Home / Recensioni / In sala / SIN CITY – Una donna per cui uccidere di Robert Rodriguez e Frank Miller

SIN CITY – Una donna per cui uccidere di Robert Rodriguez e Frank Miller

Sin-City-Una-Donna-per-cui-Uccidere-1Robert Rodriguez e Frank Miller tornano a percorrere le malfamate strade di Sin City nel secondo lungometraggio tratto dal ghaphic novel dell’autore statunitense, che arriva in sala a nove anni di distanza dal primo lungometraggio del duo di registi: un sequel atteso [e promesso], che riporta sullo schermo le immagini cariche di un livido bianco e nero macchiato da qualche episodico sprazzo di colore. Accenti importanti per marcare quel che a Sin City sono le uniche monete sonanti: il sangue e il sesso.

Sin City  – Una donna per cui uccidere racchiude al suo interno quattro storie, che si inseguono e si intrecciano in luoghi, tempi e personaggi. Di queste, due “Una donna per cui uccidere” e “Solo un altro sabato sera” sono tratte dalle pagine a fumetti e riadattate sullo schermo, mentre le altre due, “Quella lunga, brutta notte” e “La grossa sconfitta” sono state scritte appositamente per lo schermo.

Un disperato giocatore di poker che sfida e sconfigge a carte un potente e malvagio politico; una femme fatale che, quasi incarnando la protagonista de La ballata dell’amore cieco di Fabrizio De André, tenta di rimettere in sesto le proprie finanze e la propria vita obbligando ogni uomo che le ronzi intorno a compiere esattamente quello che le passa per la mente; una lap dancer ossessionata da un passato che non riesce ad abbandonare [e ad abbandonarla]; un energumeno senza alcuna paura della morte, che passa le sue giornate stordendosi con l’alcool e sempre pronto a metter su qualche scazzottata.

Sin_City_-_Una_donna_per_cui_uccidere_2Questi sono solo alcuni dei protagonisti del nuovo film di Miller e Rodriguez, che come il precedente alterna i toni dark, con quelli pulp e noir, zoppicando in almeno due degli episodi, il troppo breve e inutile “Solo un altro sabato sera”, con protagonista il Marv di Mickey Rourke [ruggente leone anche in questo secondo capitolo filmico] che, di improvviso, si risveglia sulla statale circondato da corpi morti, senza ricordarsi assolutamente nulla.

Anche “Quella lunga, brutta notte”, con Joseph Gordon-Levitt nei panni di un giovane giocatore d’azzardo che decide di sedersi al tavolo sbagliato per vuotare le tasche ad una persona ancora più sbagliata, sa un po’ di vuoto, e sicuramente è davvero poco efficace, sia se preso come episodio singolo che se analizzato all’interno della struttura filmica totale.

Sin-City-Una-Donna-per-cui-Uccidere-5Rimangono i due episodi clou: partiamo dal secondo, “La grande sconfitta”, in cui ritroverete la dancer Nancy [Jessica Alba], decisa a vendicare la morte del suo John Hartigan [un fantasmatico Bruce Wilis], infiltrandosi insieme a Marv all’interno della magione del Senatore Roark [Powers Boothe]. E arriviamo alla punta di diamante del film, l’erotico e violento “Una donna per cui uccidere”, episodio che vede protagonisti Dwight Mc Carthy [Josh Brolin], ossessionato dal ritorno del suo grande e ossessivo amore Ava [Eva Green]. Il capitolo, vuoi per la durata più lunga che permette un più consono dispiegamento di trama e personaggi, vuoi per il sense dell’exploitation affidato alle forme perennemente scoperte della Green, e all’action davvero violenta del duo Dwight/Marv, è l’unico ad arrivare davvero in fondo allo stomaco dello spettatore.

Sin-City-Una-Donna-per-cui-Uccidere-3Se siete stati tra gli amanti del primo film, Sin City – Una donna per cui uccidere sarà di certo un titolo piacevole, da non perdere.

Ma guardandolo con occhio critico, il nuovo film di Rodriguez e Miller potrebbe, però, sembrare poco  sveglio, illuminato, e di certo con davvero molto poco da aggiungere al già detto.

Ottima, però, ancor più del primo film la resa grafica accentuata dall’evoluzione delle tecniche di computer grafica e dall’impiego delle tre dimensioni.

Luca Ruocco

SIN CITY – Una donna per cui uccidere

2.5 Teschi

Regia: Robert Rodriguez, Frank Miller

Con: Eva Green, Jessica Alba, Joseph Gordon-Levitt, Juno Temple, Bruce Willis, Josh Brolin, Rosario Dawson, Mickey Rourke

Uscita in sala in Italia: giovedì 2 ottobre 2014

Sceneggiatura: Frank Miller, Robert Rodriguez, William Monahan

Produzione: Aldamisa Entertainment, Demarest Films, Miramax Films, Quick Draw Productions, Solipsist Film

Distribuzione: Lucky Red

Anno: 2014

Durata: 102’

SIN CITY – Una donna per cui uccidere: La conferenza stampa

InGenere Cinema

x

Check Also

XX Ravenna Nightmare Film Festival, Lamberto Bava riceve l’Anello d’Oro Special Edition. “Kerr” di Tayfun Pirselimoglu vince il Premio della Critica

Si è conclusa la XX edizione del Ravenna Nightmare Film Fest, che ...