fantafestival

IL FANTAFESTIVAL ALLA SALA TREVI

fantafestival-sala-treviLa 37esima edizione del Fantafestival prosegue dal 3 al 7 Febbraio al Cinema Trevi di Roma, in collaborazione con la Cineteca Nazionale, con una programmazione dedicata ai maestri del fantastico televisivo italiano. Le prime due giornate saranno dedicate a Daniele D’Anza, con due tra i suoi sceneggiati più importanti.

Sabato 3 Febbraio – Ore 17:00

HO INCONTRATO UN’OMBRA [Daniele D’Anza, 1974, 4 episodi]

«Dussart, interpretato da Giancarlo Zanetti, è un creativo di successo, impegnato nell’ideazione di una campagna per una società immobiliare. Non gli manca niente: ha un’ottima posizione, una bella casa molto moderna, piena di oggetti di design, e ha successo con le donne. Lo sceneggiato prende le mosse proprio da qui, dalla storia d’amore che sboccia tra lui e Catherine Jobert, una collega fotografa che ha il volto di Laura Belli. Entrambi, almeno inizialmente, hanno in comune un carattere molto preciso, rigoroso, tantoché lui è soprannominato dai colleghi “il cronometro Dussart”: esce sempre alla stessa ora, rispetta sempre le scadenze, non cambia mai abitudini. Poi, però, il caso gli gioca un brutto tiro: Dussart nota da precisi indizi, quali un mozzicone nel portacenere, un bicchiere di whisky mezzo vuoto, un disco fuori posto […] che qualcuno frequenta la sua casa mentre lui è in ufficio» [Gerosa].

Continua a leggere

Menti Criminali presentano il nuovo video: Bizzarro Italiano

bizzarro-italianoIl 19 gennaio 2018 è uscito il nuovo video delle Menti CriminaliBizzarro Italiano” realizzato tutto con immagini di video off autoprodotti negli anni ’90, che anticipa l’uscita del nuovo mixtapePrima ke censurano”.

Una strofa per il primo tempo, e una per il secondo tempo…

Per chi ha il cuore che batte ancora in analogico, un video imperdibile!
Già presentato in anteprima al Fantafestival di Roma, “Bizzarro italiano” affonda le radici nella passione del gruppo per corti autoprodotti ed oscuri B-Movie, terreno in cui si muovono fin dalla fondazione del gruppo, nel 1990.
Siete pronti a un viaggio temporale rigorosamente lo-fi tra riprese in Super8, dissolvenze sfocate e VHS che rimanevano incastrate nei videoregistratori?

Continua a leggere

IL CULTO DI CHUCKY di Don Mancini

Proiettato e atteso con entusiasmo alla 37esima edizione del Fantafestival, Il culto di Chucky arriva in Italia direttamente in DVD, saltando la sala cinematografica, grazie alla distribuzione home video di Universal Pictures.

Dopo aver diretto il capitolo precedente, il papà della bambola più irriverente e cattiva del mondo, Don Mancini, dirige e firma il soggetto e la sceneggiatura anche del settimo capitolo di una delle saghe horror anni ’80 più famose al mondo, Il culto di Chucky appunto.

Il sesto capitolo ci aveva lasciati con il ricovero di Nica [Fiona Dourif] in un manicomio, rassegnata all’idea che sia stata proprio lei a uccidere tutti i componenti della sua famiglia, e non Chucky come fino a poco prima aveva creduto. Inizia tuttavia a ricredersi quando il bambolotto diabolico entra nella struttura per continuare a torturarla e divertirsi a fare altrettanto con gli altri pazienti, prima di compiere un’altra strage, ad esempio sfruttando la debolezza e la vulnerabilità di Claire [Grace Lynn Kung], responsabile della morte del figlio che crede di rivedere in Chucky, tanto da imboccarlo come se fosse vero. Nica sa bene che sarà l’ultima avversaria di Chucky, e così si prepara alla lotta con mille difficoltà, dovute anche alla presenza ambigua del dottor Foley [Michael Therriault] e alla difficile distinzione realtà/fantasia inasprita dalle continue allucinazioni che caratterizzano, lei compresa, tutti i pazienti, come Angela [Marina Stephenson Kerr], che crede di essere morta e quindi di essere uno spirito invisibile.

Continua a leggere

MATAR A DIOS di Caye Casas e Alberto Pintó

matar a diosIl cinema di genere indipendente spagnolo continua a vivere un momento di grandissima vitalità artistica. Matar a Dios, presentato in concorso al Fantafestival 2017, dove ha anche vinto il premio per il miglior lungometraggio, ne è solo l’ultima dimostrazione.

Nel bellissimo incipit, la macchina da presa segue dall’alto un’auto di notte, su una strada isolata, quasi come in una sorta di Shining al neon.

La macchina, all’interno della quale viaggiano un padre e le sue due figlie, è costretta a fermarsi quando incontra un nano anziano e barbuto, un po’ folkloristico, un po’ vagabondo, il quale sembra essere ben intenzionato a non farli passare.

Poco dopo si farà da parte, ma non prima di rivelare ai passeggeri che dietro l’angolo troveranno un triste e imminente epilogo, cosa che infatti avverrà pochi secondi dopo.

Non lontano da lì, una famiglia si sta preparando a festeggiare il capodanno. Immersi nei loro drammi e nei loro conflitti personali, i quattro malcapitati riceveranno la visita dello strano nanetto, il quale, tra un bicchiere di vino e l’altro, gli rivelerà di essere Dio e che all’alba la razza umana sarà spazzata via.

Continua a leggere

EL ATAÚD DE CRISTAL di Haritz Zubillaga

el ataud de cristalNella quinta giornata della trentasettesima edizone del Fantafestival è stato presentato il lungometraggio d’esordio del regista spagnolo Haritz Zubillaga, El Ataúd de Cristal.

Amanda, attrice di successo, si sta dirigendo a bordo di una limousine verso una serata di Gala, dove le verrà assegnato un premio alla carriera; si ritroverà intrappolata nell’autovettura, vittima del gioco sadico e crudele di una figura losca e misteriosa.

Un thriller con una forte valenza meta-cinematografica, ragionando proprio sull’eterna dicotomia realtà/finzione che ha accompagnato il ragionamento teorico sul cinema dai suoi albori. Amanda si trova bloccata nella limousine, una sorta di set cinematografico illuminato ad hoc, in preda agli ordini di una voce meccanica proveniente da una telecamera che, come un regista, con il suo sguardo la scruta, la studia, le fa uscire il peggio di sé, umiliandola e portandola dentro un girone infernale, dove le farà fare in conti con sé stessa e il suo passato. Cosa è disposta a fare Amanda per la sua carriera e per salvarsi? Quanto i suoi personaggi e i suoi film hanno influenza su di lei? E come la sua figura mediatica rispecchia realmente quella reale? Sono una serie di continui quesiti che l’occhio della telecamera, una sorta di Hal 900/Kramer, perversamente pone ad Amanda, facendone vacillare l’integrità morale, sia come donna che come attrice.

Continua a leggere

INCONTROL di Kurtis David Harder

incontrolIncontrol, presentato in anteprima al Fantafestival 2017, è un thriller fantascientifico scritto e diretto da Kurtis David Harder, incentrato in maniera netta sul ruolo invasivo dei social media  sulla privacy e la comunicazione nel mondo moderno, portando i temi alle estreme conseguenze.

La protagonista è Samantha, una giovane e introversa studentessa di sociologia che conosce Mark, Victor e Jenny, i quali le rivelano di aver rubato al campus universitario una strana macchina, grazie alla quale ci si può collegare per prendere il controllo di chiunque, riuscendo ad avere esperienze di ogni genere attraverso il corpo di un altro.

All’inizio il film riesce a tratteggiare con molta disinvoltura il mondo della sua protagonista; riusciamo a capire solo attraverso le azioni [università, jogging, casa] sia il suo stile di vita che i suoi drammi interiori. Si arriva, forse un po’ frettolosamente, all’incontro con i tre e alla relativa scoperta.

Da questo momento in poi, praticamente metà dell’inizio e tutta la parte centrale, il film mostra di essere debitore in maniera molto palese del cinema di Christopher Nolan.

Continua a leggere

FANTAFESTIVAL 2017: Il programma completo!

I film e i cortometraggi in concorso alla trentasettesima edizione del Fantafestival si contenderanno i Pipistrelli d’Oro assegnati al Miglior Cortometraggio Italiano, al Miglior Cortometraggio Straniero, al Miglior Lungometraggio Italiano e al Miglior Lungometraggio Straniero, oltre al Premio “Mario Bava”, dedicato alla Migliore Opera Prima di Produzione Italiana.

La giuria di esperti del settore chiamata a decretare i vincitori dell’edizione 2017 è composta da: Luigi Cozzi (regista, sceneggiatore e critico cinematografico), Paolo Gaudio (regista e critico cinematografico) e Fabio Babini (critico cinematografico e musicale).

Il premio alla Migliore Opera Prima sarà assegnato da due esperti del cinema di genere fantastico: Leopoldo Santovincenzo e Carlo Modesti Pauer. Di seguito i film e i cortometraggi in concorso.

Al seguente link il programma completo: www.fanta-festival.it/programma-2017/

Continua a leggere

37° FANTAFESTIVAL: 22/26 novembre My Cityplex Savoy

La XXXVII edizione del FANTAFESTIVAL alza il sipario con le attese anteprime di Panoramica Italia, due appuntamenti con il Fantastico Televisivo, un viaggio nel mondo del Fumetto e diversi appuntamenti immancabili.

A chiudere il Festival sarà Dario Argento con un omaggio speciale a George A. Romero in cui sarà proiettata la versione restaurata in 4K del cult “Zombi”, da lui montata.

Al via dal 22 al 26 novembre la 37^ edizione del FANTAFESTIVAL [Mostra Internazionale del Film di Fantascienza e del Fantastico], diretta da Alberto Ravaglioli. Un appuntamento ricco di anteprime esclusive, eventi speciali, incontri, retrospettive, dibattiti e sezioni competitive.

Tra gli incontri attesi Luigi Cozzi, regista di Star Crash – Scontri Stellari Oltre la Terza Dimensione e protagonista del documentario a lui dedicato Fantasticozzi, diretto da Felice M. Guerra, e l’effettista e regista Sergio Stivaletti, che presenterà in anteprima una clip tratta dalla sua ultima fatica dietro la macchina da presa: Rabbia Furiosa, liberamente ispirato al terribile fatto di cronaca riguardante il cosiddetto “Canaro della Magliana”.

Continua a leggere

FANTASTICHERIE DI UN PASSEGGIATORE SOLITARIO in DVD

Lo scriviamo subito: Fantasticherie di un passeggiatore solitario è l’opera prima di una delle firme più presenti sul nostro portale, Paolo Gaudio.

Paolo è un regista interessato particolarmente al cinema d’animazione. Un interesse che non poteva che trovare sfogo anche all’interno di questo suo primo lungometraggio che, infatti, si sviluppa narrativamente su tre mondi, di cui uno animato a passo uno.

Paolo è un autore dalla doppia anima: interessato alla cultura popolare e di Genere, soprattutto a quella anni ’70 e ’80, che spazia dal cinema, ai cartoon, ai fumetti; ma anche profondamente legato ad un modo di pensare più intimo e “alto”. In Fantasticherie indaga e cerca di raccontare qualcosa di impalpabile e insondabile come la creatività stessa, la scrittura, scegliendo come esempi sui generis da proporre ai suoi spettatori le opere incompiute. Un gioco sospeso tra il meta-letterario e il meta-filmico che l’autore riesce a trasporre con gli stilemi del film fantastico, con qualche venatura horror, e del racconto avventuroso.

La prima volta che vidi Fantasticherie fu in occasione del lavoro di selezione dei film da proiettare durante l’edizione 2015 del Fantafestival. Una bella sorpresa, all’interno del panorama indie italiano, a partire proprio dal suo modo di lambire il Genere, senza sprofondarci dentro o puntare su di esso per la sua stessa riuscita.

Continua a leggere

THE FOLLOWER: Intervista a Vincenzo Petrarolo

the-follower-1Vincenzo Petrarolo, regista dell’horror mockumentary Lilith’s Hell, è al lavoro sul suo secondo lungometraggio: The Follower. Lo abbiamo incontrato per sapere qualcosa in più del suo nuovo lavoro.

[Luca Ruocco]: Ciao, Vincenzo. Abbiamo già avuto il piacere di ospitarti fra le pagine web del nostro portale con il tuo primo lungometraggio, “Lilith’s Hell”, selezionato al Fantafestival 2015. Ripartiamo da lì, cosa puoi raccontarci della vita distributiva del tuo film?

[Vincenzo Petrarolo]: Ciao, Luca. Devo dire che la selezione al Fantafestival mi ha portato fortuna, perciò ti ringrazio anticipatamente, perché posso testimoniare con i miei occhi l’impegno tuo e dei tuoi collaboratori, che vi impegnate per amore di questo festival storico e per il nostro amato cinema di Genere! Lilith’s Hell, dopo il Fantafestival ha vinto il Torino Comix Horror Fest, come miglior film horror italiano e ha trovato una distribuzione americana che lo sta distribuendo negli USA e in gran parte di paesi nel mondo: la Unartistfilm. Ora sto trattando per la distribuzione home video in Italia, quindi mi ritengo soddisfatto della mia opera prima. Una sfida difficile, in quanto mi sono cimentato in un mockumentary, uno stile molto difficile e complesso e ormai inflazionato, ma ho accettato la sfida sapendo che la pellicola sarebbe stata supportata dal maestro Ruggero Deodato, che ha presentato il film essendo il capostipite di questo Genere e ci ha messo la faccia come attore in un cameo nel ruolo di sé stesso. Ero convinto che il prodotto avrebbe avuto una buona vendibilità all’estero e così è stato… Grazie ancora al maestro Deodato!

Continua a leggere

Segui [LR] su Facebook:

Post Facebook Più Recenti

LORO 1 di Paolo Sorrentino - InGenere Cinema InGenere Cinema

In sala da oggi #Loro1, l’ultima fatica di Paolo Sorrentino. Recensione di Egidio Matinata http://www.ingenerecinema.com/2018/04/24/loro-1-di-paolo-sorrentino/

0 mi piace, 0 commenti1 giorno fa

USCIRAI SANO di Valentina Pellegrino e Barbara Rosanò - InGenere Cinema InGenere Cinema

La storia dell’istituto psichiatrico di Girifalco al centro del docufilm Uscirai sano di Valentina Pellegrino e Barbara Rosanò, su InGenere..

0 mi piace, 0 commenti2 giorni fa

THE JAIL - L’INFERNO DELLE DONNE di Vincent Dawn [Bruno Mattei] InGenere Cinema

[ #RestrictedMovies]: #TheJail – L’INFERNO DELLE DONNE di Vincent Dawn [Bruno Mattei], su #InGenereCinema [recensione di Lorenzo Paviano]

0 mi piace, 0 commenti4 giorni fa

L'ASTRONAVE DOLCEZZA EXTREMA ATTERRA IN HOME VIDEO InGenere Cinema

L’ASTRONAVE Dolcezza Extrema ATTERRA IN HOME VIDEO. Tutte le info su #InGenereCinema!

0 mi piace, 0 commenti4 giorni fa

MOLLY’S GAME di Aaron Sorkin, su InGenereCinema.com InGenere Cinema

[in sala]: #MollySGame di Aaron Sorkin, su #InGenereCinema [recensione di Egidio Matinata]

0 mi piace, 0 commenti1 settimana fa