Home / Recensioni / In sala / CONFUSI E FELICI di Massimiliano Bruno

CONFUSI E FELICI di Massimiliano Bruno

Confusi e felici1Marcello [Claudio Bisio] è uno psicoanalista che ha in cura tra i suoi pazienti uno spacciatore con attacchi di panico [Marco Giallini], una ninfomane molesta [Paola Minaccioni], una coppia con piccoli problemini sessuali [Pietro Sermonti e Caterina Guzzanti], un quarantenne ancora attaccato alla gonnella della mamma [Massimiliano Bruno] e un telecronista calcistico che non riesce a contenere i suoi scoppi di ira [Rocco Papaleo].

In mezzo a questa selvaggia foresta che è la mente umana, si fa spazio, silenziosa, Silvia [Anna Foglietta] che cerca di comprendere, più che la mente, il cuore di Marcello.

Silvia sotto lo strato di cinismo di Marcello scorge ancora un barlume di bontà messa da parte in anni di successi e vita frenetica.

A sconvolgere il cinismo dello psicologo arriva la notizia di un male incurabile agli occhi che lo renderà cieco per il resto della vita. Da questo momento in poi la situazione subisce un completo ribaltamento e saranno coloro i quali erano stati i suoi pazienti ad iniziare a psicanalizzare il proprio terapeuta.

Confusi e felici2Il film subisce un insuperato blocco già alla frase iniziale “Ciao sono Marcello ho 50 anni, faccio lo psicanalista e sono depresso”. Quella che nel film è la presentazione del personaggio per bocca del protagonista dovrebbe essere, il film stesso.

Dovrebbero essere le immagini stesse a raccontare chi sia in realtà Marcello e quali sono i suoi problemi esistenziali, il dramma di non poter vedere, ma non solo perché sta gradatamente perdendo il dono della vista, ma perché egli non ha mai veduto nulla che non fosse solo se stesso, dimenticando le cose belle della vita, a volte dal sapore un po’ amaro, ma sicuramente genuine.

Confusi e felici3Peccato perché la tematica di fondo è molto interessante e poteva essere sviscerata meglio, inoltre il film ha dei momenti molto esilaranti e i vari siparietti sono retti egregiamente dagli interpreti che sono d’alto livello.

Spezzettando il film in tante piccole scene si riesce anche a sorridere delle macchiette e degli stereotipi odierni, ma messe insieme le singole scene il tutto perde corpo, perde forza. Il cinema d’intrattenimento italiano dovrebbe capire che non serve essere completamente sopra le righe per far ridere, ma che si può strappare un sorriso allo spettatore anche mettendo in piedi un impianto narrativo degno di questo nome, basandolo su drammi molto seri.

Paolo Corridore

CONFUSI E FELICI

1 Teschi

Regia: Massimiliano Bruno

Con: Massimiliano Bruno, Marco Giallini, Claudio Bisio, Caterina Guzzanti, Pietro Sermonti, Rocco Papaleo, Gioele Dix, Anna Foglietta

Uscita in sala in Italia: giovedì 30 ottobre 2014

Sceneggiatura: Massimiliano Bruno, Edoardo Falcone

Produzione: Italian International Film, Rai Cinema

Distribuzione: 01 distribution

Anno: 2014

Durata: 105′

InGenere Cinema

x

Check Also

“Roma amor Mio” allo Spazio ArteAtrio

In un periodo in cui, molto faticosamente, cerchiamo di far tornare tutto ...