Home / Recensioni / Home Video / 2 titoli di Genere per RAROVIDEO

2 titoli di Genere per RAROVIDEO

RaroFilm_vacanze-per-un-massacroContinua a macinare titoli esclusivi Minerva Pictures, attraverso la collana RaroVideo [www.rarovideo.com], che si occupa del restauro e della distribuzione di film singolari, che sono stati rivalutati negli anni, e considerati dei veri cult.

Le ultime due uscite in questione sono: Vacanze per un massacro [Madness], 1970, di Fernando Di Leo, e La notte dei diavoli, 1972, di Giorgio Ferroni.

Di Leo [Milano calibro 9; La mala ordina] con Vacanze per un massacro firma uno dei suoi ultimi noir. In realtà non si tratta proprio di un noir, come è stato più volte dichiarato, ma di un film erotico che tenta di reggersi ad una storia che si appiglia al noir superficialmente. Lo stesso Di Leo considerava Vacanze per un massacro la sua opera minore, nata da un soggetto di Mario Gariazzo [La mano spietata della legge; Acquasanta Joe], e scritto dallo stesso Di Leo.

Joe Brezy [Joe Dallessandro] è appena evaso dal carcere di Volterra. È un criminale molto temuto, e anche le tv stanno diffondendo la notizia della sua fuga. Joe vaga tra le campagne per non essere individuato, e si dirige verso una casa isolata dove, prima di venire arrestato, aveva nascosto sotto le mattonelle del camino un cospicuo bottino.

vacanze2Quando però Joe individua la casa, la scopre abitata da tre persone, che vi si sono stabilite lì per poco. Si tratta di due sorelle, Paula [Lorraine De Selle] e Lillian [Patricia Behn], quest’ultima accompagnata dal marito, Sergio [Gianni Macchia]. Paula è una ragazza disinibita e frivola. Non prende nulla seriamente, ed ha una vera ossessione per il sesso, che manifesta mostrandosi spesso nuda. È lei l’amante di Sergio, ma questo Lilian non lo sa e non lo capisce, nonostante gli sguardi ambigui tra i due. Ma Joe è in agguato, e non aspetta altro che l’arrivo del momento propizio per entrare in casa…

Vacanze per un massacro è un film decisamente mediocre, tutto basato sull’erotismo e sulle performance sessuali di Sergio, che Paula si diverte a stuzzicare, provando però un pizzico di gelosia ogni qualvolta lo sente ansimare durante i rapporti con Lilian. Di Leo indugia molto sui primi piani dedicati ai corpi dei tre, e non risparmia neanche la scena della masturbazione di Paula. Joe, poi, sembra, più che un criminale, un ragazzone complessato e con la testa tra le nuvole. Non si capisce perché dovrebbe intimorire i tre, tanto che Paula si concede con molta disinvoltura a lui.

imagesDi tutt’altra pasta è La notte dei diavoli, [frutto di una co-produzione italo-spagnola tra Due Emme Cinematografica, Filmes Cinematografica e Coop Copernices] di Giorgio Ferroni, che dirige un film gotico davvero accattivante e ben scritto. Ferroni, che tanto spazio ha dato nella sua carriera a diversi Generi, come il western [Un dollaro bucato, Per pochi dollari ancora], i film storici [Coriolano eroe senza patria, Il Colosso di Roma], drammatici [Tombolo, paradiso nero, che, trasposto in dramma nel 1949 da Luigi Giurunda, venne invece respinto dall’Ufficio censura teatrale], al peplum [Ercole contro Molock; Le baccanti], si era già confrontato con il Genere gotico con Il mulino delle donne di pietra, 1960, considerato il suo capolavoro, che in molti, critici e non, hanno rapportato allo stile del re del cinema gotico:  Mario Bava [La maschera del demonio;I tre volti della paura;e il l’ineccepibile thriller Cani arrabbiati].

Come per I tre volti della paura, anche La notte dei diavoli è tratto dalla novella di Aleksej Konstantinovič Tolstoj, del 1839, La famiglia del Vurdalak. Frammento inedito delle memorie di uno sconosciuto, che i due registi hanno tradotto cinematograficamente parlando, diversamente, seppur ci siano dei punti in comune ben chiari, come le ambientazioni gotiche e le scenografie.

images (1)La scena si apre con il protagonista, Nicola [Gianni Garko], legato in un letto d’ospedale, curato da uno psichiatra [interpretato da Umberto Raho, qui in una piccola apparizione con Rosa Toros, nei panni di un’infermiera]. Durante gli esami ai quali è sottoposto, il paziente non dà nessun segno di ripresa, ma anzi vive di allucinazioni, alcune delle quali proibite. Nessuno sa chi egli sia, almeno fino a quando non viene identificato da Sdenka [Agostina Belli], alla cui presenza l’uomo reagisce con paura. Nicola, infatti, durante un viaggio in Jugoslavia, impossibilitato a proseguire per via del guasto alla sua auto, trova riparo presso una casa circondata da una foresta e abitata da una famiglia di contadini.

Appena entrato in casa, Nicola è spaventato dal timore che aleggia in casa da quando, in seguito ai funerali di Vlad, marito di Elena [Teresa Gimpera], una strana figura, che tutti additano come strega [Maria Monti], si aggira intorno alla dimora. La strega miete vittime e ne succhia il sangue, contagiando così gli abitanti del villaggio. Intanto Jovan [Roberto Maldera alias Mark Roberts], da sempre innamorato di Elena, si unisce carnalmente a lei, vendicandosi, in un certo senso, di quel fratello bisbetico abituato a trattate male sua moglie. Il patriarca Gorča [Bill Vanders], sparito uno dei due figli di Elena, si perde nella foresta per cercarlo, e, una volta rientrato a casa, non è più lo stesso.

NDD72A curare gli effetti speciali del film, eccellenti, è nientemeno che Carlo Rambaldi, mentre la colonna sonora

è di Giorgio Gaslini, che ha curato, tra le altre cose, la colonna sonora di Profondo rosso. La voce che sentiamo sui titoli di testa finali è di Edda Dell’Orso, che ha partecipato a numerose colonne sonore storiche [Il buono, il brutto, il cattivo e C’era una volta il west di Leone, o nell’ultimo La migliore offerta di Tornatore].

La notte dei diavoli, girato tra Bracciano e Manziana, nel Lazio, è un film riuscito, in cui ogni elemento, sia esso fotografico, scenografico, o altro, è in linea con l’altro.

1352026640_1Ferroni riesce a dare al film un’impronta e una sua personale visione in chiave horror. Un particolare plauso va dunque a RaroVideo, che tra l’altro propone per la prima volta in Italia il film in versione integrale, impreziosendo il DVD di un particolare contenuto extra: Sartana contro i vampiri, con un’intervista a Garko e il commento finale di Davide Pulici, regalandoci poi l’inizio alternativo del film e il trailer.

Per La notte dei diavoli in allegato troviamo un prezioso booklet, curato da Nocturno Cinema.

Gilda Signoretti

VACANZE PER UN MASSACRO

Voto film

2 Teschi        

Voto DVD

2disc copy

Regia: Fernando Di Leo

Con: Lorraine De Selle, Joe Dallessandro, Patricia Behn, Gianni Macchia

Durata: 86’

Audio: Italiano con sottotitoli in inglese

Formato: 16/9  1.85:1

Distribuzione: Minerva Pictures [www.minervapictures.com]

Extra: Booklet; Biografia e filmografia del regista; Trailer

– 

LA NOTTE DEI DIAVOLI

Voto film

3.5 Teschi

Voto DVD

4disc copy

Regia: Giorgio Ferroni

Con: Gianni Garko, Teresa Gimpera, Agostina Belli, Maria Monti, Roberto Maldera

Durata: 86’

Audio: Italiano e Inglese 2.0 Dolby Digital

Formato: 2.35:1 anamorfico 16:9

Distribuzione: Minerva Pictures [www.minervapictures.com]

Extra: Booklet; Sartana contro i vampiri; L’inizio alternativo del film; Trailer originale

 

InGenere Cinema

x

Check Also

Visions of Suffering, Hyde’s Secret Nightmare e XXX Collection a novembre in Italia con TetroVideo

A partire da oggi, 23 novembre, sul sito ufficiale TetroVideo e sul sito ...