Home / Recensioni / Editoria / MONSTRORUM HISTORIA di Ulisse Aldrovandi

MONSTRORUM HISTORIA di Ulisse Aldrovandi

Irrinunciabile adunata in libreria per tutti gli Amici dell’Horror: da qualche settimana, infatti, Moscabianca Edizioni ha portato sugli scaffali una edizione illustrata di grande formato e con cover cartonata dell’affascinante Monstrorum Historia di Ulisse Aldrovandi.

Il volume è curato da Lorenzo Peka, a cui è spettato l’importante compito di ridurre il testo originale di oltre 1000 pagine in uno più agile e moderno, senza però fargli perdere lo spirito del libro originale, né cancellarne la suddivisione in argomenti proposta.

Insigne studioso del XVI secolo, Aldrovandi si interessò anche agli studi umanistici, ma fu in quelli scientifici che brillò e si specializzò, arrivando a pubblicare studi naturalistici dedicati al mondo animale e vegetale. Nel 1642, postumo e assemblato dal suo assistente Bartolomeo Ambrosini, andò in stampa il suo Monstrorum Historia, un affascinante catalogo ragionato delle stranezze viventi in natura. Un tentativo di dare ordine ad un apparente caos della materia [e del senso] che parte con uno studio particolareggiato sull’essere umano, dall’anatomia ai costumi. Un argomento ancora assente dalle pagine compilate dallo scienziato e che trovava ancora maggior senso all’interno di un volume che mirava anche ad analizzare e a presentare al lettore le varie malformazioni raccolte e documentate [attraverso testimonianze storiche, coeve e cronache d’epoca] che conducevano ad una spiazzante meta finale: la mutazione e il malfunzionamento di quella macchina apparentemente perfetta che è il corpo umano. Un viaggio affascinante, bizzarro e anche un po’ perverso, che ancora oggi non perde un grammo del suo fascino.

Aldrovandi si dimostra uno studio assai moderno, anticipatore. C’è da tener presente, mentre si affronta la lettura di Monstrorum Historia, che il passaggio da un credo fatto di superstizioni medioevali ed eredità di tradizioni mitologiche antiche allo scetticismo scientifico non avvenne certo dall’oggi al domani. Ci fu un lungo periodo in cui questi due tipi di intelligenze convissero, amalgamandosi o duellando.

È per questo che quando il libro di Aldrovandi inizia finalmente a parlare di “Mostri” lo fa presentando una carrellata di creature mitologiche pescate da testi e trattati del passato più remoto [dal Blemma al Centauro…]. La prima cosa che potrà stupirvi è il comportamento dello scienziato nei confronti di queste creature, di queste credenze: Aldrovandi cerca di dare un senso al mito proprio attraverso la scienza, arrivando a suggerire al lettore l’effettiva inesistenza di tale “Mostro”, lì dove non riesce a scorgere la traccia più piccola della presenza di qualche tipo di deformità che, in passato, possa essere stata letta erroneamente, alla scarsa luce della cultura e delle tradizioni. Uno sguardo aperto e attento, quindi, che si propone di ragionare sulla stessa interpretazione [allegorica e simbolica] finora data ai cosiddetti “Mostri”. Ma un approccio che, ripetiamo, per quanto avanguardistico è graduale, quindi cade in errore e rimette in gioco tante ipotesi [anche di altri studiosi che hanno preceduto Aldrovandi] e testimonianze di taglio più grossolano e superficiale.

Il fiore all’occhiello dell’edizione Moscabianca è costituito, chiaramente, dalle straordinarie illustrazioni d’epoca, che proprio partendo dall’anatomia umana, si dipanano tra creature leggendarie e mitologiche, mostri marini giganti e animali umanoidi, per arrivare alle già citate deformità naturali possibili e credibili [sia del regno animale, con un lungo focus sull’uomo, che di quello vegetale]. Si torna poi al mitico, con una chiusa rapida ma affascinante sulle manifestazioni “mostruose” celesti.

Vi chiediamo, Amici di InGenereCinema.com: davvero volete perdervi tutto questo?

Parliamo di Monstrorum Historia [e vi mostriamo anche qualche illustrazione] anche nel nostro Nel Frattempo in Redazione… di Marzo. Lo trovate qui sotto!

Luca Ruocco

MONSTRORUM HISTORIA

Autore: Ulisse Aldrovandi [a cura di Lorenzo Peka]

Editore: Moscabianca Edizioni [www.moscabiancaedizioni.it]

Pagine: 320

Illustrazioni/Foto: Si

Costo: 24,00

InGenere Cinema

x

Check Also

CURSE OF THE BLIND DEAD di Raffaele Picchio

Raffaele Picchio, regista di Morituris, nel 2020 torna alla regia a quattro ...