Home / Recensioni / Home Video / BABYCALL di Pål Sletaune

BABYCALL di Pål Sletaune

babycalldvd1Pål Sletaune, regista norvegese, prima di dirigere Babycall, si era già cimentato con il thriller [Genere che aveva accostato alla black comedy in Posta celere, nel 1997], nel 2005 con Naboer. Babycall è un film che ha ricevuto gli apprezzamenti di gran parte della critica, ma che non ha avuto una grossa risonanza al cinema, tanto da passare un po’ inosservato. Un vero peccato.

L’uscita in home video, su distribuzione CG Home Video, dunque, può rappresentare così una sorta di riscatto per il film, perlomeno in Italia.

Babycall è un thriller psicologico che gira intorno ad una madre, Anna [Noomi Rapace], e a suo figlio Anders [Vetle Qvenild Werring], di otto anni. I due si sono appena trasferiti in una città, tutto in gran segreto, e per una ragione alquanto delicata: l’ex marito di Anna ha usato violenza su di lei e sul bambino, che ha provato a gettare dalla finestra. I servizi sociali seguono ogni movimento della donna, che alloggia in un appartamento dove gli addetti ai servizi possono entrare a sorpresa e uscire quando vogliono, per seguire i comportamenti di Anders, meno turbato di sua madre dalla nuova vita opprimente che stanno conducendo.

Anna ha un attaccamento morboso nei confronti del suo unico figlio, che rischia di contagiare con le sue ansie, così da sentirsi più al sicuro acquistando un babycall.  Ma le minacce di morte da parte dell’uomo non tardano ad arrivare, e poco può fare Helge [Kristoffer Joner], nel cui negozio Anna ha acquistato proprio il babycall.

babycalldvd2Il babycall è solo un pretesto, anche se dà il titolo il film. Babycall, infatti, si focalizza sulle paranoie di Anna, interpretata da una straordinaria Rapace, abile nel rappresentare anche solo mimicamente lo shock della protagonista. Sletaune dirige il film con molta acutezza e tanti interrogativi. Il cattivo, cioè l’ex marito di Anna, si aggira nel film come un fantasma che sentiamo presente e minaccioso fin da subito. Babycall è un film in cui il dolore è la causa scatenante della malattia della protagonista, che è pericolosa prima per sé stessa e poi per suo figlio. Non sarà un thriller innovativo, anche il finale si intuisce ben presto, ma questo film ha tanti meriti, primo tra tutti la piacevolezza sceneggiatura, firmata dallo stesso Sletaune.

Gilda Signoretti

BABYCALL

Voto film

3 Teschi

Voto DVD

2.5dsc copy

Regia: Pål Sletaune

Con: Noomi Rapace, Vetle Qvenild Werring, Kristoffer Joner

Durata: 92’

Formato: 16/9 2.40:1

Audio: Italiano Dolby Digital 5.1

Distribuzione: CG Home Video [www.cghv.it]

Extra: Trailer

InGenere Cinema

x

Check Also

Vespertilio Awards: Il nuovo premio italiano per il cinema horror!

Arriva la prima edizione del Vespertilio Awards, un riconoscimento cinematografico italiano del panorama ...