Home / Recensioni / In sala / DARK PLACES – Nei luoghi oscuri di Gilles Paquet-Brenner

DARK PLACES – Nei luoghi oscuri di Gilles Paquet-Brenner

Dietro quali bugie si nasconde la verità?

Dark Places –Nei luogi oscuri racconta  un massacro avvenuto all’interno delle mura domestiche di una famiglia americana, e lo fa scegliendo il punto di vista sbiadito e ansiogeno di una donna che ritorna a vivere i fatti di cui è rimasta unica testimone a distanza di venticinque anni.

Nel 1985, Libby Day [Charlize Theron] vive da bambina il più traumatico dei risvegli, ritrovando in casa i cadaveri della madre e delle due sorelle. Riuscita a fuggire e a nascondersi nei terreni intorno alla fattoria, testimonia contro l’unica persona che, a suo parere, avrebbe potuto compiere quei gesti così estremi: il fratello Ben [Tye Sheridan e, da adulto, Corey Stoll], un ragazzo sbandato, invaghito in maniera assai immatura della più stereotipata delle ideologie pseudo-sataniste.

Negli anni che uniscono l’infanzia all’età adulta, Libby si ritrova al centro del solito fenomeno mediatico che è facile si crei attorno ad un fatto di cronaca nera così feroce, e riesce a tirare avanti unicamente grazie alle donazioni che famiglie e benefattori di tutta America le inviano per posta.

dark-places-4A distanza di 25 anni, Libby si ritrova a gambe all’aria, nessuno vuol più ricordare la piccola bambina bionda rovinata dal fratellino satanista. Nessuno a parte i Risolutori del Kill Club, un gruppo di “nerd della cronaca nera”, interessati a disseppellire proprio i casi dimenticati da tutti e non del tutto risolti, per provare a portare a galla la verità.

Uno di loro, Lyle [Nicholas Hoult], contatta Libby per farle un’offerta che non potrà rifiutare: qualche centinaia di dollari in cambio di qualche ricordo direttamente dalla notte dell’eccidio, quella notte che mai era riuscita a uscire fuori dalla testa della giovane.

Sapere che per i Risolutori Ben non fosse il reale esecutore degli omicidi avvenuti nella fattoria, distrugge ogni verità nella mente di Libby che è costretta a ritornare [anche fisicamente] “nei luoghi oscuri” della sua infanzia.

dark-places-3Per la seconda volta, dopo L’amore bugiardo – Gone Girl [di David Fincher], un romanzo di Gillian Flynn offre il magma narrativo per un adattamento cinematografico.

Bene non va con questo Dark Places – Nei luoghi oscuri, di Gilles Paquet-Brenner, tratto dal romanzo omonimo che, altalenando tra flashback del passato e la vita contemporanea della protagonista, costruisce un thriller con ambizioni macabre che finisce ben presto per diventare un voluminoso [113’] pasticcio che si digerisce per inerzia.

Assai difficoltoso, poi, l’istituirsi di un ponte comunicativo tra spettatori e la combattuta protagonista del dramma che, anche se percorre dal principio del film un percorso di purificazione e ricostruzione individuale, rimane distante; il film, che inizialmente si fasciava di allusioni da pseudo-horror, si rivela un esperimento di sola maniera, che non decolla e, anzi, va a fracassarsi in un grande e morbido tappeto di noia, negando allo spettatore ogni sensazione forte, anche quelle negative di aver assistito ad un film decisamente “brutto”.

Per la Theron un ruolo decisamente non paragonabile, per intensità, passione e completezza, a quello lasciato poco tempo fa sul set di Mad Max- Fury Road.

Luca Ruocco

DARK PLACES – Nei luoghi oscuri

1.5 Teschi

Regia: Gilles Paquet-Brenner

Con: Charlize Theron, Nicholas Hoult, Christina Hendricks, Chloë Moretz, Tye Sheridan

Uscita in sala in Italia: giovedì 22 ottobre 2015

Sceneggiatura: Gilles Paquet-Brenner, dal rimanzo Nei luoghi oscuri di Gillian Flynn

Produzione: Exclusive Media Group, Mandalay Vision, Cuatro Plus Films, Da Vinci Media Ventures, Daryl Prince Productions, Denver and Delilah Productions, Hugo Productions

Distribuzione: M2 Pictures

Anno: 2015

Durata: 113’

InGenere Cinema

x

Check Also

CURSE OF THE BLIND DEAD di Raffaele Picchio

Raffaele Picchio, regista di Morituris, nel 2020 torna alla regia a quattro ...