Home / Recensioni / In sala / GHOSTBUSTERS di Paul Feig

GHOSTBUSTERS di Paul Feig

Il Ghostbusters di Paul Feig, il film che ha diviso a metà il pubblico di fan degli acchiappafantasmi, è arrivato negli store in DVD e Blu-Ray, distribuito da Universal Pictures. Abbiamo già avuto modo di parlare in maniera approfondita del nuovo capitolo della saga che, per chi scrive, riesce ad illudere lo spettatore, per una manciata di minuti, che tutto stia andando per il verso giusto. Ma è un’illusione che dura poco, perché il baraccone messo in moto da Feig sfoggia dopo pochissimo la sua arma più crudele: una comicità demenziale e ridondante che viene sbattuta in faccia allo spettatore fino a rintontirlo completamente, in una sequela infinita di battute fin troppo scontate e slapstick utili solo ad appesantire e ad eliminare qualsiasi utile velo di verosimiglianza e di credibilità dalla vicenda.

Il nuovo Ghostbusters cammina sul filo rosso che divide remake da reboot e, spogliando il film da quanto c’è di velleitario, ci si trova davanti al nudo scheletro narrativo del film originale, ma è comunque forte la volontà del regista-autore di slacciarsi completamente dai fatti già narrati e, in generale, dal mood della commedia anni ‘80. Feig non ci propone veri personaggi, le quattro nuove acchiappafantasmi si comportano in maniera troppo simile l’una con l’altra, e non sviluppano davvero una personalità, limitandosi ad una sequela di comportamenti demenziali che poi diventano ancora più esagerati nel personaggio affidato a Chris Hemsworth, versione maschile con evidenti ritardi mentali della telefonista interpretata da Annie Potts.

A mancare del tutto è anche il fascino misterioso che si nasconde dietro l’invasione degli spettri.

Caramelle dolci per ingoiare più facilmente l’amara medicina sono i camei del cast storico: buoni quelli di Murray intenditore di fenomeni paranormali, dello storico palazzo dei pompieri e di Sigourney Weaver mentore di una delle protagoniste, mentre insapori gli altri, compreso quello di Aykroyd [anche produttore del film].

Cosa troviamo nel Blu-Ray distribuito da Universal Home Video? Innanzitutto la versione estesa del film [134’, invece del 116’ arrivati in sala]. All’interno dei circa venti minuti extra, preludi o sviluppi più articolati delle scene della lezione in aula magna di Erin e del racconto della giovinezza di Erin e Abby; un curioso fantasma incarnato nella schiena di un’anziana signora all’Hotel Mercado; qualche scenetta poco utile sul rapporto tra gli uomini della sicurezza del sindaco di New York e le acchiappafantasmi; l’incipit della possessione di Abby in bagno, con tanto di mocciolosissimo slime; l’intervista di un blogger nerd; un infinito siparietto tra Kevin e l’invisibile venditore di panini Mario, sulla chiusa e, soprattutto, una cosa che davvero mancava: Jillian che spiega alle sue colleghe il pericolo di “incrociare i flussi” dei loro fucili protonici! Finalmente: questo particolare doveva essere sembrato davvero poco importante in montaggio, prima di arrivare in sala…

Fra gli extra lunghe clip di errori sul set; scene tagliate e tante improvvisazioni. Uno speciale di backstage su come creare e utilizzare lo slime [con tanto di ricetta per realizzarlo a casa!] e i commenti di regista, produttore e attori.

Luca Ruocco

GHOSTBUSTERS

Voto film:

Voto Blu-Ray: 

Regia: Paul Feig

Con: Melissa McCarthy, Kristen Wiig, Kate McKinnon, Leslie Jones, Chris Hemsworth, Cecily Strong

Formato: 2.39:1 – 1920x1080p

Audio: Italiano, Inglese 5.1 DTS-HD MA

Distribuzione: Universal Pictures [www.homevideo.universalpictures.it]

Extra: Versione per il cinema ed estesa; Due commenti del regista; Oltre 15 minuti di papere esilaranti!; 30 minuti di scene alternative da morire dal ridere!; 4 scene eliminate; Arriva la melma; Documentario dietro le quinte

InGenere Cinema

x

Check Also

CURSE OF THE BLIND DEAD di Raffaele Picchio

Raffaele Picchio, regista di Morituris, nel 2020 torna alla regia a quattro ...