Home / Recensioni / Home Video / COPKILLER di Roberto Faenza

COPKILLER di Roberto Faenza

copkiller1 - CopiaUscita importante per la Mustang, distribuita da CG Home Video, che finalmente pubblica il quasi scomparso film di Roberto Faenza del 1983: un poliziesco ambiguo, quasi un noir moderno, dai risvolti poco politically correct, con cui il protagonista Harvey Keitel pare anticipare il personaggio che interpreterà anni dopo nel Cattivo Tenente di Ferrara.

Copkiller è un film importante nella nostra cinematografia, in quanto rappresenta – soprattutto per quegli anni – un tentativo di uscire dal filone del poliziesco classico deviando su una strada fino ad allora poco percorsa, se non altro dal nostro cinema.

La storia si basa sulle gesta di un serial killer, il quale uccide in maniera efferata alcuni poliziotti della Squadra Narcotici, proprio mentre la stampa accusa di corruzione l’ambiente della Polizia. Incaricato delle indagini, il Tenente Fred O’Connor in effetti utilizza sul lavoro un modus operandi non proprio ineccepibile, considerando deboli e drogati come delinquenti comuni, oltre ad approfittare di loro e farsi anche corrompere appunto.

O’Connor condivide l’appartamento [e segretamente anche la vita] con il collega Bob, quando un giorno si presenta a casa sua Leo, un giovane psicopatico che dice di essere il serial killer dei poliziotti. Apologo sui mali della società travestito da b-movie in perfetto stile americano, Copkiller è un’opera in controtendenza nella filmografia di Faenza – che infatti tende quasi a rinnegare la pellicola – e che successivamente si sarebbe dedicato a tematiche di ispirazione più letteraria, ma che stupisce per lo stile e la tecnica adottati, che col tempo lo faranno diventare un cult nel vero senso della parola, diventando esempio per autori di fama internazionale.

copkiller2 - CopiaTratto dal romanzo di Hugh Fletwood, Copkiller ha anche dalla sua un‘ottima prova generale degli interpreti e un grande cast tecnico, in cui troviamo Ennio De Concini alla sceneggiatura, Nino Baragli al montaggio e Ennio Morricone alla colonna sonora, oltre alla bella fotografia di Giuseppe Pinori.

Il film è presentato da Mustang in una ottima copia, rispettando il formato originale ma offrendo solamente la colonna audio nostrana [il film è stato girato in inglese].

Purtroppo nessun extra, nemmeno il trailer originale, a corredo di un DVD preziosissimo con cui la sempre presente CG Home Video riempie un ulteriore tassello nel variegato e infinito mosaico del nostro cinema di genere.

Luca Servini

COPKILLER

Voto film:

4 Teschi

Voto DVD:

4disc copy

Regia:  Roberto Faenza

Con: Harvey Keitel, John Lydon, Leonard Mann

Formato: 1,66:1 anamorfico

Audio: Italiano Dolby Digital  2.0

Durata: 105’

Distribuzione: CG Home Video [www.cghv.it]

Extra:  /

InGenere Cinema

x

Check Also

FASTER, PUSSYCAT! KILL! KILL! di Russ Meyer

“Signore e signori, benvenuti alla violenza. Sebbene la violenza si mascheri dietro ...