Home / Recensioni / Teatro / TEBE AL TEMPO DELLA FEBBRE GIALLA di Odin Teatret

TEBE AL TEMPO DELLA FEBBRE GIALLA di Odin Teatret

L’Odin Teatret, fondata nel 1964 dal regista italiano Eugenio Barba trasferitosi nei paesi scandinavi e poi successivamente in Danimarca, è probabilmente la compagnia teatrale più longeva di tutti i tempi. Dopo quasi sessant’anni di teatro, l’Odin Teatret ha scelto di chiudere i battenti e sciogliersi salutando il pubblico con un ultimo spettacolo: Tebe al tempo della febbre gialla, in scena al Teatro Vascello di Roma dal 26 settembre al 2 ottobre.

È impossibile parlare di questo spettacolo senza tenere presente il lavoro di ricerca teatrale che Barba – ultimo maestro vivente del teatro occidentale, allievo e amico di Jerzy Grotowski – e di conseguenza l’Odin Teatret, hanno portato avanti per oltre metà secolo. È impossibile perfino vedere questo spettacolo senza tenere sempre bene a mente a cosa si sta assistendo: a un enorme pezzo di Storia del Teatro che porta in scena il punto finale della propria ricerca. L’Odin propone come suo ultimo spettacolo una performance poetica interamente recitata in greco antico – ad eccezione di alcune rare frasi in italiano che servono a orientare lo spettatore – ambientata il giorno dopo l’ultima battaglia per il dominio di Tebe tra i due figli di Edipo.

Uno spettacolo estremamente evocativo e immaginifico, che richiede però allo spettatore uno sforzo estremo nel lasciarsi coinvolgere dall’azione scenica. C’è di certo la percezione costante e palpabile della grandezza dell’arte teatrale cui si sta assistendo, della gigantesca capacità attoriale, della missione sociale del teatro: si intuisce, insomma, che sul palco qualcosa di grande stia accadendo. Così come le donne di Tebe raccolgono i corpi morti dei guerrieri alla fine della guerra per il dominio di Tebe e li adagiano su lenzuola sporche di sangue, Barba raccoglie la lingua morta – il greco antico – dalle ceneri della modernità per restituirle una dignità nella sua fine, con la volontà azzardata che la performance possa trascendere la barriera linguistica e vivere nonostante la zavorra del passato.

Purtroppo, però, l’azzardo non arriva alla vittoria.

L’uso della lingua morta si rivela invece un muro insormontabile, che crea difficoltà, distoglie l’attenzione, a volte perfino respinge. Per quanto si sia pronti ad accogliere l’atto performativo, risulta davvero difficile riuscire a entrare: si assiste – come dicevamo prima – certamente a qualcosa di grande, ma che ahinoi rischia di peccare di sterilità. E non è solo la trama, la storia, la narrazione a destare dubbi nello spettatore, ma l’intera costruzione scenica che invece di provare a svelare ciò che la lingua non permette di capire, non fa altro che aggiungere domande: un esempio tra tutti, l’uso costante e massiccio delle opere d’arte espressioniste.

Per riuscire a rispondere ad alcuni perché che Tebe al tempo della febbre gialla lascia nello spettatore [certo, sempre che si ritenga importante trovare risposta alle domande] è necessario acquistare [a un prezzo irrisorio, c’è da dirlo] la guida allo spettacolo che la compagnia propone. Questo piccolo libricino che racchiude una specie di diario di Barba scritto durante la creazione, a tratti mette ordine in ciò che Odin Teatret porta in scena: proprio per questo ci sentiamo di sottolineare che sarebbe più opportuno fosse incluso nel costo del biglietto e destinato a ogni spettatore prima dell’ingresso in sala.

Perché un teatro che scientemente tende a escludere lo spettatore, ad allontanarlo, a metterlo in difficoltà possa quantomeno avere volontà, fuori dal palcoscenico, di farlo sentire accolto.

Irene Scialanca

TEBE AL TEMPO DELLA FEBBRE GIALLA

Regia: Eugenio Barba

Con: Kai Bredholt, Roberta Carreri, Donald Kitt, Iben Nagel Rasmussen, Julia Varley

Quando: dal 26 settembre al 2 ottobre al Teatro Vascello

Drammaturgia: Thomas Bredsdorff

Produzione: Odin Teatret

Anno: 2022

Durata: 70’

InGenere Cinema

x

Check Also

Visions of Suffering, Hyde’s Secret Nightmare e XXX Collection a novembre in Italia con TetroVideo

A partire da oggi, 23 novembre, sul sito ufficiale TetroVideo e sul sito ...