Home / Recensioni / In sala / IRRATIONAL MAN di Woody Allen

IRRATIONAL MAN di Woody Allen

Irrational ManWoody Allen torna dietro la macchina da presa e sceglie come interprete del suo pensiero “filosofico” il prof. Abe Lucas [Joaquin Phoenix] persona estremamente profonda quanto affascinante, insegnante di filosofia che da un anno sta attraversando un periodo brutto. Egli pare nel bel mezzo di una crisi di mezza età unita ad un smarrimento di obiettivi, e sembra essersi perso in elucubrazioni da filosofo che non gli hanno fatto mantenere vivo il contatto con la realtà.

Nei tempi d’oro della sua gioventù, oltre ad avere molto successo con le donne, Abe era schierato in prima linea come attivista, per cui parliamo di una persona dalla morale e il senso dell’onore molto limpidi. Il suo rovescio della medaglia è l’Abe dei giorni nostri, che invece sembra navigare a vista.

Nella città dove viene trasferito stringe subito amicizia con la studentessa Jill Pollard [Emma Stone], dando vita non solo ad un simpatico chiacchiericcio alle loro spalle ma anche al più classico dei cliché, vale a dire il rapporto amoroso professore/studentessa.

Irrational 3Altro stereotipo sfruttato dal maestro Woody Allen è quello che vede Abe al centro di un triangolo amoroso non solo con la sua studentessa preferita ma anche con un’altra professoressa, anch’ella in piena crisi di mezz’età ma con ancora molta passione da regalare. Improvvisamente, come spesso accade nella vita, Abe si ritrova a spostare l’asse d’equilibrio, a cambiare completamente la visione sul suo mondo zoomando, come farebbe una lente focale di una macchina da presa, su una vicenda ascoltata per caso da degli sconosciuti in un cafè. Questo fatto sconvolge la vita del professore a tal punto da dargli di nuovo uno scopo nella vita, e rinvigorendolo a tal punto da farlo ritornare attivo non solo sessualmente ma anche nella vita di tutti i giorni. A differenza però del passato questo obiettivo non è molto ortodosso, e la morale del suo gesto, pur mossa dalle migliori intenzioni, non è sicuramente limpida come un tempo.

Irrational 2Ovviamente non vogliamo rivelare troppo sulla trama per non correre il rischio di rovinare la visione di questo film di Allen che colpisce per la sua brillantezza di dialoghi, situazioni e colpi di scena, ma che va un po’ a perdere forza prima del gran finale. Il regista percorre la strada della black comedy e pare molto ispirato dalle sceneggiature dei fratelli Coen, senza però avere quel loro cinismo tagliente che li ha resi famosi in tutto il mondo.

Tutto ciò è stato possibile perché effettivamente vediamo tutta la vicenda solo dal punto di vista di Abe e non dal punto di vista di chi subisce i suoi torti, ma evidentemente questo non era l’intento di Allen fin dall’inizio, contribuendo a rendere più fragile il suo lavoro che comunque supera lo stesso il banco di prova dell’intrattenimento.

Paolo Corridore

IRRATIONAL MAN

2.5 Teschi

Regia: Woody Allen

Con: Joaquin Phoenix, Emma Stone, Parker Posey, Jamie Blackley

Uscita in Italia: giovedì 16 dicembre 2015

Sceneggiatura: Woody Allen

Produzione: Perdido, Gravier Productions

 Distribuzione: Warner Bros. Italia

Anno: 2015

Durata: 95′

 

 

 

Gilda Signoretti

x

Check Also

CURSE OF THE BLIND DEAD di Raffaele Picchio

Raffaele Picchio, regista di Morituris, nel 2020 torna alla regia a quattro ...