Home / Recensioni / Teatro / “Roma amor Mio” allo Spazio ArteAtrio

“Roma amor Mio” allo Spazio ArteAtrio

In un periodo in cui, molto faticosamente, cerchiamo di far tornare tutto alla normalità, specialmente nel settore del cinema e ancor più dello spettacolo dal vivo, la nascita di una nuova esperienza, di un nuovo contenitore destinato a teatro e cultura non può che essere salutata con gioia ed entusiasmo. Ed è proprio con questo senso di entusiasmo che il pubblico [nutrito e compatto] ha assistito, sabato 13 e domenica 14 novembre, a Roma Amor Mio, lo spettacolo che ha dato il via ad una di queste nuove esperienze: lo spazio ArteAtrio; anzi, per essere precisi una nuova/vecchia esperienza, che nasce a tutti gli effetti dal percorso pluriennale [e dai locali] dello storico Teatro Ygramul, solida realtà del territorio di San Basilio/San Cleto a Roma, di cui il progetto ArteAtrio condivide ed eredita gli spazi e l’operato; attraverso la collaborazione fra il suo fondatore Vania Castelfranchi e il direttore artistico di ArteAtrio Salvatore Mosca, infatti, ha preso vita questo nuovo esperimento culturale, che si presenta da subito con un biglietto da visita molto ricco; e soprattutto, orientato alla diffusione della cultura a tutti i livelli, senza trascurare la tradizione e la cultura popolare, impegno quanto mai lodevole nei nostri tempi, in cui assistiamo sempre più spesso ad una lenta ma inesorabile disgregazione di quel patrimonio di oralità e di storia di cui Roma è, invece, ricchissima. Un patrimonio che attraversa la nostra città dal centro alle borgate [esattamente come quella di San Basilio], creando un filo rosso di appartenenza socio-antropologica in cui, inevitabilmente, ci rinasciamo tutti, pur senza averne, a volte, memoria. Proprio da questa “dichiarazione di intenti” parte questa prima stagione dello spazio ArteAtrio, con lo spettacolo Roma Amor Mio, un vero e proprio omaggio agli ultimi due secoli di storia dell’Urbe, costellato di racconti, aneddoti e piccole gemme nascoste fra fatti, fatterelli e personaggi che per decenni hanno popolato la “scena” romana. In particolare lo spettacolo, costruito da Maurizio Canforini e Alessia Tona, dedica una grande attenzione alla musica [e musicalità] della romanità verace, di un tempo, ricostruendo un percorso sonoro che, da semplice intermezzo, assume presto un ruolo da vero a proprio protagonista [complici anche l’ottimo accompagnamento alla chitarra di Stefano Candidda e la notevole interpretazione canora proprio di Alessia Tona, uno “Spirito di Roma” che ci ha accompagnato con emozione e poesia per tutto questo viaggio].

Così, per due ore, il pubblico è stato accompagnato lungo un gradevolissimo “viale dei ricordi”, fatto di personaggi da rione di una Roma perduta, in bilico fra l’immobilismo papale e la rivoluzione libertaria, i grandi personaggi di inizio secolo, i divi e le dive degli anni d’oro di Cinecittà, della “Hollywood sul Tevere”, del grande teatro romano. Un mondo evocato da canzoni e monologhi dei nostri narratori Canforini e Tona, ma anche dai piccoli episodi romantici che si inseguono, come amanti per i vicoli di Trastevere, per tutto lo spettacolo, interpretati dai giovani Laura Sodano, Mirko Basile, Irene Egidi, Matteo Di Pinto e Valeria Borsellini.

Senza dubbio, se dobbiamo giudicare da questo primo appuntamento, un ottimo nuovo inizio che, nel solco già tracciato di un impegno teso a portare iniziative culturali, soprattutto dove è più necessario, si propone felicemente di divulgare e creare comunità, attraverso un sodalizio di personalità artistiche che, con la loro cooperazione, si stanno impegnando notevolmente in questa “missione”.

La strada migliore, e forse l’unica possibile, per ripartire dalla cultura, attraverso la memoria ma con uno sguardo a ci  che ci attende.

Federico Moschetti

InGenere Cinema

x

Check Also

ENCANTO di Jared Bush, Byron Howard e Charise Castro Smith

I Walt Disney Animation Studios festeggiano il traguardo del 60esimo lungometraggio animato ...