Home / Recensioni / In sala / ESCAPE PLAN – FUGA DALL’INFERNO di Mikael Hafstrom

ESCAPE PLAN – FUGA DALL’INFERNO di Mikael Hafstrom

escapeplan1Non fosse che si sono già incontrati nel dittico I mercenari [trittico se consideriamo che è in lavorazione un terzo episodio della saga], Escape plan – Fuga dall’inferno potrebbe essere il primo film che li vede all’opera insieme. Di chi stiamo parlando? Ma delle due icone action per eccellenza; mister Rambo Sylvester Stallone e lord Terminator Arnold Schwarzenegger.

Però vederli interagire insieme per l’intera durata di un lungometraggio è cosa nuova ed esclusiva, primato che pone l’opera di Mikael Hafstrom [suo l’horror kinghiano 1408] su un livello di attenzione altissimo da parte dei fan dei due attori.

La storia è quella del professionista Breslin [Stallone], un uomo che per lavoro evade dalle prigioni di massima sicurezza, per testare il livello di guardia degli edifici da cui fugge.

Quella che gli starà per essere offerta è un’opportunità senza eguali e dal prezzo altissimo: detenuto in una prigione futuristica, Breslin dovrà alloggiare in questo luogo temuto e ben collaudato, a prova di evasione.

Ma ben presto l’operazione si dimostrerà diversa dal solito, perché il gioco comincerà a farsi davvero pericoloso.

Deciso ad ogni costo di scappare, Breslin troverà nel detenuto Rottmayer [Schwarzenegger] un alleato fedele.

escapeplan2Atteso al varco, dopo svariato tempo di lavorazione [si dice che sarebbe dovuto uscire anche prima dei due I mercenari], Escape plan – Fuga dall’inferno sull’unghia sembra quello che è; un mero pretesto per vedere all’opera i due action men, alle prese con situazioni del caso come darsele di santa ragione [tra loro e contro i cattivi di turno], sfornando ovviamente una serie di battute accattivanti.

Ecco, su due righe si potrebbe chiudere anche il discorso così, ma lo script, ad opera di Miles Chapman e Arnell Jesko, offre più di questo, cercando di complicare le cose con sottotrame e svariati intrighi che dovrebbero elevare Escape plan – Fuga dall’inferno dal modesto prodotto che è.

escapeplan3Il tutto, però, si ferma ad una godibile visione, rimanendo un film fine a sé stante che cita un po’ qua e un po’ là, da altre opere carcerarie e non [Fuga da Alcatraz per il plot, Face/Off per l’ambientazione, Sorvegliato speciale per il legame che c’è tra Breslin ed il direttore Hobbs di Jim Caviziel].

Oltre alle due superstar, Escape plan – Fuga dall’inferno gode anche della presenza di nomi illustri, come l’ex Gesù de La passione di Cristo Caviziel, il Palla di lardo di Full metal jacket Vincet D’Onofrio, l’ex calciatore [vero] Vinnie Jones e l’ex paleontologo di Jurassic park Sam Neill.

Buono per una serata in vena di intrattenimento e di strizzate d’occhio verso il cinema d’azione che non c’è più, ma che anche con i suoi splendidi sessantenni si fa ancora valere nel tempo.

Mirko Lomuscio

ESCAPE PLAN – FUGA DALL’INFERNO

3 Teschi

Regia: Mikael Hafstrom

Con: Sylvester Stallone, Arnold Schwarzenegger, Jim Caviziel, Vincent D’Onofrio, Amy Ryan

Uscita in sala in Italia: giovedì 17 ottobre 2013

Sceneggiatura: Miles Chapman, Arnell Jesko

Produzione: Mark Canton, Emmett/Furla Films, Envision Entertainment, Bois/Schiller

Distribuzione: 01 Distribution

Anno: 2013

Durata: 105’

 

 

InGenere Cinema

x

Check Also

ROOM di James Thierrée

L’acrobata, attore, regista, musicista, ballerino James Thierrée torna a incantare il pubblico ...