Home / Recensioni / In sala / CRISTIADA di Dean Wright

CRISTIADA di Dean Wright

cristiada1Nel Messico degli anni ’20 si è combattuta una sanguinosa quanto necessaria battaglia per il riconoscimento dei diritti dei cristiani a professare il proprio culto; una guerra rimasta per anni nascosta tra le silenziose pagine della storia del popolo messicano e che quasi tutto il resto del mondo ha ignorato.

La guerra dei Cristeros, così veniva denominata, non è altro che la ribellione di un popolo e del suo diritto a manifestare un libero pensiero, guidato dall’ex-generale Gorostieta [Andy Garcia].

Dean Wright, supportato dalla sceneggiatura di Michael Love, traspone in celluloide questa bellissima quanto sanguinosa pagina di storia ma non solo dal punto di vista del macrocosmo di un popolo e dei suoi diritti civili, quanto proprio da quello di Gorostieta, persona di buon senso, equilibrata che compie il proprio cammino di conversione.

In tutto il film vedremo il generale condurre i Cristeros verso la vittoria e assisteremo al suo intimo percorso di scoperta del suo lato spirituale rimasto per molto tempo celato da un ferreo razionalismo.

cristiada2Egli inizialmente accetta di guidare i Cristeros solo per un motivo: “Tutti gli uomini dovrebbero essere liberi di professare il proprio credo senza timore di essere perseguitati”.

Con queste parole firma il suo impegno con i rivoltosi senza sapere che quella battaglia diventerà la sua personale e, grazie anche al supporto di sua moglie, l’uomo riesce a capire effettivamente che il cammino che porta a Dio deve essere una scoperta non un’imposizione.

Un allestimento pomposo quello di Wright come quello di un film colossal di un tempo; gli ampi spazi e le scene di massa contribuiscono a rendere l’atmosfera carica di quel senso di grandezza tipico di pellicole come questa. CRISTIADA - foto di scenaI tempi molto dilatati di alcune scene, utili per collocare storicamente il film rivestendolo dell’autorità storica che gli compete, corrono il rischio di far perdere la concentrazione da parte del pubblico; per fortuna il regista è stato lungimirante e ha saputo controbilanciarle con scene altrettanto forti e dal sicuro impatto emotivo come tutta la sequenza iniziale che vede protagonista Padre Christopher interpretato magistralmente da Peter O’Toole.

Per chi ha voglia di riscoprire il genere storico, affrontando un tema quasi sconosciuto a buona parte del mondo, e per chi ha voglia di assaporare un colossal dai grandi allestimenti come si facevano una volta sicuramente in Cristiada troverà una giusta risposta alle sue aspettative.

Paolo Corridore

CRISTIADA

4 Teschi

Regia: Dean Wright

Con: Peter O’Toole, Andy Garcia, Eva Longoria

Uscita in sala in Italia: mercoledì 15 ottobre 2014

Sceneggiatura: Michael Love

Produzione: New Land Film Production, Pablo José Barroso

Distribuzione: Dominus Production

Anno: 2014

Durata: 143′

InGenere Cinema

x

Check Also

Vespertilio Awards: Il nuovo premio italiano per il cinema horror!

Arriva la prima edizione del Vespertilio Awards, un riconoscimento cinematografico italiano del panorama ...