Home / Recensioni / Home Video / BABA YAGA di Corrado Farina

BABA YAGA di Corrado Farina

baba_yaga1

Monumentale l’edizione in doppio DVD del film Baba Yaga [1973], firmato nel 1973 da Corrado Farina, quasi un’opera omnia del regista, che esalta il suo passato di pubblicitario e documentarista, per sfociare nella sua passione per i fumetti e nell’adattamento cinematografico della Valentina di Crepax.

La storia è proprio quella della fotografa milanese e della sua misteriosa antagonista, Baba Yaga, maliarda fattucchiera, fin dal primo momento interessata ad iniziare la disinibita Valentina ai piaceri dell’amore saffico, senza crucciarsi di ricorrere ad una vera e propria opera di persecuzione extra-sensoriale.

Nei contenuti extra contenuti nei due DVD, all’interno di un’intervista esclusiva, il regista Farina si lascia andare a ricordi e amarezze riguardo la scelta dell’interprete della fotografa, della sua iniziale propensione a bussare alle porte di Elsa Martinelli o Stefania Casini, fino alla proposta, arrivata dalla produzione, di rivolgersi a Isabelle De Funès, bella e capace, ma forse fisicamente e caratterialmente poco affine al personaggio da interpretare.

Copia conforme per la scelta dell’antagonista, Baba Yaga: l’autore avrebbe voluto rivolgersi a Ornella Vanoni, mentre la produzione pensò di affidare la parte a Carrol Baker [che comunque si rivela un’interprete davvero notevole].

Ma i “ragionando a posteriori” di Corrado Farina mirano unicamente a raggiungere con la mente quel film perfetto che, idealmente, il regista avrebbe voluto portare a termine, non tenendo conto che Baba Yaga già presenta diversi motivi d’interesse e che, probabilmente, non avrebbe trovato motivi di vanto nei propositi di sostituire alla fotografia pop usata nel film, una più “fumettistica” alla Sin City [Robert Rodriguez, 2005], anche se comprensibili sono le intenzioni, poi non rispecchiate nell’opera, di approfondire maggiormente i rapporti tra cinema e fumetto, anche a livello visivo [di cui rimane traccia nell’intreccio di montaggio tra le scene tratte da fumetto di Guido Crepax e i fotogrammi in bianco e nero del fim].

La versione riscoperta da CineKult farà gola ai collezionisti perché presenta la versione integrale del montaggio del film, che era passato attraverso un brusco abuso da parte di produttori che avevano autonomamente deciso di decurtare il film di circa 30’ di durata.

baba_yaga3

Nei due DVD distribuiti da CG Home Video ritorna, innanzitutto, la scena d’introduzione, con l’happening organizzato dai giovani artistoidi della Milano di Valentina, tra cui spicca un capo indiano interpretato da Franco Battiato. A questa si aggiunge la scena onirica dell’incontro di boxe tra Valentina e un hippie, con tanto di Baba Yaga-preparatrice atletica e due nudi integrali [uno per la De Funès e l’altro per la Baker].

Ma, come già anticipato, il doppio DVD CineKult è utile per conoscere l’opera-pensiero di Farina anche prima [ed oltre] di arrivare a Baba Yaga.

Tra i contenuti extra sono presenti otto cortometraggi girati in 8mm tra il 1960 e il ’68, quattro documentari [1970/’79] e un corto industriale. A completare il tutto, per collegare idealmente il cinema al mondo delle nuvole parlanti da cui proviene Valentina, tre brevi documentari sul fumetto [di cui il primo si sofferma molto proprio su Crepax].

Luca Ruocco

 

Regia: Corrado Farina

Con: Isabelle De Funès, Carrol Baker, George Eastman [Luigi Montefiori]

Durata: 86’

Formato: Widescreen

Audio: Italiano Dolby Digital

Distribuzione: CG Home Video – CineKult [www.cghv.it]

Extra: Valentina e la strega [intervista a Corrado Farina]; Documentari sui fumetti [Freud a fumetti, Caro Corrrierino, Fumettophobia]; Introduzione di Corrado Farina; Film amatoriali 8mm [Camera ammobiliata, Il figlio di Dracula, Storia di un amore, L’ultima estate, Cappuccetto rosso, La sposa infedele, Si chiamava Terra, Giro giro tondo]; Documentari [ I tarli, Salgari della nostra infanzia; Di città si muore; C’erano una volta Stanlio e Ollio]; Cortometraggio industriale [Alfa 75]

InGenere Cinema

x

Check Also

CURSE OF THE BLIND DEAD di Raffaele Picchio

Raffaele Picchio, regista di Morituris, nel 2020 torna alla regia a quattro ...