Home / Recensioni / In sala / ASPIRANTE VEDOVO di Massimo Venier

ASPIRANTE VEDOVO di Massimo Venier

aspirantevedovo1Chi non conosce in Italia Il vedovo di Dino Risi?

Commedia agrodolce di fine anni ’50, guidata dalla presenza di un grande [come potrebbe essere altrimenti?] Alberto Sordi e da una altrettanto mitica Franca Valeri, l’opera in questione è ora vittima di un recupero che alle nostre orecchie suona come remake.

Aspirante vedovo è il titolo [distaccato] scelto per l’occasione e, nei rispettivi ruoli protagonisti, troviamo Fabio De Luigi e Luciana Littizzetto, alle prese  con un confronto suicida che già dalle premesse ha ben poca intenzione di crear paragoni.

La storia riprende lo stesso plot dell’originale, col truffaldino Alberto Nardi [De Luigi], uomo meschino quanto sfortunato, che vive a spese della sua ricca moglie Susanna [Littizzetto], donna dura e poco rispettosa nei suoi confronti, tanto da sferrargli un colpo di grazia anche in affari.

Ma un improvviso incidente aereo lascia che trapeli la tragedia: la donna è rimasta vittima di tale disastro ed Alberto, falsamente affranto, ha davanti a sé una serie di sogni da realizzare con l’eredità alle porte.

Solo che non tutto il male vien per nuocere. O no?

aspirantevedovo2Consapevoli di ciò che andavano incontro, De Luigi, Littizzetto ed il regista Massimo Venier [suoi i primi film con Aldo, Giovanni e Giacomo] cercano di tenere le distanze dall’operato originale e recuperano temi del film del 1959, cercando di riaggiornarli ai tempi di crisi che ci sono oggi.

L’intento è quello di rielaborare la commedia nera di una volta con la risata attuale, magari tirando fuori una qualche denuncia che possa rendere questo Aspirante vedovo qualcosa di più di un prodotto di intrattenimento.

Ma nulla di tutto ciò va in porto, e l’operato viene preso così seriamente che alla fine, di risate, ne vengon fuori ben poche.

Sarà il distacco che si crea nei confronti dei personaggi stessi, o la performance dei personaggi vittime di una descrizione poco accurata, ma il film non ha un picco o un momento da ricordare.

aspirantevedovo3Tutto è vittima di un inevitabile confronto con Il vedovo di Risi e nulla si salva della baracca, dalla regia agli attori, quest’ultimi capeggiati dalla coppia di protagonisti anonimi [un vero peccato per la Littizzetto, qui davvero sottotono,  ma che in principio poteva sembrare l’unico futile motivo d’interesse per una visione del film], per non parlare dei vuoti comprimari Francesco Brandi, Bebo Storti, Roberto Citran e Alessandro Besentini [della coppia Ale e Franz].

Va bene voler far ridere con un velo serioso, ma Aspirante vedovo è vittima di una cattiva elaborazione di questo principio, caro alla commedia d’oro di una volta ma soprattutto al cinema del grande Risi.

Mirko Lomuscio

ASPIRANTE VEDOVO

1.5 Teschi

Regia: Massimo Venier

Con: Fabio De Luigi, Luciana Littizzetto, Alessandro Besentini, Francesco Brandi, Roberto Citran

Uscita in sala in Italia: giovedì 10 ottobre 2012

Sceneggiatura: Ugo Chiti, Michele Pellegrini, Massimo Venier

Produzione: IBC Movie, Rai Cinema

Distribuzione: 01 distribution

Anno: 2013

Durata: 84’

InGenere Cinema

x

Check Also

TEBE AL TEMPO DELLA FEBBRE GIALLA di Odin Teatret

L’Odin Teatret, fondata nel 1964 dal regista italiano Eugenio Barba trasferitosi nei ...