Home / Recensioni / Home Video / AMORE E MORTE NEL GIARDINO DEGLI DEI e IL TRIANGOLO DELLE BERMUDE

AMORE E MORTE NEL GIARDINO DEGLI DEI e IL TRIANGOLO DELLE BERMUDE

amoreemorte1Un professore [Franz Von Treuberg], studioso di ornitologia, acquista una villa di una antica nobile famiglia. Girovagando per il grande giardino che attornia la proprietà, l’uomo si imbatte in un mucchio di nastri magnetici raggomitolati dietro ad un cespuglio. Portatili a casa e ripulitoli per bene, il professore inizia ad ascoltare le confessioni di una donna misteriosa, Azzurra [Erika Blanc], al suo analista.

Azzurra aveva abitato la stessa villa ora proprietà del professore, che aveva fatto da location alla sua torbida storia di amore e odio con il fratello Mafredi [Peter Lee Lawrence], alle loro battaglie erotiche, ai tentativi di non cedere alla morbosità di un rapporto eticamente scorretto abbandonandosi nelle braccia di altri uomini e altre donne [Orchidea De Sanctis, Rosario Borrelli], e alla tragica chiusa della loro storia.

Uno strano thriller questo Amore e morte nel giardino degli deifirmato da Sauro Scavolini nel 1972, sospeso, ovattato, negli ambienti sovraccarichi di richiami pittorici e nelle atmosfere da dramma d’autore.

La stessa struttura della storia è atipica: il giallo è affrontato attraverso importanti salti temporali [indietro nel tempo], proprio grazie al ritrovamento del nastro magnetico con le registrazioni delle confessioni psicoanalitiche, il meccanismo della suspense si mette in moto tardi, concentrandosi nell’ultima parte del film, quando i fili tirati tramite i vari flashback si riuniscono all’interno dell’ultima bobina audio, per lasciare prima il tempo di fermentare alle atmosfere malate e morbosamente erotiche.

CineKult riscopre per CG Home Video il film di Scavolini, guarnendo come al solito il DVD con importanti contenuti extra. Qui, oltre al trailer, una corposa intervista carriera a Erika Blanc.

Luca Ruocco

 

 

bermude1Ereditata la passione per il cinema dal padre, Renè Cardona senjor, Renè Cardona jr. ha iniziato nel 1957, con Gli avventurieri della costa nera, la sua carriera cinematografica.

Ciò che lega il cinema dei due registi [che ha beneficiato spesso di una co-produzione messicana – spagnola – italiana]è certamente la preferenza verso un cinema fantastico con forti tinte horror [comunemente tratti da fatti di cronaca legati al mistero], tipicamente messicano, descritto in modo molto elementare e anche un po’ stravagante, che è anche il motivo per il quale ancora oggi i film targati Cardona sono considerati indimenticabili.

Il triangolo delle Bermude, del 1978, riporta al cinema [va detto che moltissimi sono stati i registi che hanno diretto film sul triangolo delle Bermuda, soprattutto negli anni 70, da Bermude: la fossa maledetta, del 1978, a Uragano sulle Bermude – Incontri con gli umanoidi, del 1979, entrambi di Tonino Ricci, o il più recente Il triangolo delle bermuda di Craig R. Baxley, del 2005,] l’antico mistero, diffusosi dal 1800,  legato all’inquietante zone di mare, di forma triangolare, che ha appassionato letterati, registi, scienziati, ufologi o semplicemente amanti del mistero. Esattamente un anno prima, nel 1974, Charles Bartiz aveva pubblicato El triangulo de las Bermudas, che aveva riportato maggiormente l’attenzione sulla vicenda.

A bordo dello yacht,il Black Whale, viaggiano Edward Martin [John Huston], con sua moglie [Marina Vlady] e le sue due figlie, Diana [Gretha], Michelle [Gloria Guida], e suo fratello Pete [Carlos East], di professione medico [torturato dal fallimento di un’operazione sbagliata ai danni di una paziente] in compagnia di sua moglie[Claudine Auger]. A guidarli in questa vacanza verso il triangolo delle Bermude ci pensano il capitano Mark Briggs [Hugo Stiglietz] con i suoi tre aiutanti: il marconista Alan [Andrès Garcia], il timonieri Tony [Mário Arévalo] e Gordon [Miguel Ángel Furentes]. Alla cucina invece ci pensa Simon [Jorge Samora], un tipo molto allegro.

Il ritrovamento di una bambola, che Diana ha scorto mentre galleggiava sul mare, sarà la causa di avvenimenti funesti, nonché di strani e inspiegabili episodi, a cui nessuno riesce a dare una spiegazione. Il dubbio che negli abissi marini si possa celare un segreto, porta i membri dell’equipaggio ad esplorare il fondale. Qui troveranno alcune rovine di una misteriosa città, forse Atlantide con la sua antica civiltà scomparsa da molti secoli.

bermude2Ma il triangolo d’acqua non si accontenta delle misteriose avvenute fino a quel momento, e nella storia di Cardona jr. si consuma un’altra tragedia: un elicottero, con a bordo una pilota e un anziano, precipita senza alcuna ragione in mare. Neanche per le due famiglie ci sarà scampo.

Nei molti film dedicati all’argomento si è cercato di dare una risposta, ogni volta diversa, ai disastri, aerei e navali, riportati. Il merito di Cardona jr. è nell’aver voluto proporre una nuova ipotesi: la presenza dei resti della civiltà Atlantide, in fondo al mare, che attirerebbero a sé forze maligne. Pur considerato un film di serie B, data la mancanza, diciamo così, di scrupolosità [ad esempio nella sceneggiatura stessa, dello stesso Cardona con Stephen Lord e Carlos Valdemar], Il triangolo delle Bermude resiste bene alle sue mancanze, in quanto non solo incuriosisce la presenza di un cast vario, all’interno del quale non mancano attori di un certo livello [per l’Italia Gloria Guida], ma anche per le atmosfere lugubri [merito della fotografia di León Sánchez]. Un po’ stantie alcune scene, che si fissano troppo sui primi piani della bambina con in braccio la bambola [che sembra reale], o sull’esplorazione del fondale marino, tipico, comunque, di un modo di fare cinema della famiglia Cardona. Divertenti i suoni che vengano intercettati a bordo dello yacht, uditi sempre al calar della sera.

Il DVD, distribuito da CG Home Video, si arricchisce di interessanti contenuti extra: Titoli di testa alternativi; Finale alternativo, Intervista a Alfredo Castelli; Trailer, Galleria fotografica.

Gilda Signoretti

 

AMORE E MORTE NEL GIARDINO DEGLI DEI

Regia: Sauro Scavolini

Con: Erika Blanc, Peter Lee Lawrence, Orchidea De Sanctis

Durata: 85’

Formato: 16:9 – 1.85:1

Audio: Italiano Dolby Digital 2.0

Distribuzione: CG Home Video – CineKult [www.cghv.it]

Extra: Il giardino segreto di Erika [Intervista a Erika Blanc], trailer

 

IL TRIANGOLO DELLE BERMUDE

Regia: René Cardona Jr.

Con: John Huston, Andrés Garcia, Hugo Stiglitz, Gloria Guida

Durata: 104’

Formato: 16:9 – 1.78:1

Audio: Italiano Dolby Digital 2.0

Distribuzione: CG Home Video – CineKult [www.cghv.it]

Extra: Alfredo Castelli Maestro di Mysteri [intervista ad Alfredo Castelli], Inizio e finale alternativi, Trailer

InGenere Cinema

x

Check Also

RITORNO AL FUTURO: I FILM, LA SCIENZA, LE CURIOSITÀ di Giovanni Toro

Alzi la mano chi, fra gli amici di InGenereCinema.com, deve la sua ...