Home / Recensioni / In sala / TO THE WONDER di Terrence Malick

TO THE WONDER di Terrence Malick

tothewonder1Dopo il successo ottenuto con Tree of life, vincitore della Palma d’oro a Cannes nel 2011, il poco prolifico regista Terrence Malick realizza, a distanza di un anno [e nel suo caso è un’anomalia, se pensiamo anche che in cantiere vi è un altro lungometraggio di prossima uscita], porta sui grandi schermi un nuovo racconto personale sulla vita e le sue conseguenze, portando stavolta il suo sguardo dall’esistenza di Tree of life all’amore descritto in questo To the wonder.

Un amore nato tra l’americano Neil [Ben Affleck] e la francese Marina [Olga Kurylenko], una coppia in piena tempesta sentimentale che decide di andare a vivere insieme nell’Oklahoma, terra natale di lui.

Ma come si sa il destino e la vita stessa sono pieni di inaspettate sorprese, come un ritorno di fiamma tra Neil ed una sua ex, Jane [Rachel McAdams], che accende la scintilla che darà inizio alla crisi tra i due innamorati.

Il tutto sotto lo sguardo vigile di padre Quintana [Javier Bardem], un prete in lotta per la sua vocazione che, di fronte a queste diverse forme d’amore, non potrà far altro che consigliare ed assistere inerme.

Il discorso per Malick si ripete, facendosi testimone di un racconto d’amore con l’occhio vigile di nostro signore, proprio come aveva fatto col precedente Tree of life.

tothewonder4Qua si cimenta a narrare una storia sentimentale con il suo solito approccio e la sua tecnica, valorizzata dall’eccellente fotografia di Emmanuel Lubezki [alla sua terza collaborazione col regista de La rabbia giovane], ed azzarda ai soliti accenni di noia filmica ormai abituali per gli spettatori meno esigenti.

Infatti, badate bene, per assistere a To the wonder bisogna caricarsi di molta pazienza ed essere pronti ad un racconto fatto di sole immagini e musica, con pochissime parole e molta retorica cristiana a cui pare che ormai il regista sia molto affezionato.

Redbud_Day25 (184 of 205).CR2Ovviamente come portavoce dei suoi filosofici pensieri e lunghi monologhi interiori una serie di nomi noti come Affleck [anonimo nel suo ruolo], la Kurylenko [la più esposta e forse la migliore del cast], la McAdams e Bardem, più un’apparizione, a sorpresa, della nostra Romina Mondello, che come sia finita in un film di Malick è tutto da scoprire.

Polpettone per esigenti in materia, To the wonder però è più digeribile del fin troppo lodato e sopravvalutato Tree of life. Ma, ovvio, non è tra le migliori cose di Terrence Malick.

Mirko Lomuscio

TO THE WONDER

2.5 Teschi

Regia: Terrence Malick

Con: Ben Affleck, Olga Kurylenko, Rachel McAdams, Javier Bardem, Romina Mondello

Uscita in sala in Italia: giovedì 4 luglio 2013

Sceneggiatura: Terrence Malick

Produzione: Sarah Green, Nicolas Gonda

Distribuzione: 01 distribution

Anno: 2012

Durata: 112’

InGenere Cinema

x

Check Also

RITORNO AL FUTURO: I FILM, LA SCIENZA, LE CURIOSITÀ di Giovanni Toro

Alzi la mano chi, fra gli amici di InGenereCinema.com, deve la sua ...