Home / Recensioni / In sala / OMICIDIO ALL’ITALIANA di Maccio Capatonda

OMICIDIO ALL’ITALIANA di Maccio Capatonda

L’opprimente tranquillità  del piccolo paese di Acitrullo, sperduta località popolata da soli 16 cittadini dell’entroterra abruzzese, viene improvvisamente sconvolta da uno strano omicidio: il cadavere di una ricca contessa viene ritrovato sotto la torre del campanile della chiesa, martoriato con un set di coltelli da cucina. Per il sindaco Piero Peluria [Maccio Capatonda], e per suo fratello Marino [Herbert Ballerina], questo inquietante avvenimento potrebbe essere, però, la chiave di volta per riuscire a riportare un po’ di vita e di attenzione verso il loro paese che, a breve, potrebbe essere affiancato ad altri piccoli centri diventati molto noti proprio grazie a sanguinosi episodi di cronaca nera!

In men che non si dica, i desideri dei due Peluria si trasformano in realtà e Acitrullo si popola di un esercito di affamatissimi giornalisti, capitanati da Donatella Spruzzone [Sabrina Ferilli], conduttrice della trasmissione “Chi l’acciso?”, da grotteschi turisti ossessionati da killer e omicidi, oltre che da agenti delle forze dell’ordine, a dire il vero un po’ troppo abituati a aspettare che i reporter TV facciano le indagini al loro posto.

Dopo Italiano medio [2015], Marcello Macchia, in arte Maccio Capatonda, torna a raccontare l’Italia, col suo modo assolutamente personale, grottesco e sopra le righe. E come con il suo primo film, i presupposti per trovarsi di fronte ad un episodio alto di satira sociale e di costume ci sono tutti… ma [come nel film precedente] cadono uno a uno dopo qualche decina di minuti di visione.

Capatonda ha abituato il suo pubblico, web e televisivo, ad un tipo di comicità molto elementare, bambinesca, fatta di parole pronunciate in modo errato e con voci nasali, di nomi strani che nascondono l’essenza stessa del personaggio a cui sono affidati e, soprattutto, di uno sguardo estremamente deformato verso quella che è la realtà italiana di tutti i giorni.

Tutti buoni ingredienti che, mescolati anche in maniera grossolana, hanno portato Capatonda sull’Olimpo dei comici italiani. Ma la stessa ricetta, su grande schermo, si dimostra sciatta e raffazzonata, portando sotto la lente d’ingrandimento i difetti di un modo di raccontare probabilmente troppo misero, piuttosto che i momenti comici e quelli riusciti di irrisione, che pure ci sono.

La riuscita filmica di Omicidio all’italiana non riesce ad eguagliare nemmeno lontanamente il potenziale dell’idea autoriale da cui si origina, anzi: si ride troppo poco e ci si sente ingannati da continue battute volutamente ottuse ma che dopo poco suonano banali e, nonostante qualche riconoscibile riferimento cinematografico, il film non poggia su una solida base tecnica.

La macchina-film cammina a tratti, ma si inceppa troppo spesso e non sembra non ci sia un autista pratico alla guida.

Luca Ruocco

OMICIDIO ALL’ITALIANA

Regia: Maccio Capatonda

Con: Maccio Capatonda [Marcello Macchia], Herbert Ballerina [Luigi Luciano], Gigio Morra, Sabrina Ferilli, Roberta Mattei, Ivo Avido [Enrico Venti], Fabrizio Biggio

Uscita in sala in Italia: giovedì 2 marzo 2017

Sceneggiatura: Marcello Macchia, Gianluca Ansanelli, Luigi Luciano, Daniele Carlani, Sergio Spaccavento

Produzione: Leone Film Group, Medusa Film

Distribuzione: Medusa Film

Anno: 2017

Durata: 94’

InGenere Cinema

x

Check Also

CURSE OF THE BLIND DEAD di Raffaele Picchio

Raffaele Picchio, regista di Morituris, nel 2020 torna alla regia a quattro ...