Home / Recensioni / Home Video / Emanuele Crialese: UNA TRILOGIA

Emanuele Crialese: UNA TRILOGIA

crialese_1I film di Emanuele Crialese, regista romano vissuto a lungo in America, ma poi rientrato in Italia, dove ha trovato dimora a Lampedusa, risentono molto della sua personalità e del suo stile. Il taglio che il regista dà ai suoi film è molto intimista ed esigente, sia dal punto di vista tecnico che narrativo. Crialese è alla ricerca di un omogeneo sguardo d’insieme, all’interno del quale ogni elemento, dalla sceneggiatura [mai del troppo sviluppata] alla scenografia, alla musica, condividono con l’altro lo stesso ritmo. E forse è proprio per questa ricerca della perfezione che i film di Crialese risentono di un modesto appiattimento, risultando monotono e monocorde. È indubbio lo spessore, soprattutto a livello fotografico e scenografico, dei suoi film, ma ciò non basta ad alleggerire la loro visione, che soffre di troppi momenti morti, dovuti in parte anche alle lunghe durate di ciascuno.

Stiamo parlando in special modo della trilogia, da poco inclusa in un cofanetto distribuito da 01distribution, che contiene Respiro, 2002, Nuovomondo, 2007, Terraferma, 2011. Questi tre film sono legati alla Sicilia, della quale Crialese è fortemente attratto, scegliendo ad esempio le ambientazioni di Lampedusa o Linosa per raccontare le sue storie, incentrate particolarmente sul tema dell’immigrazione, del razzismo, dell’isolamento e dell’integrazione.

Se Respiro, più precisamente, delinea la figura di una donna, Grazia [Valeria Golino], che, a causa della sua emancipazione e sregolatezza è mal vista dagli isolani, che malignano sul suo conto e sul rapporto morboso che la donna, madre di una ragazza adolescente e di due bambini, ha con questi ultimi [Francesco Casisa e Filippo Pucillo]e che inducono suo marito Pietro [Vincenzo Amato] a farla curare in un centro psichiatrico a Milano, con la speranza che metta giudizio.

crialese_2Nuovomondo e Terraferma sono invece due film che puntano sul protagonismo non di un singolo, ma di un’intera collettività, che difende o sfrutta l’immigrazione a seconda dei punti di vista. In Terraferma, ad esempio, Nino [Giuseppe Fiorello] vorrebbe far soldi puntando sul turismo estivo dell’isola di Lampedusa, incurante però dello sbarco clandestino nell’isola, che deforma l’immagine dell’isola felice e rasserenante.

Così, mentre si accinge a promuovere la campagna viaggi e a descrivere ai turisti le bellezze dell’isola, non si accorge che il problema è più grave di quello che fino ad ora ha creduto. Affrontano a testa alta la situazione che gli isolani stanno vivendo con gli immigrati, Giulietta [la bravissima Donatella Finocchiaro] e Filippo [Filippo Pucillo, attore non professionista su cui Crialese punta molto, e a nostro parere non a ragione, tanto da affidargli parti importanti in ciascun film della trilogia], che proteggono in casa una donna incinta, aiutandola a partorire, e nella quale Giulietta trova una vera amica. Le due donne infatti scopriranno molti punti in comune, abbandonando i sospetti e le diffidenze reciproche.

Nuovomondo è invece la storia di un’emigrazione che vede coinvolti intere famiglie siciliane. Il film si concentra su Salvatore [Vincenzo Amato] che, padre di due ragazzi [Francesco Casisa e Filippo Pucillo] e vedovo da anni, decide di partire per l’America, portandosi dietro anche l’anziana madre [Aurora Quattrocchi]. Privo di alcun entusiasmo, Salvatore incontrerà Lucy [Charlotte Gainsbourg], una donna aristocratica inglese, di cui Salvatore si innamorerà, venendone ricambiato. Lucy è una donna indipendente, diversa dalle sottomesse donne siciliane che viaggiano con lei, e forse è proprio questa diversità ad attrarre Salvatore. L’adattamento alla nuovo mondo, così diverso, per usi e costumi, dall’Italia, non sarà indolore: bisogna fare i conti con nuove e più rigide regole, soprattutto per gli immigrati, sottoporsi ad accurate visite mediche, che, se non superate, comportano il rientro in Italia, avere delle garanzie.

crialese_3Crialese è certamente un regista unico nel suo modo di fare cinema, e vale la pena di guardare i suoi film particolarmente per l’attrazione visiva che incanta e che regge i suoi film dal principio alla fine; vi è infatti molta poesia negli scenari paesaggistici che Crialese ci mostra, e che sono protagonisti più dei personaggi, le cui storie ci sembrano onestamente poco sviluppate e fin troppo statiche. Ma è la personalità del regista a divampare, e vien fuori col ricorso ai rumori sensibili del vento, ai canti degli uccelli lungo le scogliere, al lento movimento del mare, agli schiamazzi dei ragazzini per strada: Crialese è alla ricerca di un realismo sensitivo, a tratti drammatico, a tratti leggero, in cui i sentimenti trovano una dimensione meno disinibita perché più intimista e riservata.

01distribution completa la collana con una serie di contenuti extra dedicati principalmente alla descrizione del lavoro di squadra e alle considerazioni del regista e del cast tecnico e artistico, accanto a brevi filmati volti a dare lustro alle isole della Sicilia, il cui contributo consta nel dare fisicità e dialogo al film. Interessanti i retroscena dedicati agli incontri di Crialese con gli attori non professionisti [che recitano in dialetto siciliano, sia per la poca dimestichezza con la lingua italiana, sia perché solo parlando in dialetto la loro recitazione, come spiega il regista, sarebbe risultata libera, evitando così una interpretazione artificiosa], tra provini e riunioni di lavoro.

Gilda Signoretti

 

RESPIRO

Regia: Emanuele Crialese

Con: Valeria Golino, Vincenzo Amato, Francesco Casisa, Filippo Pucillo

Distribuzione: 01distribution [www.01distribution.it]

Extra: Intervista a Emanuele Crialese; Un’isola nell’isola – retroscena del set di Respiro; Trailer

 

NUOVOMONDO

Regia: Emanuele Crialese

Con: Vincenzo Amato, Francesco Casisa, Filippo Pucillo, Charlotte Gainsbourg

Distribuzione: 01distribution [www.01distribution.it]

Extra: Dietro le quinte di Terraferma; Scene tagliate; Trailer; Galleria fotografica

 

TERRAFERMA

Regia: Emanuele Crialese

Con: Donatella Finocchiaro, Filippo Pucillo, Giuseppe Fiorello

Distribuzione: 01distribution [www.01distribution.it]

Extra: /

InGenere Cinema

x

Check Also

SHAZAM! FURIA DEGLI DEI di David F. Sandberg

Ci siamo quasi. Ormai mancano una manciata di film prima dell’avvento di ...