Home / Recensioni / Festival / IO SONO BABBO NATALE di Edoardo Falcone

IO SONO BABBO NATALE di Edoardo Falcone

La Festa del Cinema di Roma quest’anno ha scelto come film di pre-apertura una pellicola simbolica: l’ultima interpretazione sul grande schermo del Maestro Gigi Proietti in Io sono Babbo Natale.

È certo stato davvero fortunato Edoardo Falcone [Se Dio Vuole, Questione di Karma] a poter godere per ultimo di lavorare con un attore come Proietti e – per la gioia di tutti – di poterlo fare con un film dolce, caloroso e diverso dal solito.

Io sono Babbo Natale è, infatti, a tutti gli effetti un film di Genere. Un fantasy che strizza l’occhio ai film di Natale anni Ottanta, che cita registicamente [senza volerlo, per ammissione del regista] Ritorno al futuro e quel filone del fantastico che ha fatto la storia del cinema americano e non solo.

Gigi Proietti ci saluta per l’ultima volta vestendo i panni nientepopodimeno che di Babbo Natale: non una copia, né un’ispirazione, ma proprio quel vecchietto arzillo vestito di rosso che la notte del 24 dicembre porta doni ai bambini di tutto il mondo. Stanco di vivere in Lapponia, alla sua veneranda età ha deciso di trasferirsi a Roma, città più calda e confortevole.

Come ogni commedia da manuale che si rispetti, si imbatte nel suo opposto: Ettore [Marco Giallini] è un ex detenuto, ladro appena uscito di galera senza arte né parte che, per tornare a vivere in libertà, non può far altro che continuare nella sua occupazione precedente, cioè rubare.

L’intera pellicola si sviluppa nel rapporto tra i due riuscendo a non cadere nel cliché del cattivo che diventa buono [o, quantomeno, buono nel senso più riconosciuto del termine] grazie all’indottrinamento di qualcuno più anziano e più onesto di lui. Anzi, usa la comicità che ne deriva spesso in maniera scorretta, irriverente ma decisamente funzionale. Proietti e Giallini, entrambi fuoriclasse, si amalgamano tra loro alla perfezione in un continuo scambio di battute e occhiatacce recitate con destrezza e maestria. Ottima anche l’interpretazione di Barbara Ronchi, in un ruolo secondario ma per niente marginale allo sviluppo del racconto.

Decisamente forte l’idea che il personaggio di Babbo Natale venga raccontato come un supereroe, con poteri straordinari che gli permettono però non di combattere ma, bensì, di donare, donare agli altri senza ricevere in cambio niente per sé stesso.

Ne esce un film piacevole, divertente, che racconta una storia classica utilizzando elementi diversi dal solito, forte di una sceneggiatura di ferro che – come nelle migliori commedie natalizie – sa far ridere ma anche commuovere.

Gli effetti speciali, seppur credibili e integrati, risultano un po’ troppo evidenti per le abitudini cinematografiche degli ultimi anni e mal reggono il confronto con gli standard extra confine nazionale. Nonostante questo, secondo il nostro parere, non disturbano la visione: un green screen troppo evidente viene perdonato dall’emozione di vedere Proietti sfrecciare su una slitta supersonica e girare il mondo.

Nonostante Io sono Babbo Natale sia, dunque, a tutti gli effetti, il film perfetto da gustare in sala la sera del 25 dicembre, la data di uscita è fissata per il 3 novembre, in occasione dell’anniversario della morte [e della nascita] di Gigi Proietti.

Se sia una mossa giusta o troppo azzardata – c’è davvero voglia di vedere un film di Natale quasi due mesi prima delle festività? – lo scopriremo col tempo.

Intanto, gioiamo per il miglior regalo di Natale anticipato che potessimo mai desiderare: rivedere Gigi Proietti sullo schermo per un’ultima volta ancora.

Irene Scialanca

IO SONO BABBO NATALE

Regia: Edoardo Falcone

Con: Gigi Proietti, Marco Giallini, Barbara Ronchi, Antonio Gerardi, Fabrizio Giannini

Uscita in sala in Italia: mercoledì 3 novembre 2021

Sceneggiatura: Edoardo Falcone

Produzione: Lucky Red e Rai Cinema con 3 Marys

Distribuzione: Lucky Red

Anno: 2021

Durata: 95’

InGenere Cinema

x

Check Also

ENCANTO di Jared Bush, Byron Howard e Charise Castro Smith

I Walt Disney Animation Studios festeggiano il traguardo del 60esimo lungometraggio animato ...