a quattro mani con il Joss Wheddon, creatore di Buffy e regista del film, proprio in questi giorni in sala, The Avengers] da Drew Goddard, alla sua opera prima, dopo le fortunate esperienze come sceneggiatore e produttore di Cloverfield [Matt Reeves, 2008], e delle serie televisive Lost e Alias, il film era già nelle intenzioni dell’autore pretenzioso ed esplosivo: “metterà la parola fine a tutti gli horror sulle case stregate. Vedrete delle cose che non avete mai visto nella vostra vita, resterete increduli davanti ad alcuni dei luoghi in cui vi porteremo. Però sarà divertente. Anche cruento, violento e terrificante, ma divertente.”.

La cosa incredibile è come Goddard sia riuscito a mantenere a pieno la parola data: Quella casa nel bosco è quanto di più incontrollabile e inaspettato si sia affacciato sugli schermi da un bel po’ di anni.

quellacasanelbosco2Per intenti innovatori, rispetto al Genere horror, Quella casa nel bosco potrebbe essere paragonato al primo Scream [1996] di Wes Craven, che mirava a svelare creativamente i funzionamenti del Genere e a rimontarne i meccanismi. Quella casa nel bosco ha un funzionamento non dissimile, ma la sensazione di non trovarsi davanti ad un semplice svelamento di chimere è forte, e pensarlo sarebbe come fare un torto a Goddard, che con il suo film lavora sì in destrutturazione sul Genere-genitore, ma lo fa in maniera libera e coraggiosamente anarchica, in un’esplosione di sorprese e rimbecchi.

La storia [o per lo meno l’illusione di storia che anima il film] è fra le più classiche: un gruppo di amici [due coppie e uno scoppiato] parte alla volta della casa di montagna dello zio di uno di loro. La casa è isolata all’interno di una zona boschiva, il luogo ideale per trovare riparo dal caos cittadino ma, come anche il meno attento conoscitore di film del terrore saprà intuire, isolarsi all’interno di una casa in luogo disabitato per trascorre un weekend di relax, sesso e droga, è facile preludio di una morte inaspettata e cruenta.

Anche in Quella casa nel bosco i presupposti di violenta dipartita dei giovani protagonisti ci sono tutti, e sono davvero cristallini: i cinque giovani si spingono nella tela del ragno e, nonostante alcuni chiari preludi [il benzinaio scorbutico come ultimo segno di civiltà prima di entrare nel territorio maledetto], si ritrovano, dopo una prima giornata di passatempi e strane scoperte, a perlustrare la cantina ricolma di oggetti davvero particolari, dopo aver assistito all’improvvisa apertura della botola che ne nascondeva il passaggio, nel pavimento di legno del soggiorno. All’interno della buia cantina, i giovani sprovveduti si abbandoneranno alla lettura di un non meglio identificato diario, contenente un’invocazione in lingua latina.

quellacasanelbosco4Per gli appassionati sarà scattato il campanello d’allarme Evil dead – La casa [1981], e il film di Raimi è di sicuro il più palese titolo d’ispirazione per Quella casa nel bosco, ma di certo non l’unico.

Perché il film di Goddard sarà un film stra-osannato, soprattutto dagli horror addicted, per quanto è zeppo di omaggi e citazioni.

Un film che contiene tutto, qualsiasi cosa avreste da chiedere ad un film del terrore! Per le citazioni più leggibili si va, appunto, da Evil dead, per passare a George Romero [gran parte del film si muove sui canali dello zombie movie e della zomedy], ad Argento, a Clive Barker e ad un’ironica parodia dei fantasmi giapponesi in stile Ring.

Evitando di dilungarci sulla trama, che mai come in questo caso corre il pericolo di cadere nello spoiler per ogni parola di troppo, vi diciamo che nel cast di Goddard trovano spazio il Chris Hemsworth di Thor [Kenneth Branagh, 2011], Kristen Connely, Anna Hutchison, Frank Kranzie e Jesse Williams, per arrivare ad un cameo di Sigurney Weaver.

quellacasanelbosco3Un film contro gli archetipi [di situazioni e personaggi], contro la classificazione di Generi o sub-Generi [lo slasher si fa zombie movie, che si macchia di commedia, che…]; un film che, bloccato nell’automatismo di “storia nella storia” e di “citazione nella citazione”, arriva a concretizzarsi nel più oscuro meccanismo di cospirazione mai messo in scena.

Quella casa nel bosco demolisce più di una convenzione in campo di cinema dell’orrore, e il fatto che a farlo sia una horror-comedy, fa davvero riflettere.

Luca Ruocco

 

Regia: Drew Goddard

Con: Kristen Connolly, Chris Hemsworth, Anna Hutchison, Fran Kranz

Uscita in sala in Italia: venerdì 18 maggio 2012

Sceneggiatura: Joss Wheddon, Drew Goddard

Produzione: Lionsgate, Mutant Enemy

Distribuzione: M2 Pictures

Anno: 2012

Durata: 95’

InGenere Cinema

x

Check Also

“Roma amor Mio” allo Spazio ArteAtrio

In un periodo in cui, molto faticosamente, cerchiamo di far tornare tutto ...