Home / Recensioni / In sala / PAIN & GAIN – MUSCOLI E DENARO di Michael Bay

PAIN & GAIN – MUSCOLI E DENARO di Michael Bay

painegain1Lontano da mega budget e presosi una pausa dalla saga cinematografica dei Transformers [ma è già in lavorazione il quarto capitolo], Michael Bay realizza un’opera più ambiziosa a livello narrativo, cercando di mostrare a critica e pubblico che anche lui può raccontare una storia senza l’uso massiccio di scene spettacolari ed effetti speciali.

Pain & gain – Muscoli e denaro è la sua prova del nove, un film tratto da un fatto di cronaca avvenuto negli anni ’90, sullo sfondo di una Miami invasa dalla moda del fitness e del body building.

La storia racconta del personal trainer Daniel Lugo [Mark Whalberg], un uomo preso dalla forma fisica quanto dal suo tenore di vita, sempre in cerca della perfezione e della voglia di migliorare la sua esistenza.

Un’ambizione la sua che lo porterà verso un folle gesto che dovrebbe cambiargli in meglio la vita; Daniel decide, assieme ai due compari Paul Doyle [Dwayne Johnson] e Adrian Doorbal [Anthony Mackie], di voler rapire un suo ricchissimo cliente, il burbero Victor Kershaw [Tony Shaloub], in modo tale che quest’ultimo gli ceda tutti i suoi beni: casa, denaro e motoscafo.

PAIN AND GAINOvviamente, gli esiti di questo piano senza cervello saranno tragici.

Diciamoci la verità, quante volte ci siamo chiesti se uno come Bay sarebbe stato in grado di dirigere un film dal budget modesto? E quante volte ci saremmo risposti che forse non ce l’avrebbe mai fatta?

Ecco, Pain & gain – Muscoli e denaro è la giusta risposta alla prima domanda e, in parte, la contraddizione del secondo quesito.

Infatti il noto regista, croce di molta critica e fiore all’occhiello di molti fan dei blockbuster, con questo lungometraggio sembra sin dalle prime immagini riscattarsi dal limbo che lo relega ad un cinema senza un’anima artistica.

L’avvio è promettente, con quelle voci fuori campo che raccontano le proprie vite e l’effetto che l’american way of life ha fatto sulle loro tristi esistenze, come fosse un Martin Scorsese sotto anabolizzanti; salvo poi afflosciarsi nella seconda parte, quando c’è da mostrare gli esiti del rapimento.

painegain5Bay, farà anche a meno di effetti speciali ed esplosioni, ma il suo ritmo martellante/marchio di fabbrica, tra lo spot pubblicitario e il videoclip, fa da padrone e, quando cerca di mostrare un’anima pulp, le cose vanno di bene in peggio, gonfiando Pain & gain – Muscoli e denaro con umorismo becero e di grana grossa, forse cercando un vago accostamento al Quentin Tarantino prima maniera.

Questa parte del film rovina ogni buona finalità, trasformando i suoi funzionali protagonisti [Whalberg gigione, Johnson forse il migliore del cast e c’è anche il buon Ed Harris] in mere macchiette e marionette, al servizio di un mega reportage filmico girato come fosse un lungo spot pubblicitario; e per più di due ore è anche troppo da sopportare.

Mirko Lomuscio

PAIN & GAIN – MUSCOLI E DENARO

2.5 Teschi

Regia: Michael Bay
Con: Mark Whalberg, Dwayne Johnson, Anthony Mackie, Tony Shaloub, Ed Harris, Rebel Wilson
Uscita in sala in Italia: giovedì 18 luglio 2012
Sceneggiatura: Christopher Markus, Stephen McFeely
Produzione: Michael Bay, Ian Bryce, Donald De Line
Distribuzione: Universal Pictures
Anno: 2013
Durata: 129’

InGenere Cinema

x

Check Also

CIP & CIOP AGENTI SPECIALI di Akiva Schaffer

Fra i nati a partire dalla metà degli anni ‘80, c’è chi ...