Home / Recensioni / In sala / TOP GUN: MAVERICK di Jospeh Kosinski

TOP GUN: MAVERICK di Jospeh Kosinski

Dopo ben 36 anni, e l’assenza dell’ottimo Tony Scott al timone, arriva sul grande schermo Top Gun: Maverick di Jospeh Kosinski, seguito dell’iconica pellicola che ha consacrato Tom Cruise nell’immaginario collettivo del grande pubblico, soprattutto per quegli ex-giovani nati negli anni ’80 che ormai non possono fare a meno di associarlo allo spericolato pilota di aerei da combattimento.

Il film si colloca cronologicamente esattamente 36 anni dopo i fatti del precedente e vede Pete “Maverick” Mitchell non avere proprio intenzione di avanzare di grado o di rimanere in un angolo ad invecchiare tranquillamente come altri suoi colleghi coetanei che, invece, hanno scelto il ramo dirigenziale.

Maverick è uno sperimentatore, una persona sfrontata e ardimentosa, che vuole mettersi sempre alla prova e spinge sempre più in là il suo limite: come Icaro punta sempre più in alto, verso il Sole. Lo ritroviamo alle prese con un test non autorizzato di un caccia stelth di ultima generazione in grado di spingersi alla soglia di Mach10 [vale a dire 10 volte la velocità del suono].
Ma il tempo dei test dura poco, Mitchell viene richiamato all’ordine dal suo amico/nemico Tom “Iceman” Kazinsky [Val Kilmer] per prendere parte a missione speciale ad alto rischio per la quale sono necessari nervi d’acciaio, istinto formidabile e, diciamolo chiaramente, un’alta propensione al suicidio.
Il passato con il suo carico di sensi di colpa però è sempre dietro l’angolo, la morte del suo caro amico Nick “Goose” Bradshaw è un macigno difficile da sopportare e rivedere gli occhi del suo amico in quelli del figlio Bradley [Miles Teller] non è facile. Infatti, inizialmente, Mitchell viene convocato tra i Top Gun per formare questi giovani piloti e prepararli ad affrontare questa missione impossibile, ma si sa: non si può tenere Maverick in panchina…
Possiamo affermare con molta franchezza la linea narrativa di questo film è molto semplice, schietta, diretta tanto che verrebbe da chiedersi se avesse senso riprendere le redini di questo personaggio dopo così tanto tempo. La risposta è “assolutamente sì!”. Non tanto per gli sviluppi del personaggio, ma perché da un certo punto della sua carriera in poi la vita di Tom Cruise sembra essere diventata realmente quella di Maverick!
Ogni pellicola che Tom, produce, interpreta e in qualche modo scrive ritagliandola su sé stesso, reca in sé una nuova sfida, un nuovo limite da superare e riteniamo che la sfida per Tom sia stata ampiamente superata.
Questo è un film d’azione, dove si parla anche d’amicizia, d’amore, di onore ma è soprattutto un film d’intrattenimento e come tale va rigorosamente rispettata la liturgia della “sala cinematografica” proprio per goderne a pieno.
I fan non rimarranno delusi.
Paolo Corridore
TOP GUN: MAVERICK
Regia: Jospeh Kosinski
Con: Tom Cruise, Miles Teller, Jennifer Connelly, Val Kilmer, Ed Harris, John Hamm
Uscita in sala in Italia: mercoledì 25 maggio 2022
Sceneggiatura: Ehren Kruger, Christopher McQuarrie, Eric Warren Singer
Produzione: Skydance Media, Jerry Bruckheimer Films
Distribuzione: Eagles Pictures
Anno: 2022
Durata: 131′

InGenere Cinema

x

Check Also

AMBULANCE di Michael Bay

Micheal Bay è uno di quei registi estremamente riconoscibili, la cui filmografia ...