Home / Recensioni / Memorie dall'Invisibile / Vampiri, Licantropi e mostri di Frankenstein alla Scuola Romana di Cinema

Vampiri, Licantropi e mostri di Frankenstein alla Scuola Romana di Cinema

Fullmoon2Il cortometraggio Full Moon [2012], per la regia di Valentina Dal Monte, ci dà l’opportunità di segnalarvi il lavoro che la Scuola Romana di Cinema [nata da poco più di un anno all’interno della prestigiosa Scuola Romana di Fotografia] e i suoi docenti, tra cui il coordinatore Giovanni Bufalini, regista e autore indipendente [tra le sue ultime opere, il video The Mistral Blows per gli Hot, nato da un’idea di Amanda Knox, che conteneva, in origine anche immagini della stessa, all’interno dell’istituto penitenziario. Ne trovate qui la versione censurata], portano avanti con impegno e passione, assieme ai giovani allievi, non disdegnando la vicinanza al cinema di Genere!

Logo_SRCDecisamente fuori dai tristi standard italiani, la Scuola Romana di Cinema [che da poco ha aperto le iscrizioni per l’anno accademico 2012/2013] si contraddistingue per una concreta messa in pratica delle materie studiate in aula, con set preparati e portati a termine dagli stessi studenti, con il supporto del gruppo docenti, e l’inserimento dei giovani partecipanti su set professionali, in cui testare le proprie capacità.

Ma torniamo a Full Moon: Notte di luna piena. Nei sobborghi di una città, una dolce teenager cammina tranquilla, walkman in mano e cuffie nelle orecchie. Una figura minacciosa sta seguendo proprio lei… Una favola pop dal sapore anni ottanta, in cui niente è come sembra.

Un breve cortometraggio quasi tutto al femminile [oltre alla regista, troviamo Camilla Martini come direttore della fotografia e Livia Bortolucci, come interprete protagonista], che rappresenta un gradevole e divertente omaggio alla horror-comedy degli anni ’80, strizzando l’occhio in primis al grande John Landis.

Fullmoon

Full Moon, oltre a rappresentare un secondo step per la classe dell’anno accademico in chiusura [dopo il corto Stomachina, al quale chi scrive ha preso parte nel ruolo di interprete, in quella che è una parodica rivisitazione di uno dei primi lavori di Polanski, potete vederlo qui], partecipa al concorso Nazionale Cinevox Contest, prestigiosa ed originale gara, che si incentra sullo sviluppo di un breve lavoro video, a partire dalla scelta di utilizzare un brano di colonna sonora edita, tra quelli proposti. Il gruppo della Scuola Romana di Cinema sceglie Buio Omega dei Goblin per raccontare la storia un di una ragazza solitaria inseguita da un cartoonesco mostro di Frankenstein, interpretato dall’attore Antonio Palumbo.

Lasciandovi alla visione del cortometraggio, vi ricordo che per votare Full Moon all’interno del Cinevox Contest vi basta esprimere il vostro gradimento all’interno della pagina youtube.

Buona visione.

Luca Ruocco

 

Full Moon:

InGenere Cinema

x

Check Also

RITORNO AL FUTURO: I FILM, LA SCIENZA, LE CURIOSITÀ di Giovanni Toro

Alzi la mano chi, fra gli amici di InGenereCinema.com, deve la sua ...