Home / Recensioni / Home Video / IL SIGNORE DEL MALE di John Carpenter

IL SIGNORE DEL MALE di John Carpenter

signoredelmale1

Il guardiano di un’invisibile setta religiosa di sacerdoti, fuori dal controllo di Santa Madre Chiesa, muore nottetempo, all’interno del convitto adiacente ad una chiesa abbandonata di Los Angeles. Tra le mani stringe un cofanetto d’argento, al cui interno è conservata una chiave. Un prete [Donald Pleasence], chiamato a far chiarezza sull’accaduto, scopre che, nascosto nei sotterranei dell’edificio, è conservato un enorme contenitore di vetro di forma cilindrica, ermeticamente sigillato. Al suo interno un liquido verde, in movimento perpetuo, si agita come se volesse fuoriuscire.

Il prete si rivolge ad un’equipe di giovani scienziati, guidata da un docente che da sempre si muove al limite tra la filosofia e la scienza [Victor Wong]. Insediati sul posto, i giovani inizieranno a monitorare gli impulsi provenienti dal liquido e a tentare di tradurre un antico manoscritto che, debitamente manomesso, sembrerebbe voler inviare al mondo un messaggio decisamente destabilizzante: Gesù Cristo non è affatto il messia che la Chiesa ha tentato di venderci. Di certo figlio di una divinità, ma non di quella benevola e salvatrice: Gesù altro non è che il liquido verde che sguazza rinchiuso all’interno del cilindro, ed è il diretto discendente di Satana, venuto sulla Terra per spianare la strada al ritorno del Male.

Mentre gli scienziati, il professore e il sacerdote scoprono di essere davanti alla più grande opera di depistaggio esistente, all’interno della chiesa e intorno all’edificio, iniziano a verificarsi episodi sempre più inquietanti: vermi e insetti cominciano ad assalire persone, finestre ed elettrodomestici, un’inquietante folla di senzatetto circonda completamente l’edificio per evitare la fuga degli “ospiti” e il liquido messia pare voglia essere ospitato all’interno dei generosi avventori.

signoredelmale2

Il signore del male [1987] è il secondo capitolo della cosiddetta “Trilogia dell’Apocalisse”, assieme a La cosa [1982] e Il seme della follia [1995], firmata da John Carpenter. Al suo interno defluiscono, amalgamandosi in maniera magistrale, tutti i temi simbolo del regista di Halloween, la notte delle streghe [1978]: dall’assedio dei “buoni” all’interno di un edificio tutt’altro che sicuro, all’inconsistenza fisica del Male che si propaga tramite contagio e s’impossessa fisicamente dei corpi delle sue vittime, alle teorie su enormi cospirazioni ai danni dell’umanità. A questo si aggiunge un insano e diverso modo di trattare il tema demoniaco, che fa de Il signore del male uno dei titoli più terrorizzanti della filmografia di Carpenter.

Dietro al possibile occultamento di un Gesù Cristo malvagio, da parte di una Chiesa che ha fatto di tutto, nei secoli, per costruirsi la bella facciata di un dio protettivo e inesistente, però, si nasconde la metafora dello specchio [regno e prigione del signore delle tenebre, sino alla venuta liberatrice di suo figlio in terra]. Dio e anti-dio, messia e anti-messia, quindi, riflessi di un dualistico rapporto di contestazione e fascinazione che il regista-autore intesse con il cattolicesimo e con la scienza, da cui derivano le teorie di fisica quantistica presenti all’interno del film. Proprio questa opposizione tra fede e scienza riesce a rendere attuale e realistico questo straordinario horror movie, finemente costruito pur contando su un budget ristretto.

Dall’Angelo Pictures distribuisce in DVD, in un’edizione molto curata a livello video e audio, pur senza contenuti extra, Il signore del male, chiudendo, finalmente, un enorme buco nero riguardante le edizioni home video italiane dei titoli di John Carpenter.

Luca Ruocco

 

Regia: John Carpenter

Con: Donald Pleasence, Lisa Blont, Victor Wong, Jameson Parker

Anno: 1987

Durata: 98’

Formato: 16:9 – 2.35:1

Audio: Italiano Dolby Digital 2.0, Inglese Dolby Digital 2.0

Distribuzione: Dall’Angelo Pictures [www.dallangelopictures.it]

Extra: /

InGenere Cinema

x

Check Also

CURSE OF THE BLIND DEAD di Raffaele Picchio

Raffaele Picchio, regista di Morituris, nel 2020 torna alla regia a quattro ...