Home / Recensioni / Editoria / LA RAGAZZA CON L’OCCHIO DI VETRO di Stefano Fantelli

LA RAGAZZA CON L’OCCHIO DI VETRO di Stefano Fantelli

Amici dell’Horror, di alfieri dell’orrore in Italia, si sa, oggigiorno non ne abbiamo molti.

Ancor meno [sono davvero pochissimi!] in letteratura e uno di questi è di certo Stefano Fantelli [scrittore e sceneggiatore horror, co-creatore della serie a fumetti The Cannibal Family, collaboratore della casa editrice Cut-Up Publishing e Active Member della Horror Writers Association]. Stefano El Brujo Fantelli, scrittore e stregone, cercatore di fate e culture della cultura dark e weird [spesso anche liminale a quella fuori tempo emo].

El Brujo Fantelli: scrittore e spesso anche personaggio dei suoi racconti e romanzi brevi, dove ci si presenta nelle vesti dell’alter ego con cui noi lettori ormai lo scambieremo per sempre. Un duro, ma quasi sempre un perdente; un finto anaffettivo, un distaccato, ma in fondo un eterno innamorato malinconico; di certo un emotivo e triste nostalgico che, suo malgrado ma quasi sempre per sua grandissima colpa, si trova invischiato in situazioni paradossali, sempre sospese tra eros e thanatos, tra amore e morte e molto più spesso di quanto possiate pensare con Amore e Morte con le iniziali maiuscole [visto che rappresentano l’Amore sommo – momentaneo ed eterno al tempo stesso – e la Nera Signora].

La ragazza con l’occhio di vetro e altre storie di amore dark è di certo un volume che rappresenta in pieno il suo autore [e il suo alter ego finzionale]: Fantelli e il lettore vengono immersi e sballottati all’interno di piccole storie dove tutto tende, nonostante il numero compito di pagine, a dimostrarsi esagerato, a debordare in situazioni degenerate, a esondare nel lato più malato e morboso che la situazione raccontata possa avere. L’amore diventa sofferenza fisica e ossessione, la vita una condanna che porta l’uomo sottomesso a sfidare fisicamente le divinità che muovono i fili dell’universo, il sesso a farsi tortura sadiana ma anche a mostrarsi poco maturo e squallidamente ilare, con allusioni continue e ritornanti e riferimenti goliardici.

E a ritornare sono anche riferimenti ben precisi, che si palesano di racconto in racconto, a mostrare una sorta di reverenza somma, di gioco ridondante dell’autore che continua a sussurrare all’orecchio del lettore frasi non sue [quella che ritorna più volte è l’“allora capii, fui costretto a capire” di Fabrizio De Andrè, ma ci troverete anche Sclavi], mescolate alle sue storie malinconiche, morbose e oscure.

Il volume si sviluppa quasi in momenti tematici, partendo dalla storia che da il titolo al volume [elegante e cartonato, con illustrazioni di paragrafo], in cui Fantelli ci presenta precisamente non solo il mood dell’opera ma anche l’immagine tipo della donna protagonista delle sue storie brevi [pelle estremamente bianca percorsa da arabeschi di venature che risultano ben visibili sotto quel candore, capelli lunghi e di colori spesso appariscenti, carattere deciso, in diversi casi dominatrice]. Una donna che è la reale protagonista di tutti i racconti, quasi sempre carnefice o marionettista, raramente o solo momentaneamente vittima.

Di storia in storia vari elementi si aggiungono alla ricetta: a volte ironia grottesca, a volte una violenza grafica. Fino a raggiungere l’ultima parte della raccolta, dove a prendere piede è una sorta di strano sci-fi.

La ragazza con l’occhio di vetro è un’antologia che riesce a rappresentare un autore che ha una sua poetica autoriale ben riconoscibile e cristallizzata. Allo stesso tempo i rimandi e i ritorni di frasi, personaggi e situazioni, da un racconto all’altro, potrebbero – dopo un po’ – apparire eccessivi. Ma di incubi, nichilismo e iniquità ne troverete in abbondanza, in una continua mescolanza di alto e di basso. Di riuscito e di meno convincente.

Luca Ruocco

LA RAGAZZA CON L’OCCHIO DI VETRO

Autore: Stefano Fantelli

Editore: Cut-Up Publishing [http://www.cut-up.it/]

Pagine: 236

Illustrazioni/Foto:

Costo: 17,90 euro

InGenere Cinema

x

Check Also

IO SONO BABBO NATALE di Edoardo Falcone

La Festa del Cinema di Roma quest’anno ha scelto come film di ...