Home / Recensioni / Festival / RELIC di Natalie Erika James

RELIC di Natalie Erika James

La regista e sceneggiatrice australiana Natalie Erika James, dopo una carriera divisa tra cortometraggi e video musicali, realizza la sua opera prima Relic, un horror d’atmosfera tratto da esperienze e suggestioni personali.

Edna, un’anziana signora, scompare da casa. La figlia Kay e la nipote Sammy decidono di andarle a fare visita per vedere che stia bene. Edna ritorna a casa senza ricordare cosa sia successo. Le due donne si accorgono di strane macchie e rumori provenire dai muri di casa. Una presenza malefica si aggira in casa.

L’acqua fuoriesce da una vasca da bagno e si riversa giù per le scale fino a giungere in un salone, dove una donna anziana nuda osserva l’albero di natale accendersi e spegnersi. I giallo delle luci calde illumina l’atmosfera tetra della casa immersa in una fotografia fredda. Edna non viene vista dai vicini da parecchio tempo.

Jamie, un ragazzo con la sindrome di down, non si reca più a trovare la donna dopo essere stato dimenticato dentro il guardaroba. La donna soffre di perdita di memoria. Molteplici post-it sparsi per la casa ricordano a Edna i nomi degli oggetti sui quali sono affissi. Sammy ritrova un vecchio album da disegno della nonna dove è raffigurata una vecchia cascina appartenuta al bisnonno, la stessa cascina che Kay sogna la notte.

La madre perde sempre più lucidità e i ruoli si invertono. Ora è Kay a controllare che non ci siano mostri sotto il letto della madre impaurita da una presenza in casa.

Mentre Kay visita una casa di riposo per far vivere una vecchiaia serena a Edna, Sammy si avvicina alla nonna per godersi il tempo che le rimane in sua compagnia.

Il tempo, il sicario malvagio che nessuno può contrastare. Un lungometraggio complesso, che si svela e lascia riflettere solo verso la fine. Sammy rimane intrappolata nelle pareti di casa dopo essersi addentrata nella stanza del guardaroba della nonna. Le luci si spengono e la casa rimane nell’ombra.

La claustrofobia aumenta. Il senso di perdita si fa sempre più vicino. La carne della madre è in putrefazione. Figlia e nipote devono fare i conti con l’inevitabile destino dell’essere umano. La morte, dea invisibile ma reale, vera presenza oscura nella vita di tutti noi. Distese a letto le tre generazioni si abbracciano chiudendo il cerchio della vita.

L’ambiente immersivo rende la casa la vera presenza oscura del film. Il buio, il bosco, i rumori improvvisi delle pareti contribuiscono a rendere l’umore di Edna imprevedibile e pericoloso. Una lenta escalation di suspense che tiene lo spettatore incollato allo schermo. Un film da vedere assolutamente in sala.
Giulio Golfieri [RATS]

RELIC

Regia: Natalie Erika James
Con: Emily Mortimer, Robyn Nevin, Bella Heathcote

Sceneggiatura: Natalie Erika James, Christian White

Produzione: Carver Films, Nine Stories Productions
Distribuzione: Film Constellation
Anno: 2019
Durata: 89’

InGenere Cinema

x

Check Also

Speciale Luca Vecchi: Dalla commedia iperrealista al dramma famigliare [PARTE I]

Non è semplice per chi scrive parlarvi di questo regista senza essere ...