Home / Recensioni / Memorie dall'Invisibile / FULGENZIO di Aldo Iuliano

FULGENZIO di Aldo Iuliano

fulgenzioIn una ristrettissima proiezione privata noi di InGenere Cinema abbiamo avuto il piacere di poter ammirare in anteprima nazionale Fulgenzio l’ultima opera di Aldo Iuliano.

Fulgenzio è un cortometraggio liberamente ispirato alla commedia L’importanza di chiamarsi Ernesto di Oscar Wilde.

Così come l’opera originale voleva mettere in evidenza i difetti di un certo tipo di società inglese, altrettanto vuole fare il corto di Iuliano, soffermandosi però su tutto ciò che rappresenta l’italianità, ovviamente ironizzandoci sopra.

Ritroviamo quindi tutti i difetti di noi italiani: la superficialità, il facile giudizio, la tradizione e tutti quegli stereotipi che sono croce e delizia del nostro paese nel mondo.

La vicenda parla di due giovani sposi Marco Pitti [Andrea De Rosa] e Gioia De Paolis [Andrette Lo Conte] durante quello che dovrebbe essere il giorno più bello della loro vita, vale a dire la celebrazione del loro del matrimonio.

Mentre il prete [Alberto Di Stasio] legge la formula classica con cui si suggellano le unioni matrimoniali, la sposa viene a conoscenza del secondo nome del suo compagno, tenutole nascosto da quest’ultimo perché antiestetico [Fulgenzio, appunto] e decide di annullare il matrimonio.

fulgenzio_6Gioia non ha intenzione di trascorrere il proprio futuro accanto ad una persona con un nome così brutto e a nulla valgono le esortazioni del prete che cerca di convincerla del fatto che “l’amore vince su tutto anche sul nome buffo!”

Senza svelare il finale diciamo che Fulgenzio è un prodotto nel quale albergano stili diversi come il grottesco e l’assurdo e che strizza l’occhio ad un certo tipo di cinematografia [soprattutto western] tipica del cinema di Genere anni ’70, enfatizzando ogni azione compiuta dai personaggi.

Gli attori sono tutti all’altezza del ruolo, ma su tutti spiccano interpreti già cult come Alberto Di Stasio [Boris] e Mario Donatone [Il Padrino parte III].

Fa piacere inoltre trovare una sceneggiatura carina, godibile ma soprattutto ben scritta nel panorama indipendente e supportata da una buona ossatura tecnica [merito anche della Redigital qui in veste di coproduttore insieme a Menteplastica] e da un ottima interpretazione da parte degli attori.

Il corto è stato prodotto dal regista Aldo Iuliano e la prima attrice Andrette Lo Conte [in veste anche di produttore esecutivo].

Da un po’ di tempo a questa parte abbiamo la sensazione che lo standard qualitativo dei prodotti indipendenti si sia alzato notevolmente, nonostante il periodo di crisi generale e i pochi fondi a disposizione.

I tempi sono ormai probabilmente maturi perché le società di distribuzione comincino a investire su queste piccole produzioni indipendenti, supportandole e facendole arrivare al grande pubblico.

Mentre aspettiamo l’uscita ufficiale di Fulgenzio, godetevi il trailer.

Il corto è stato presentato alla prossima edizione dei David di Donatello, per essere aggiornati su tutte le novità riguardanti Fulgenzio, visitate il sito ufficiale: http://www.iulianobrothers.it/

Paolo Corridore

 

Regia: Aldo Iuliano

Con: Alberto Di Stasio, Andrea De Rosa, Andrette Lo Conte, Pietro De Silva, Mario Donatone

Sceneggiatura: Severino Iuliano, Enrique Cherta

Produzione: Aldo Iuliano, Andrette Lo Conte, Menteplastica, Redigital

Distribuzione: /

Anno: 2011

Durata: 14’

Trailer:

InGenere Cinema

x

Check Also

Visions of Suffering, Hyde’s Secret Nightmare e XXX Collection a novembre in Italia con TetroVideo

A partire da oggi, 23 novembre, sul sito ufficiale TetroVideo e sul sito ...