Home / Recensioni / In sala / UN FANTASTICO VIA VAI di Leonardo Pieraccioni

UN FANTASTICO VIA VAI di Leonardo Pieraccioni

viavai1Torna il cinema facile di Leonardo Pieraccioni, l’uomo che con le sue favolette popolari ha sempre fatto breccia sul grande pubblico italiano.

Per l’occasione il nostro però apporta una serie di cambiamenti al suo classico canovaccio; innanzitutto cambia la distribuzione da Medusa a 01 Distribution, secondo poi come compagno di scrittura passa dal compaesano toscano Giovanni Veronesi ad un altro regista in ascesa come Paolo Genovese [il dittico Immaturi], scegliendo di conseguenza per titolo Un fantastico via vai.

La storia è quella di Arnaldo Nardi [Pieraccioni], uomo sposato con due figlie che, d’improvviso, si vede cacciato da casa dalla moglie Anita [Serena Autieri], causa un drastico malinteso.

Finalmente libero dalla prigione della vita famigliare, l’uomo va a vivere in un appartamento gestito da un gruppo di ragazzi universitari, i quali faranno breccia in Arnaldo [e viceversa].

viavai3Ma lo scontro generazionale tra lui e i suoi nuovi amici creerà anche qualche malinteso, mal concepito da parenti e conoscenti dei nostri protagonisti.

Il cinema di Pieraccioni imperversa nelle sale natalizie, e lo fa col solito modo spicciolo di raccontare una commedia disimpegnata.

Certo, non che il regista toscano sia conosciuto per i suoi virtuosismi narrativi, anzi, solo che questo Un fantastico via vai azzarda anche una parabola giovanile, mettendo così a nudo i veri difetti del lungometraggio.

Pieraccioni non è Moccia, e non che sia un male per carità, però le parentesi riguardanti gli universitari sono forse le note più basse di una carriera aperta col lontano I laureati [qua simpaticamente citato in una scena], rese così penose da quegli argomenti che legano razzismo, pregiudizi provinciali e basso senso dell’analisi in modo così scialbo.

viavai2Poi per assopire il tutto c’è la presenza di uno stuolo d’attori all’ordine della nostra e sua commedia [Giorgio Panariello, Massimo Ceccherini, Marco Marzocca, Maurizio Battista e un irriconoscibile Enzo Iacchetti], giusto per alzare il livello del prodotto finale.

Ma Un fantastico via vai due risate le strappa proprio a forza, perché il complesso non è proprio degno di nota.

Mirko Lomuscio

UN FANTASTICO VIA VAI

2 Teschi

Regia: Leonardo Pieraccioni

Con: Leonardo Pieraccioni, Serena Autieri, Giorgio Panariello, Marco Marzocca, Maurizio Battista

Uscita in sala in Italia: giovedì 12 dicembre 2012

Sceneggiatura: Leonardo Pieraccioni, Paolo Genovese

Produzione: Levante, Rai Cinema

Distribuzione: 01 Distribution

Anno: 2013

Durata:95’

 

InGenere Cinema

x

Check Also

Andrea Guglielmino torna su SAMUEL STERN con IL QUINTO COMANDAMENTO

Andrea Guglielmino, critico, giornalista cinematografico, amico dell’Horror e di InGenereCinema.com, nonché scrittore ...