Home / Recensioni / Home Video / BIANCO di Roberto Di Vito

BIANCO di Roberto Di Vito

biancodvd1Pochi film indipendenti hanno la fortuna di uscire in DVD supportati da un’importate distribuzione. Se poi ad uscire è un film indipendente italiano, l’evento pare davvero speciale.

È il caso dell’ultimo lungometraggio firmato da Roberto Di Vito, Bianco [2011], che si è visto distribuito dalla CG Home Video. Vi avevamo parlato qui di Bianco, in occasione del Fantafestival 2011, tenutosi presso il Nuovo Cinema Aquila di Roma.

La durata del film, rispetto alla proiezione tenuta in occasione del Fantafestival, è inferiore: dagli 82 minuti totali si è infatti passati a 74.

Bianco è un film particolare, intimista, che confonde realtà e fantasia, e alterna colori naturali a colori artificiali, accecanti, fra i quali spicca il bianco.

Ma cos’è il bianco? Il bianco in questo film può avere varie accezioni: il bianco è il colore degli abiti del protagonisti, il colore che inonda il suo sogno, bianco è l’ignoto, l’imprevedibile.

Luigi [Igor Mattei], un giovane, è in preda ad un sogno di cui è l’unico protagonista, che lo vede correre continuamente, come alla ricerca di qualcosa.

biancodvd2C’è un momento in cui il sogno e la realtà si congiungono, ed avviene nell’attimo in cui Luigi apre gli occhi, e viene accecato dal bianco. Li chiude e li riapre, ma la situazione non cambia: il bianco lo acceca. Si accorge poi di essere bendato e legato mani e piedi su di un materasso, e di essere ostaggio di due uomini: una benda bianca, ben stretta al viso, gli impone di vedere nient’altro che il suo colore. I suoi rapitori si accorgeranno poi di aver commesso un errore, avendo scambiato Luigi per un’altra persona. Luigi affronta i giorni da sequestrato come un’esperienza ascetica, che lo porta e lo costringe a rapportarsi solo con sé stesso ed a interrogarsi con i suoi sensi si colpa.

È questo il soggetto intorno al quale si muove Bianco, che si costruisce su quattro personaggi: il protagonista, i due rapitori e una ragazza, che è in realtà un personaggio superficiale. Bianco ha però il difetto di rientrare in una sceneggiatura a volte troppo ingenua e banale.

biancodvd3Bianco è un film psicologico, e a Di Vito va dato il merito di aver dato personalità al film, di cui firma anche il soggetto, la sceneggiatura e le musiche. Deludono i contenuti extra, che, oltre al trailer, contengono il cortometraggio Sole, dello stesso Di Vito, e una vecchia intervista concessa a Coming Soon. Sia il corto che l’intervista sembrano, però,  adattarsi a Bianco; intanto perché sarebbe stato più consono inserire il corto Bianco, da cui Di Vito ha preso spunto per il film, e poi perché l’intervista è in realtà una chiacchierata sul cinema in generale, e non sul lungometraggio in questione o sulla cinematografia di Di Vito, e tra l’altro anche tagliata nel finale.

Gilda Signoretti

BIANCO

2

Regia: Roberto Di Vito

Con: Igor Mattei, Massimiliano Fedeli, Giovanni Piccirillo

Sceneggiatura: Roberto Di Vito

Produzione: Roberto Di Vito

Distribuzione: CG Home Video – CineKult [www.cghv.it]

Anno: 2012

Durata: 74’

InGenere Cinema

x

Check Also

SMILE di Parker Finn

La giovane dottoressa Rose Cotter [Sosie Bacon] lavora letteralmente giorno e notte ...