Home / Recensioni / Editoria / THE WALKING DEAD di AAVV

THE WALKING DEAD di AAVV

CopertinThw walking deadQuando Robert Kirkman stava ancora ragionando sull’impostazione del fumetto The Walking Dead, aveva già deciso di partire da un presupposto: raccontare la paura della sopravvivenza da parte di un gruppo di persone terrorizzate dall’avanzata del morbo degli zombie.

Era il 2003, e The Walking Dead, pubblicato dalla Image Comics e illustrato da Tony Moore e Charlie Adlard, ebbe subito un’ottima risposta di pubblico e iniziò a contagiare un po’ tutto il mondo.

Era doveroso, quindi, tradurre il successo del fumetto in immagini in movimento e, dall’incontro tra Kirkman e Frank Darabond, nacque la serie tv omonima, arrivata ora alla terza stagione.

È proprio per omaggiare The Walking Dead, ma in particolar modo per studiarne le sue componenti e indagare intorno alla figura dello zombie, che nasce The Walking Dead – L’evoluzione degli zombie in tv nel fumetto e nel videogioco, a cura di Luigi Boccia, e scritto da sei autori: Marcello Gagliani Caputo, il nostro Luca Ruocco, Francesco Massaccesi, Roberto Giacomelli, Marco Saraga, Giovanni Lorecchio, ed edito da UniversItalia, per la collana Horror Project.

The Walking Dead è un saggio dinamico, scritto e pensato con molta intelligenza, e, certamente, con la passione che ciascuno dei sei autori ha sempre espresso per il cinema, il fumetto e il videogioco di matrice horror. La dinamicità del saggio è data da due principali motivazioni: la prima è la praticità con la quale ciascun saggista si esprime, senza perdersi in preliminari inutili, e la seconda sta nella felice ripartizione di compiti che ogni firma si è assunta, in otto capitoli diversi, ciascuno dei quali è dedicato ad una tematica specifica, scelta in base alle proprie preferenze e alle competenze.

È un saggio da leggere tutto d’un fiato perché interessante e scorrevole, ma contemporaneamente dettagliato e completo. Il saggio si apre con una introduzione di Luigi Boccia, Uomini e zombie allo specchio, in cui umani e morti viventi sono considerati l’uno evoluzione-involuzione dell’altro.

Si parte, poi, con La genesi – Gli zombie sbarcano in tv, di Marcello Gagliani Caputo, che, come anticipa il titolo, è un percorso analitico sulla nascita della serie tv The Walking Dead, avvenuta nel 2007, quando Kirkman, Moore e Adlard cominciarono a scrivere il soggetto dei sei episodi della prima stagione, e il suo sviluppo, esponendo i punti fermi della serie. Marcello Gagliani Caputo cura altri due capitoli del saggio, uno, La trilogia letteraria – Kirkman e Bonansiga raccontano il Governatore, sulla trasposizione letteraria di The Walking Dead, e l’altro, Le web-serie di Nicotero – Su internet per rivivere l’Apocalisse, sulle due web-serie ispirate al fumetto.

Si continua con L’evoluzione dello zombie – Origine della specie per mezzo della selezione naturale, uno studio antropologico socioculturale sulla figura dello zombie, “il super-servitore”. L’autore, Luca Ruocco, intraprende un cammino evolutivo all’interno del cinema degli zombie, estero e nostrano, passando per titoli come da Zombi, La notte dei morti viventi di Romero e Zombi 2 e 3 di Fulci.

Anche lo zombie  subisce una selezione naturale, attraverso la quale i più evoluti dimostrano di aver acquisito delle capacità che li avvicinano agli uomini [come Bub, in Survival of the dead, 2009, di Romero, che ha cognizione del passato, o Big Daddy ex-benzinaio che guiderà una rivolta a capo dei non-morti], e, dunque, fanno più paura.

Ma le paure si esorcizzano, ed ecco allora le cosiddette zomedy venire in soccorso ai più paurosi, per prendere in giro uomini e zombie, come succede ne L’alba dei morti dementi.

Francesco Massaccesi ci accompagna invece nel fumetto The Walking Dead, Zombie di carta – Il fenomeno fumettistico, dedicandosi anche alla descrizione dei personaggi e alle atmosfere e ai contesti che lo permeano.

Molto divertente è Il morto è di tendenza – Lo zombie tra moda e cultura popolare, di Roberto Giacomelli, che ci spiega come lo zombie abbia influenzato, in modo originale, la moda e anche le tradizioni, entrando prepotentemente all’interno della nostra cultura, autoinvitato alle feste, dove la fa da padrone, ed esso stesso poi protagonista di una manifestazione contagiosa: lo Zombie Walk.

Lo zombie, insomma, è ormai parte integrante della collettività, una sorte di “fratello” da tenere sotto controllo.

Si continua poi con un particolare studio di Marco Saraga: Introduzione allo studio degli zombie – La sociologia dei non morti,  che offre una visione sociologica della figura del morto vivente, indagando proprio sulla sua natura di non morto ed essere regredito, istintivo e privo di nessuna o quasi percezione.

Anche a noi piacerebbe, come auspica l’autore, assistere ad una seduta psicoanalitica dello zombie… e chissà cosa ne uscirebbe fuori.

Conclude il saggio un capitolo dedicato al videogioco “zombesco”, Il videogioco – Un’avventura in prima persona, di Giovanni Lorecchio, e infine una intervista di Luigi Boccia a Robert Kirkman.

Un saggio, quindi, che non può sfuggirvi.

Gilda Signoretti

WALKING DEAD – L’evoluzione degli zombie in tv nel fumetto e nel videogioco

4 Teschi

Autore: AAVV

Editore: UniversItalia [www.universitaliasrl.it]

Pagine: 114

Illustrazioni/Foto: No

Costo: 12,00 euro

InGenere Cinema

x

Check Also

IL GATTO CON GLI STIVALI 2 di Joel Crawford

Attendevamo da molti anni il secondo capitolo de Il gatto con gli ...