Home / Recensioni / Home Video / UN RANTOLO NEL BUIO di William A. Fraker

UN RANTOLO NEL BUIO di William A. Fraker

Copertina Un rantolo nel buioIspirato al racconto di Stanton Forbes, Go to thy deathbed, 1969, Un rantolo nel buio [A reflection of fear], 1973, è un thriller psicologico poco conosciuto ma particolarmente interessante, distribuito ora in home video da CG Home Video.

A dirigerlo è William A. Fraker, conosciuto più che altro come direttore della fotografia, in particolare per aver curato la fotografia di Rosemary’s Baby di Polanski, 1968, e Incontri ravvicinati del terzo tipo, 1977, di Steven Spielberg, e qui al suo secondo film da regista [dopo aver affrontato il western con Monty Nalsh un uomo duro a morire, 1970, genere che riprenderà con La leggenda di Lone Ranger, 1981].

Scritto da Edward Hume e Lewis John Carlino, Un rantolo nel buio racconta la storia di Marguerite [Sondre Locke, che abbiamo visto in Willard e i topi di Daniel Mann, nel 1971, nel ruolo della collega di lavoro di Willard], un’adolescente cresciuta dalla madre Katherine [Mary Ure], e dalla nonna, Madame Caraquet [Michele Montau] all’ombra, protetta ossessivamente da chiunque, tanto da decidere di non mandarla neanche a scuola, facendola seguire da un maestro privato.

Marguerite non ha amici, e perciò ha riversato nelle sue bambole il suo bisogno d’affetto.

Il suo “miglior amico” è Arthur, un fantoccio [che non vediamo mai completamente] che, a differenza delle altre bambole, parla e cammina.

Un rantolo nel buio immagine 1Il rapporto tra lei e Arthur è però molto litigioso, soprattutto quando il pupazzo viene avvistato in giardino, e viene perciò messo in punizione da Marguerite. Ad un certo punto, però, la ragazza ne sembra addirittura spaventata, perché Arthur, col tempo, diventa sempre più pungente nel parlare, e non smette di provocarla, riguardo ciò che lei non vuole vedere, e cioè il suo stato di reclusa [“Ti hanno tenuta bendata”, le dice], e sulla constatazione che suo padre, uno scrittore affermato, non l’abbia mai cercata.

Proprio suo padre [Robert Shaw], dopo sedici anni dalla sua nascita, ha deciso finalmente di incontrarla, e in compagnia della sua nuova fidanzata, Anne [Sally Kellerman] è diretto alla villa. Marguerite è da subito attratta dall’uomo, tanto da innamorarsene, e provare piacere e invidia nel sentirlo ansimare nel letto con Anne. D’un tratto quell’equilibrio sottile e malsano che si respirava in casa si spezza, e una serie di omicidi si susseguiranno a catena…

Un rantolo nel buio immagine 2È la forte  avversione al genere maschile [misandria] la vera malattia che si soffre in casa della protagonista, avversione che è estranea a Marguerite, incuriosita proprio dall’altro sesso. L’unico uomo con il quale fino ad ora ha potuto relazionarsi è stato Kevin [Michael St. Clair], il giardiniere, al quale lei stessa dà consigli su come curare le piante, comprese le erbacce. Il cruccio più grande, per Marguerite, è non poter esaminare il cervello di Arthur…

Un rantolo nel buio è un semplice thriller prevedibile e ben recitato, molto concentrato nell’esaminare la psiche malata di Marguerite di tutti i personaggi che le sono intorno i veri responsabili del suo stato psicologico.

Gilda Signoretti

UN RANTOLO NEL BUIO

Voto film

3 Teschi

Voto DVD

3disc copy

Regia: William A. Fraker

Con: Sondre Locke, Robert Shaw, Mary Ure, Michele Montau, Sally Kellerman

Durata: 89′

Formato: 1.85:1

Audio: Italiano Dolby Digital Dual Mono

Distribuzione: CG Home Video [www.cghv.it]

 

 

 

InGenere Cinema

x

Check Also

ENCANTO di Jared Bush, Byron Howard e Charise Castro Smith

I Walt Disney Animation Studios festeggiano il traguardo del 60esimo lungometraggio animato ...