Home / Recensioni / Festival / BENNY LOVES YOU di Karlt Holt

BENNY LOVES YOU di Karlt Holt

Benny Loves You è una commedia splatter horror con protagonista un peluche assassino. Karlt Holt produce, gira ed interpreta questo film tra tra il 2014 e il 2015, impiegando quattro anni per post-produrlo.

Jack ha trentacinque anni e vive ancora con i genitori. Lavora per la Toy Box, un’azienda di giocattoli dove tutti fanno carriera tranne lui. Il direttore concede a Jack una settimana per portargli una proposta creativa che gli eviti il licenziamento.
Una notte, Benny, il suo pupazzo preferito, prende misteriosamente vita iniziando a uccidere chiunque si prenda gioco del suo amico. Jack vede in lui l’ispirazione per creare una linea di giocattoli innovativa ma ben presto, una donna s’interpone nel rapporto tra lui e Benny, provocando la follia omicida del peluche.

Una bambina capricciosa supplica la madre perché le acquisti una bambola bionda simile a Barbie. Ricevuta Barbara, Ashley getta violentemente nel cesto dei giocattoli il suo vecchio orsacchiotto. Qualcosa di sinistro si aggira nell’aria.
L’orsacchiotto si anima e, preso da una furia omicida, uccide la bambina. Sono passati solo 7 minuti e il film è già una meraviglia!

Karlt Holt interpreta Jack, un eterno bambino. Dorme ancora nella sua cameretta una tana ricolma di giocattoli da cui qualsiasi donna fugge alla sua vista. Indossa camicie di flanella e t-shirt dei Gremlins [Joe Dante] a cui il film si ispira non solo per l’utilizzo del registro comico-orrorifico, ma anche per tecnica di regia.

Il parallelismo più evidente è sicuramente con il film Small Soldiers dello stesso Dante. Nella battaglia finale infatti, il robot creato da Richard [George Collie] vuole uccidere il suo antipatico creatore, mentre Jack viene difeso dal suo robot AIDS, che combatte in uno scontro epocale contro il perfido Benny. Il finale ha una carica poetica degna dei migliori sacrifici eroici della mitologia pop. Benny s’immola per salvare il suo amico diventando il vero eroe della storia.

Quando il direttore minaccia di licenziarlo a causa della sua arretratezza anagrafica, Jack fa piazza pulita dei suoi giocattoli, dei suoi poster e dei ricordi legati alla sua infanzia. L’ultimo giocattolo che ripone però, è Benny, il peluche che lo ha protetto per anni dai mostri del corridoio. È in questo istante che il regista abbatte le barriere del Genere riuscendo a non porre limiti al suo pubblico. Ognuno di noi infatti si è trovato una volta nella vita di fronte alla scelta di liberarsi dei propri feticci infantili, provando una grande tristezza e un grande rimpianto per i giorni felici passati senza preoccupazioni.

Il tema dell’eterno bambino passa nettamente in secondo piano quando Benny si risveglia rivendicando l’amore del suo padrone con una furia omicida che ha tutti gli aspetti di un grande capriccio infantile perpetrato per ricevere attenzioni dal suo padrone. Un’escalation sanguinolenta di omicidi e mutilazioni, conditi da amore e affetto, rendono Benny Loves You un vero cult del Genere splatter.
Giulio Golfieri [RATS]

BENNY LOVES YOU

Regia: Karl Holt
Con: Karl Holt, Claire Cartwright, George Collie, James Parsons
Uscita in sala in Italia: /
Sceneggiatura: Karl Holt
Produzione: Darkline Entertainment
Distribuzione: Raven Banner
Anno: 2020
Durata: 94’

InGenere Cinema

x

Check Also

Larva Mental: prime immagini del brutale film shock sulla body art estrema

In attesa del primo trailer, TetroVideo ha diffuso le prime immagini di ...