Home / Recensioni / Home Video / SERAFINO di Pietro Germi

SERAFINO di Pietro Germi

Serafino copertinaDopo Uno strano tipo di Lucio Fulci, 1962 [https://www.ingenerecinema.com/uno-strano-tipo-di-lucio-fulci/] e Il bisbetico domato [https://www.ingenerecinema.com/il-bisbetico-domato-di-castellano-e-pipolo/] di Catellano & Pipolo , CG Home Video torna a celebrare Adriano Celentano con Serafino, uno degli ultimi film di Pietro Germi [Divorzio all’italiana, 1961, Sedotta e abbandonata, 1964], anno 1968.

Vietato ai minori di 14 anni, Serafino è una commedia piacevole, scritta con arguzia da una squadra di sceneggiatori notevoli, a partire dallo stesso Germi, che firma la sceneggiatura con Tullio Pinelli [La dolce vita, 1960, La strada, 1954, La voce della luna, 1990, di Federico Fellini], Leo Benvenuti [Don Camillo e l’onorevole Peppone, di Carmine Gallone, 1955, Io, io, io … e gli altri di Alessandro Blasetti, 1966] e Piero De Bernardi [I due carabinieri, 1984, di Carlo Verdone, Fantozzi il ritorno, 1996, di Neri Parenti], su un soggetto di Germi con Pinelli e Alfredo Giannetti [tra gli sceneggiatori di Febbre da cavallo, 1976, di Steno].

Serafino foto 2Serafino Fiorin [Adriano Celentano] è un giovane pastore che ogni giorno porta al pascolo le pecore dello zio Agenore [Saro Urzì], un uomo molto avido e brontolone. Al ritorno da un sofferto servizio militare, che non è riuscito a evitare, torna finalmente in campagna, felice di dividere il letto con la vecchia zia Gesuina [Nerina Montagnani], che gli vuole molto bene, e alla quale Serafino fa continuamente scherzi. Dopo molti mesi lontano da casa, rivede Lidia [Ottavia Piccolo], sua cugina, ora giovane donna, sulla quale butta subito gli occhi, e  la prostituta Asmara [Francesca Romana Coluzzi], madre di quattro bambini, emarginata dalle donne del paese.

Serafino è un donnaiolo imperterrito. Non riesce proprio a fare a meno di pensare alle donne e al sesso, e le donne cascano ai suoi piedi in men che non si dica, così come Lidia. Quando però zia Gesuina muore, lasciando la sua eredità a Serafino, zio Agenore, Lidia, e gli altri suoi parenti, faranno la guerra al povero pastore, che ha la sola colpa di essere troppo buono…

 Serafino foto 3Serafino è una commedia scanzonata che, ad una prima parte burlona associa una seconda parte riflessiva e più amara, che mette Serafino a confronto con l”ignoranza dei suoi parenti, che approfittano della morte della zia per rovistare nella sua casa e accaparrarsi qualsiasi cosa vi trovino dentro, senza provare nemmeno un po’ di dolore per la sua scomparsa. Serafino, di cui tutti in paese apprezzano la generosità, dovrà provare a salvarsi da un matrimonio combinato, e sarà proprio grazie a lui che Asmara avrà modo di riscattarsi.

Celentano, che aveva iniziato la sua promettente carriera d’attore con I ragazzi del Juke box, 1959, di Lucio Fulci [che lo diresse poi in Urlatori alla sbarra, 1960, stesso anno nel quale Celentano farà la sua comparsa in La dolce vita di Fellini, 1960],  anche in questo film ebbe modo di dimostrare la sua bravura recitativa e il suo estro [peccato che abbia smesso di fare cinema], e proprio con Serafino vinse il Globo d’oro come miglior attore nel 1969.

Molto brave anche Coluzzi, che presta il volto ad una donna energica e insieme insicura, alla quale la vita offrirà finalmente un po’ di serenità, e l’indimenticabile Nerina Montagnani [I nuovi mostri, 1977, di Mario Monicelli].

Gilda Signoretti

SERAFINO

Voto film:

 3 Teschi

Voto DVD:

 3 Teschi

Regia: Pietro Germi

Con: Adriano Celentano, Francesca Romana Coluzzi, Ottavia Piccolo,  Nerina Montagnani, Benjamin Lev, Nazzareno Natale

Durata: 93′

Audio: Italiano Dolby Digital 2.0

Formato: 16/9  1,85:1

Distribuzione: CG Home Video [www.cghv.it]

Extra: /

Gilda Signoretti

x

Check Also

THE WELL di Federico Zampaglione

Anni ’90. Lisa Gray [Lauren LaVera] è una restauratrice d’arte americana che ...