Home / Recensioni / In sala / PREDESTINATION di Michael e Peter Spierig

PREDESTINATION di Michael e Peter Spierig

predestination1Un agente temporale ha come missione prevenire un apocalittico attentato terroristico per opera di un misterioso e sconosciuto dinamitardo chiamato il “Bomber”.

Due righe, quelle che per molte scuole di sceneggiatura dovrebbero essere la lunghezza ideale del soggetto di un film e che qui sono il massimo consentito dalla legislazione morale in fatto di spoiler.

Perché Predestination è un’idea di cinema. Quell’idea che è stata approfondita anche da Cristopher Nolan in film come Memento, ovvero stimolare i processi cognitivi dello spettatore trascinandolo in un rompicapo narrativo, con l’ambizione di accompagnarlo in una spirale di rivelazione fino all’epifanico finale.

I fratelli Spierig si appoggiano a un soggetto complesso, il racconto di Robert Heinlein Tutti i miei fantasmi, ma Heinlein si trova avvantaggiato nel confondere lo spettatore, che nelle pagine del racconto può solo carpire quello che l’autore decide di suggerirgli, mentre il cinema è un linguaggio più entusiasta e aperto, e la costruzione delle scene implica anche la possibilità di immergersi in maniera meno criptica nella trama e, dunque, di trovarsi più preparati di fronte ai colpi di scena.

Il finale non è comunque scontato e l’intreccio si muove con intelligenza, regalando anche interessanti spunti di riflessione filosofico-morali, e come la letteratura di Genere ci insegna, non esiste viaggio temporale senza che qualcuno incontri se stesso, ma qui il mondo non rischierà l’implosione e le conseguenze si riveleranno più intime.

predestination2La regia regge il gioco che si è proposta e gli attori sono attenti, su tutti Ethan Hawke, ex protagonista di quella generazione di bell’aspetto e belle speranze, che qui, sdrucito e sofferente, incarna bene chi si sta vivendo il suo dramma mentalspaziotemporale.

In definitiva una produzione australiana ben fatta e con un’ottima scelta del soggetto che dimostra come, anche all’interno dei generi, il low budget [il film è costato 5 milioni di dollari] possa essere efficace, sfidando alla pari i colossal ipertrofici americani.

Francesco Rombaldi

PREDESTINATION

3.5 Teschi

Regia: Michael Spierig, Peter Spierig

Con: Ethan Hawke, Sarah Snooke, Noah Taylor, Christopher Kirby, Freya Stafford

Uscita in sala in Italia: giovedì 1 luglio 2015

Produzione: Blacklab Entertainment, Screen Australia, Wolfhound Pictures

Distribuzione: Notorius Pictures

Sceneggiatura: Michael Spierig, Peter Spierig

Anno: 2014

Durata: 97’

InGenere Cinema

x

Check Also

ODIO QUANDO SI BANALIZZANO I VILLAIN: Intervista a Federico Zampaglione

Federico Zampaglione torna all’horror e lo fa con film carico di sangue ...