Home / Recensioni / Animazione / IL GATTO CON GLI STIVALI 2 di Joel Crawford

IL GATTO CON GLI STIVALI 2 di Joel Crawford

Attendevamo da molti anni il secondo capitolo de Il gatto con gli stivali, dopo il successo ottenuto nell’ormai lontano 2011 con un primo capitolo esilarante, che dava finalmente spazio al gatto più coraggioso del mondo, apparso in Shrek 2, assoldato dal suocero dell’orco verde per farlo fuori.

Vi avevamo parlato proprio qui de Il gatto con gli stivali di Chris Miller, che ci aveva convinto e divertito, e torniamo a parlarvi del gattone rosso, scaltro, furbo e dagli occhioni dolci in occasione dell’uscita in sala de Il gatto con gli stivali 2 di Joel Crawford [I Croods 2 – Una nuova era, Trolls Holiday], nelle sale cinematografiche dall’8 dicembre, prodotto da DreamWorks Animation e distribuito da Universal Pictures.

Come si suol dire, secondo tradizione, i gatti hanno nove vite. Il problema si genera quando di vita ne rimane una, l’ultima… è questo il caso del gattone spadaccino che, ormai agli sgoccioli della sua esistenza terrena, entra in crisi con sé stesso e inizia a chiedersi se non sia il caso di abbondonare stivali e spada per vivere un’ultima vita più tranquilla, noiosa e senza pericoli. E cosa c’è di meglio di una pensione per gatti?

Il Gatto con gli stivali ci prova ad ambientarsi e a relazionarsi con altri felini, ma ecco che entrano in scena Riccioli d’Oro e i tre Orsi, alla ricerca della stella del desiderio che, si dice, esaudisca il desiderio più profondo di chiunque riesca a trovarla dopo aver seguito una strana mappa interattiva. Per recuperare le sue precedenti vite, il Gatto dovrà inoltrarsi nella Foresta Nera, e in questa sua impresa sarà affiancato dalla scaltra Kitty “Zampe di Velluto” e dal cagnolino Perrito. Non è finita, perché a dare la caccia al Gatto si aggiungeranno anche il Lupo Cattivo, cacciatore di taglie [e di vite!], e il gigante sadico Jack Horner, bramoso di potere e di diventare il numero uno nel regno della magia, anche lui deciso ad inoltrarsi nella Foresta Nera.

Il gatto con gli stivali 2 si apre proprio con la fine dell’ottava vita del Gatto, di cui non vi diciamo nulla per non rovinarvi la sorpresa, con una sequenza che si rivela subito scatenata e vivace. È solo l’inizio, perché questo secondo capitolo eredita il ritmo del precedente, ma preme di più il pedale dell’acceleratore facendo leva su una storia che include molta più action, partendo dal fatto che gli spettatori ormai conoscono il Gatto, ma stavolta ne scopriranno altri aspetti ed entreranno a contatto con le sue debolezze.

L’avventura nella Foresta Nera servirà a tutti i personaggi per interrogarsi sui propri fallimenti e sul proprio presente. Cosa davvero manca ad ognuno di loro? Cosa manca a Riccioli d’Oro, adottata dalla famiglia di orsi  a cui è molto legata? Cosa manca a Jack Horner assetato di fama e potere, privo di sensibilità e senso dell’umorismo? E cosa si nasconde dietro la sua ingordigia alimentare? Cosa c’è davvero in fondo al cuore del nostro gattone, ribattezzato “Cetriolino”, sempre così spavaldo, scattante e presuntuoso? Anche lui ha le sue fragilità e le manifesterà già nei primi minuti. Il Gatto, però, è coraggioso e sensibile, e toccare il fondo lo aiuterà a risalire migliorato.

Il gatto con gli stivali 2 regala molte risate allo spettatore, è davvero ben strutturato e scorre velocemente. Molte le gag esilaranti, come quelle sulla relazione tra Jack Horner e il Grillo parlante, che rappresenta la coscienza del gigante cattivo, e che fa una gran fatica a farlo ragionare; tra il Gatto e la gattara che gestisce la pensione. Esilaranti le scene in cui vediamo il nostro Gatto comportarsi da normale micio, fare le fusa, mangiare i croccantini sporcandosi i baffi, usare la lettiera piegandosi come fanno realmente i suo simili, leccarsi dopo aver mangiato.

Insomma, andate a vederlo al cinema!

Gilda Signoretti

IL GATTO CON GLI STIVALI 2

Regia: Joel Crawford

Uscita in sala in Italia: mercoledì 7 dicembre 2022

Sceneggiatura: Paul Fisher

Produzione: DreamWorks Animation

Distribuzione: Universal Pictures

Anno: 2022

Durata: 111’

InGenere Cinema

x

Check Also

A WHITE, WHITE DAY – SEGRETI NELLA NEBBIA di Hlynur Pàlmason

“Lei mi bastava, mi tagliava i capelli, mi mancava. Credo che mi ...