cinecomix

ANT-MAN AND THE WASP di Peyton Reed

ant-man-2Dopo solamente tre mesi di distanza, torna sui grandi schermi di tutto il mondo, una nuova storia del Marvel Cinematic Universe. Oramai il dado è tratto, toccherà aspettare il fatidico 24 aprile del 2019 per venire a conoscenza delle sorti dei beneamati supereroi e dell’esito della battaglia contro il distruttivo Thanos. Nel mentre, il fiorente studios capitanato da Kevin Feige, per tenere a bada le aspettative dei fan dopo il clamoroso finale di Avengers: Infinity War, ha in programma due nuovi film che sono collocati cronologicamente anteriormente ai fatti mostrati nel kolossal dei fratelli Russo uscito ad aprile scorso.

Il primo in questione è il sequel di Ant-Man del 2015, diretto da Peyton Reed, con protagonista l’ex-carcerato e ingegnere elettronico, Scott Lang [Paul Rudd]. Le vicende di Ant-Man and the Wasp si svolgono dopo la battaglia di Captain America: Civil War, dove avevamo visto Lang schierarsi dalla parte di Cap e riuscire a invertire la tecnologia in dotazione nella sua tuta, diventando di proporzioni gigantesche. Nuovamente agli arresti domiciliari, con un nuovo lavoro in cantiere e alle prese con l’amata figlia Cassie, Lang rincontrerà il suo mentore, nonché primo Ant-Man, Hank Pym [Michael Douglas] e la figlia Hope [Evangeline Lilly], che seguendo le redini della sua scomparsa madre, ha preso l’identità di una nuova Wasp. Il loro incontro sarà dovuto alla presenza di nuovi nemici che riemergeranno dal passato di Hank quando era ancora un agente operativo al servizio dello S.H.I.E.L.D., insieme alla moglie Janet van Dyne [la Wasp originale].

Continua a leggere

AVENGERS: INFINITY WAR di Anthony e Joe Russo

avengers-infinity-warIl Marvel Cinematic Universe festeggia il suo decimo anniversario portando nelle sale di tutto il mondo, l’attesissimo film della serie, Avengers: Infinity War. Dopo l’enorme successo al box-office mondiale di Black Panther di Ryan Coogler, ben accolto da pubblico e critica, il terzo capitolo della saga dei Vendicatori si prospetta pronto a eclissarlo. Con il passaggio di testimone da Joss Whedon, regista dei precedenti due capitoli degli Avengers, ai fratelli Anthony e Joe Russo, la scelta si è rilevata più che convincente. Rimarcando la scia del grande colossal marveliano, i due ne hanno fatto un film degno delle sue aspettative e capace di immergere immediatamente lo spettatore in un turbinio di scene spettacolari e momenti carichi di adrenalina e tensione.

Dopo gli avvenimenti raccontati in Captain American: Civil War del 2016, firmato dagli stessi fratelli Russo, avevamo lasciato il gruppo degli Avengers divisi. Con un lungo excursus di due anni, e una serie film dal tono meno ricco dei primi film, abbiamo fatto la conoscenza di Doctor Strange, seguito le nuove avventure dei Guardiani della Galassia e Thor, e assistito al terzo ritorno di un ennesimo Spider-Man.

Questo 2018 si è aperto più che positivamente con il film incentrato sul re di Wakanda, T’Challa e del suo Black Panther, che ha donato nuova verve alla saga, riprendendo quel sensazionalismo leggermente sciupato nelle precedenti pellicole.

Continua a leggere

BLACK PANTHER di Ryan Coogler

black-pantherIl Marvel Cinematic Universe arriva al suo diciottesimo lungometraggio, portando sul grande schermo un film interamente dedicato all’eroe dei fumetti Pantera Nera. Creato dal celebre duo Lee-Kirby nel 1966, T’Challa alias Black Panther, è il sovrano del regno africano fittizio di Wakanda, uno dei luoghi più avanzati tecnologicamente del pianeta Terra, grazie al suo grande giacimento di vibranio, un metallo immaginario dell’universo Marvel.

La sua peculiarità è quella di essere un leader molto apprezzato dal suo popolo, con parecchio carisma e saggezza, oltre al fatto di possedere abilità super sviluppate, che lo rendono un alleato di fiducia per il gruppo dei Vendicatori.

Nell’oramai consolidata serie di film Marvel, fa la sua prima comparsa in Captain America: Civil War, combattendo affianco alla fazione capitanata da Tony Stark, a seguito dell’attentato in cui è rimasto ucciso il padre. In questo film, seguiamo il suo personaggio dopo gli avvenimenti in Siberia, il ritorno nella sua terra Wakanda, dove deve essere incoronato come nuovo sovrano. Ma la minaccia è sempre in agguato, una vecchia conoscenza, il contrabbandiere Klaw [Andy Serkis], aiutato da un personaggio alquanto particolare e misterioso, Erik Killmonger [Michael B. Jordan], minacciano la stabilità di Wakanda. T’Challa [Chadwick Boseman] insieme al suo braccio destro Okoye [Danai Gurira] e Nakia [Lupita Nyong’o], sua ex fidanzata e spia per corto del regno, partono alla ricerca del gruppo per mantenere al sicuro e in serenità la loro terra, supervisionati a distanza dalla sorella del nostro protagonista, Shuri [Letitia Wright].

Continua a leggere

WONDER WOMAN + SPIDER-MAN: HOMECOMING

wonder womanSi comincia con un incipit da fotoromanzo: Batman ha inviato a Wonder Woman una copia della foto che la ritraeva insieme ai suoi compagni, durante la prima guerra mondiale. Una foto che avevamo visto nel precedente capitolo filmico del DC Universe, BatmanVSuperman. “Spero che un giorno mi racconterai la tua storia”, recita il biglietto d’accompagno… e quale stratagemma più prevedibile può introdurre meglio un flashback lungo un paio d’ore? E se l’Uomo Pipistrello vuole la storia, la storia avrà: inizialmente quella mitologica, realizzata in animazione, che vede le Amazzoni create da Zeus come risposta alla troppa violenza che un mondo popolato da soli uomini era riuscito ad originare. Inizialmente conquistati dalle presenza femminili, gli uomini vivono un momento di inebriamento d’amore, poi però le Amazzoni decidono di non voler essere solo un gioco tra le loro mani e si ribellano, causando una bagarre che coinvolge uomini e dei… Ne gode Ares, dio della guerra da sempre geloso del rapporto del padre con le sue creature mortali, che inizia a far fuori tutti, anche le divinità. Prima di morire, Zeus si unisce ad un’Amazzone per dare vita a Diana, l’unica in grado di fermare [in futuro] Ares. Ma le Amazzoni si sono ritirate a vivere su un’isola protetta dal mondo esterno e hanno deciso di non raccontare proprio tutto alla povera figlia di Zeus che, però, sente in qualche modo sulle sue spalle il peso di una grande responsabilità.

Continua a leggere

THOR: RAGNAROK di Taika Waititi

thor ragnarokCambiare tutto al fine che tutto resti uguale”. Bisogna scomodare il Gattopardo per questo Thor: Ragnarok, terzo capitolo della saga del dio con il martello, che prova ad indossare abiti inconsueti e nuovi per lui, ma fin troppo familiari per i Marvel Studios. I quali, a loro volta, non riescono a nascondere dietro lo sfrontato e moderno umorismo di Taika Waititi, lo spirito di conservazione e reiterazione che da sempre li muove e che, ahimé, li ha resi ricchi sfondati. Questa “nuova” confezione fa emergere l’allarmante necessità di passare a uno step successivo, realmente originale e nuovo, altrimenti a farne le spese non saranno solo i supereroi, ma tutto il cinema di Genere.

Per intervenire a difesa del pianeta Terra e dei suoi abitanti, il vanaglorioso principe di Asgard Thor ha messo da parte i nobili natali, la discendenza aliena e i conflitti familiari con Loki, atterrando puntualmente con un tonfo al fianco dei colleghi Avengers tutte le volte che ce n’è stato bisogno. Dopo averlo visto sfidare i componenti più forti della squadra a sollevare il leggendario Mjöllnir, e gongolare nella consapevolezza di essere il solo degno di brandirlo, un potente nemico in gonnella si fa avanti per raccogliere la sfida e disintegra il martello sotto gli increduli occhi del proprietario. La perfida Hela, tornata in libertà dopo millenni di prigionia, minaccia di scatenare la sua ira sul regno di Odino e l’unico guerriero in grado di fermarla e scongiurare il Ragnarok è disarmato e imprigionato dall’altra parte dell’universo. Indebolito dallo scontro con Hela, Thor è finito nelle mani del Gran Maestro, un avido burattinaio il cui passatempo preferito è far duellare forme di vita inferiori dentro un’arena intergalattica.

Continua a leggere

SPIDER-MAN: Homecoming di Jon Watts

I film Marvel Studios sono ormai tutti belli? Non vi piacciono? Sono tutti brutti?

Esiste una formula adottata, ormai, come ottimale per sfornare dei titoli sempre assai dignitosi e di alto livello di intrattenimento che, sacrificando nella maggior parte dei casi la personalità del regista, diventano i tasselli di un enorme progetto ludico che si va componendo titolo dopo titolo?

Tante domande e l’illusione di avere tra le mani la risposta affermativa proprio dopo Spider-Man: Homecoming.

Gli indizi ci sono tutti: un film piacevolissimo che decide di raccontare la vita del giovane Spiderman di quartiere non dai suoi esordi nella carriera da mutante [lo aveva fatto già il primo della trilogia di Raimi e quello del dittico “Amazing”], ma da subito dopo il suo incontro/scontro con gli Avengers già visto in Captain America: Civil War. Primo punto fermo, quindi, è che Spider-Man entra finalmente di ruolo nell’universo Marvel e, di preciso, in quello dei The Avengers.

John Watts lo fa in modo estremamente moderno e sornione, affidandosi all’attualissima moda dei più giovani di raccontarsi attraverso dei video-diari affidati al web.

Continua a leggere

WONDER WOMAN di Patty Jenkins

Il quarto film del DC Extended Universe punta dritto verso le sale cinematografiche di tutto il mondo. Da noi incontrerà il pubblico il primo giugno. Stavolta tocca a Wonder Woman, supereroina affidata alla presenza femminile ed elegante di Gal Gadot, già vista in alcuni dei momenti di quel brutto film che è Batman V Superman.

La bella notizia è che la Gadot riesce a dimostrarsi aggressiva e sensuale ma anche tonta e sognatrice e a reggere in tutto e per tutto il personaggio che le è stato affidato, come già era successo nel film precedente, dove non le era concesso tanto spazio. Quella brutta è che quel brutto film che è Batman V Superman confrontato a questo Wonder Woman di Patty Jenkins acquista senso e dignità.

Si comincia con un incipit davvero poco avvincente: Batman ha inviato a Wonder Woman una copia della foto che la ritraeva insieme ai suoi compagni, durante la prima guerra mondiale. “Spero che un giorno mi racconterai la tua storia”, recita il biglietto d’accompagno… e quale stratagemma più prevedibile può introdurre meglio un flashback lungo un paio d’ore? Ottimo inizio, ma c’è di meglio: iniziamo con una intro animata che racconta la storia delle Amazzoni… create da Zeus come soluzione alla troppa violenza che un mondo popolato da soli uomini era riuscito ad originare.

Continua a leggere

I PEGGIORI di Vincenzo Alfieri

Napoli. Massimo [Lino Guanciale] e Fabrizio [Vincenzo Alfieri] sono due fratelli senza soldi e prospettive che, con una situazione familiare davvero complicata alle spalle, cercano di portare avanti la baracca almeno per offrire alla sorellina tredicenne Chiara [Sara Tancredi] un futuro migliore.

Per provare a riscuotere qualche stipendio arretrato dal suo disonesto capo, Massimo convince il fratello ad aiutarlo a mettere in atto un rapina all’interno di un cantiere gestito davvero in maniera poco trasparente. Messo alle strette dalla situazione economica, Fabrizio accondiscende e nottetempo si insinua all’interno del cantiere insieme a Massimo. Goffamente mascherati da Maradona, i due riescono, senza sapere bene come, a far venire a galla il piano criminale del direttore del cantiere ai danni dei suoi dipendenti extra-comunitari. In poco tempo la notizia conquista giornali, TV e social, trasformando i due increduli protagonisti in eroi: i Demolitori! Seguendo l’intuizione della sboccata giovane sorella, i due protagonisti cercano di cavalcare l’onda mediatica offrendo i loro servizi a chiunque voglia mettere alla gogna soprusi e imbrogli… ovviamente a pagamento!

Continua a leggere

GUARDIANI DELLA GALASSIA Vol. 2 di James Gunn

Peter Quill e soci sono pronti a salvare nuovamente la Galassia. E, ovviamente, a farlo nel mondo più scombinato e rumoroso possibile. A distanza di tre anni dal primo film, Chris Pratt, Zoe Saldana, Dave Bautista e Bradley Cooper e Vin Diesel [gli ultimi due donano, nella versione originale, le voci a Rocket e Groot] tornano in sala con Guardiani della galassia Vol. 2, un film divertente quanto ruffiano che, già sapendo di non poter contare sulla potenza dell’effetto sorpresa che aveva regalato buoni punti al titolo capostipite della saga, decide di presentare all’affamato pubblico di fan un banchetto esagerato di tutte le leccornie che si erano dimostrate assai gradite nel 2014.

Come primo ingrediente, allora, un’ironia che diventa strabordante e che, se già nel primo film occupava gran parte dei dialoghi e della narrazione, qui invade ogni secondo di pellicola, sostenuto da personaggi che si dimostrano ancora una volta all’altezza del compito di accalappiare lo spettatore, se non ancor più capaci di conquistarlo: è il caso di Baby Groot, una pianticella dagli occhioni teneri che va a sostituire l’albero umanoide del primo film.

Continua a leggere

LOGAN – THE WOLVERINE di James Mangold

Logan – The Wolverine, l’ultimo capitolo della saga spin-off di quella degli X-Men dedicata a Wolverine, parzialmente e liberamente ispirato alla serie a fumetti Marvel “Vecchio Logan” di Millar e McNiven, non solo è il più bello dei capitoli della trilogia con protagonista Hugh Jackman, ma è anche un nuovo è molto riuscito modo di intendere il cinecomic!

Sequel di X-Men le origini – Wolverine [2009] e Wolverine – L’immortale [2013], il film diretto da James Mangold è un bellissimo e molto drammatico road movie, che racconta la fuga di una famiglia disfunzionale: quella formata da un padre triste, malato e apparentemente anaffettivo, Logan [Jackman]; una figlia ribelle e inaspettata [Dafne Keen] e un anziano nonno ormai poco lucido, Xavier [Patrick Stewart].

Ambientato in un futuro abbastanza prossimo, nel 2029, Logan – The Wolverine, racconta di un mondo ormai privo di nuovi mutanti da almeno 25 anni: Logan, malato e stanco, si è auto-relegato nel ruolo di autista di limousine e di badante, insieme a Calibano [Stephen Merchant], del vecchio Xavier, nascosto all’interno di una vecchia cisterna. L’equilibro della vita di Logan, già molto instabile, viene del tutto destabilizzato dall’ingresso in scena di una ragazzina che, in qualche modo, costringerà il supereroe a ritornare a lottare.

Continua a leggere