Home / Recensioni / Memorie dall'Invisibile / COURAGE di Greg Zglinski

COURAGE di Greg Zglinski

courage1Il film vincitore della sezione Migliore Film Straniero del R.I.F.F. 2012, tenutosi al Nuovo Cinema Aquila, che che ri-ospiterà il festival indipendente anche per l’edizione 2013 [dal 3 all’11 Aprile], è Wymyk, meglio conosciuto come Courage, del polacco Greg Zglinski.

Dal 21 Marzo al 4 Aprile il film sarà in programmazione al Nuovo Cinema Aquila, alle 20.30 e alle 22.30, in lingua originale [polacco] con sottotitoli in italiano.

Il titolo, Wymyk in polacco significa “fuga”, contiene in sé la morale del film, in quanto è il coraggio la non virtù del protagonista, Alfred [Robert Wieckiewicz], al quale si contrappone Jerzy [Lukasz Simlat], suo fratello. I due sono direttori di un’azienda informatica che mandano avanti senza alcuna complicità, e nessuna condivisione, dal momento che non vanno assolutamente d’accordo, essendo molto diversi tra loro.

Alfred è un uomo freddo, solitario e a tratti irrequieto, mentre Jurek è un uomo pacifico, maturo. A differenza di Alfred, non ha bisogno di mettersi alla guida di un’auto e improvvisarsi, alla massima velocità, in prove pericolose, come quella di superare il treno e anticipare di pochi secondi il passaggio a livello.

courage2Eppure, Fred, come viene chiamato da tutti, ha sposato una donna, Viola [Gabriela Muskala], che pare avere molti punti in comune con Jerzy e nessuno, o quasi, col marito.

L’astio tra i due fratelli verrà meno soltanto quando le loro vite saranno stravolte da una tragedia: in seguito ad una rissa tra Jerzy e quattro delinquenti, a bordo di un treno, nata da un tentativo di difesa da parte dell’uomo nei confronti di una ragazza che i quattro stanno molestando. Fred, presente, non interviene, non subito, per domare la banda, e Jerzy viene scaraventato fuori dal treno, ed è ridotto in fin di vita. Il fratelo, che si sente profondamente responsabile dello stato in cui si trova l’altro, affronta i giorni a venire con grande disagio e disorientamento, arrivando a mettere in discussione tutte le sue scelte passate, compreso il matrimonio, e a cominciare ad avvertire un desiderio di rivincita verso la vita stessa.

courage4Courage è un film superficialmente intimista, difficilmente ascrivibile ad un Genere d’appartenenza, probabilmente perché poggia su una trama assolutamente blanda, che vorrebbe seguire per certi versi il filone della spy story. Sottotono anche i personaggi, opachi e apatici, anche se interpretati da attori capaci, come lo stesso Wieckiewicz, che abbiamo visto di recente nel film In darkness.

Non aiuta il lento ritmo, che segna profondamente il film, e che non regala spazi di apertura. Indicativo è il finale, che suggerisce quanto a volte la mancanza di libertà e la mancata realizzazione dei nostri sogni sia dovuta proprio alla presenza, intorno a noi, di persone che ostacolano, pur senza volerlo, le nostre aspettative.

Gilda Signoretti

COURAGE

1.5 Teschi

Regia: Greg Zglinski

Con: Robert Wieckiewicz, Lukasz Simlat, Gabriela Muskala

Sceneggiatura: Janusz Marganski, Greg Zglinski

Produzione: Opus Film

Distribuzione: Nuovo Cinema Aquila e R..I.F.F.

Anno: 2011

Durata: 85’

Trailer:

InGenere Cinema

x

Check Also

Visions of Suffering, Hyde’s Secret Nightmare e XXX Collection a novembre in Italia con TetroVideo

A partire da oggi, 23 novembre, sul sito ufficiale TetroVideo e sul sito ...