Home / Recensioni / In sala / THE DIVERGENT SERIES: INSURGENT di Robert Schwentke

THE DIVERGENT SERIES: INSURGENT di Robert Schwentke

insurgent4Ambientato pochi giorni dopo gli eventi narrati in Divergent, The Divergent Series: Insurgent prosegue le vicende di Beatrice “Tris” Prior [Shailene Woodley] e Tobias “Quattro” Eaton [Theo James], due fuggiaschi Divergenti, ovvero non appartenenti alle cinque classi sociali di una distopica Chicago in rovina, circondata da una recinzione che permette di isolarla dalla desolazione del mondo esterno. Le classi, definite “fazioni”, sono composte dagli Intrepidi [i coraggiosi], dai Candidi [gli onesti], dai Pacifici [i tranquilli] e dagli Abneganti [gli altruisti] e gli Esclusi [coloro che non appartengono ad alcuna fazione]. Un Divergente è un individuo dal pensiero indipendente e che non può essere controllato dalle fazioni, rappresentando così una minaccia per l’intera società.

I due sono braccati da Jeanine Matthews [Kate Winslet], spietata leader degli Eruditi, che si serve di un gruppo d’assalto di Intrepidi, traditori della loro fazione, per scovarli.

Mentre Tris e Quattro cercano disperatamente un’alleanza con tutte e cinque le fazioni, la Matthews viene in possesso di una scatola chiusa su cui sono raffigurati, sui cinque lati, i simboli delle fazioni. Solo un Divergente, in possesso di tutte e cinque le qualità, potrà aprirla. Persuasa che l’oggetto racchiuda il segreto sul futuro della loro società, Jeanine inizia una feroce caccia ai Divergenti, sottoponendo i più qualificati ad un violento e disumano test per cercare di aprire l’oggetto.

insurgent1Tris, tormentata e in colpa per la scomparsa dei suoi genitori, dovrà opporsi alle sue angosce, fermare, insieme a Quattro, le continue persecuzioni di Jeanine e scoprire la verità che ha portato al sacrificio i suoi cari.

Prosegue così la saga cinematografica basata sui romanzi di Veronica Roth, questa volta con la regia di Robert Schwentke [autore di pellicole come RED e Flightplan – Mistero in volo], che prende il posto di Neil Burger [The Illusionist – L’illusionista e Limitless]. Con questo episodio il nuovo regista si trova a dover alzare il tiro rispetto al precedente, portandoci in un mondo [in particolare quello delle simulazioni mentali di Tris, una sorta di allucinazione  alla Matrix] ancora più ricco di notevoli effetti visivi.

insurgent3La protagonista Shailene Woodley, apprezzabile nella parte in cui viene sottoposta ad un duro interrogatorio da parte del leader dei Candidi [Daniel Dae Kim], risulta però impacciata nel resto delle scene d’azione, con l’espressività e i gridolini di una ragazzina alle prese con un saggio scolastico. Brillante, invece, Miles Teller [Whiplash e il prossimo Fantastic 4 – I Fantastici Quattro], nel ruolo dello spregevole opportunista e doppiogiochista Peter.

E’ un peccato che questa serie, sia di romanzi che di film, sia nata [sembra piuttosto chiaro] per competere con quella di Hunger Games, condividendone molti aspetti: una ragazza fuori posto in una società post-apocalittica, si ritrova ad essere colei che cambierà tutto. In sostanza, l’ennesimo mix di dramma e azione distopica per teenagers, che porta inevitabilmente lo spettatore ad avere una sensazione di déjà vu.

Luca Pernisco

THE DIVERGENT SERIES: INSURGENT

 2.5 Teschi

Regia: Robert Schwentke

Con: Shailene Woodley, Theo James, Kate Winslet, Naomi Watts, Octavia Spencer, Miles Teller

Uscita sala in Italia: giovedì 19 marzo 2015

Sceneggiatura: Brian Duffield, Akiva Goldsman, Mark Bomback

Produzione: Summit Entertainment, Mandeville Films, Red Wagon Entertainment

Distribuzione: Eagle Pictures

Anno: 2015

Durata: 119’

InGenere Cinema

x

Check Also

Visions of Suffering, Hyde’s Secret Nightmare e XXX Collection a novembre in Italia con TetroVideo

A partire da oggi, 23 novembre, sul sito ufficiale TetroVideo e sul sito ...