20th century fox

THE WAR – IL PIANETA DELLE SCIMMIE di Matt Reeves

Lo si stava attendendo da molto questo terzo capitolo della nuova saga de Il pianeta delle scimmie, The war – Il pianeta delle scimmie, un titolo che merita sicuramente l’attenzione e il plauso che un’opera riuscita, sia tecnicamente [pensiamo al lavoro di performance capture] che dal punto di vista della scrittura.

Le scimmie son tornate, ma non per mettere in atto una vendetta contro il genere umano, semmai per stringere un patto di pace. Lo sa bene Cesare [Andy Serkis], che risparmia tre soldati catturati dal suo branco durante un’imboscata, per mandare un messaggio di pace al colonnello McCullough [Woody Harrelson]. Ovviamente questo messaggio di pace non verrà né apprezzato né preso in considerazione, così da inasprire ulteriormente le tensioni già in atto e decretare una guerra che si preannuncia estrema, anche per la stessa sopravvivenza delle scimmie.

Continua a leggere

ALIEN: COVENANT di Ridley Scott

Covenant è una nave spaziale impiegata in una missione di colonizzazione planetaria. Nel pieno del proprio viaggio, una tempesta di neutrini rischia di mandare in avaria gran parte degli impianti, per questo il computer centrale e il membro sintetico dell’equipaggio, Walter, decidono di risvegliare capitano, piloti e squadra al comando.

Durante le manovre messe in atto per riportare la situazione alla norma, l’equipaggio intercetta un messaggio proveniente da un pianeta abitabile molto più vicino rispetto a quello scelto come destinazione.

Quando parte dell’equipaggio scende sulla superficie del pianeta, una spaventosa e minaccia biologica non tarda palesarsi. Ma non è la sola sorpresa ad aspettarli: gli uomini del Covenant ritrovano un velivolo alieno schiantato e le tracce del passaggio della nave spaziale Prometheus… In poco tempo i nuovi arrivati verranno rintracciati da David, l’androide della nave misteriosamente scomparsa, un modello precedente a quello di stanza sul Covenant, ma di identico aspetto esteriore [doppia parte, quindi per Michael Fassbender, che si trova anche a gestire una scena che potrà far sbocciare qualche sorriso]. Già… Prometheus

Continua a leggere

LOGAN – THE WOLVERINE di James Mangold

Logan – The Wolverine, l’ultimo capitolo della saga spin-off di quella degli X-Men dedicata a Wolverine, parzialmente e liberamente ispirato alla serie a fumetti Marvel “Vecchio Logan” di Millar e McNiven, non solo è il più bello dei capitoli della trilogia con protagonista Hugh Jackman, ma è anche un nuovo è molto riuscito modo di intendere il cinecomic!

Sequel di X-Men le origini – Wolverine [2009] e Wolverine – L’immortale [2013], il film diretto da James Mangold è un bellissimo e molto drammatico road movie, che racconta la fuga di una famiglia disfunzionale: quella formata da un padre triste, malato e apparentemente anaffettivo, Logan [Jackman]; una figlia ribelle e inaspettata [Dafne Keen] e un anziano nonno ormai poco lucido, Xavier [Patrick Stewart].

Ambientato in un futuro abbastanza prossimo, nel 2029, Logan – The Wolverine, racconta di un mondo ormai privo di nuovi mutanti da almeno 25 anni: Logan, malato e stanco, si è auto-relegato nel ruolo di autista di limousine e di badante, insieme a Calibano [Stephen Merchant], del vecchio Xavier, nascosto all’interno di una vecchia cisterna. L’equilibro della vita di Logan, già molto instabile, viene del tutto destabilizzato dall’ingresso in scena di una ragazzina che, in qualche modo, costringerà il supereroe a ritornare a lottare.

Continua a leggere

THE X-FILES: La stagione evento in Blu-Ray!

the-x-files-10-bd1Il 2016 è stato l’anno del rientro in FBI degli agenti speciali Mulder e Scully, nella nuova stagione di The X-Files, la decima, la “stagione evento”.

Da poche settimane i 6 nuovi episodi sono distribuiti da 20th Century Fox in cofanetto Blu-Ray… è tempo di farci su qualche riflessione.

Dopo 14 anni dalla messa in onda dell’ultimo episodio della serie il creatore Chris Carter rimette mano alla mitologia complottistica da lui stesso creata con il primo attesissimo episodio, “La verità è ancora lì fuori” [titolo originale “My Struggle”]. Che succede? Più o meno quello che ci si aspetta, c’è bisogno di riprende le fila di una storia abbastanza ramificata e racchiuderla all’interno di una breve sequenza di fotografie che raccontano i momenti più importanti della storia degli X-Files, con commento off dell’agente che ci riporta dritti dritti all’interno della storia in cui tutto può succedere e molto è già successo.

La cosa chiara sin da subito è che una saga come quella di The X-Files ha assolutamente bisogno di una conoscenza pregressa, e lo spettatore dell’ultima ora – che non ha accumulato esperienza all’interno della storiografia mulderiana – potrà perdersi un bel po’ di connessioni. E connessioni importanti, sì, perché Carter da il via alla “stagione evento” con un twist capace di stravolgere in una manciata di minuti tutte le verità che i due agenti speciali dell’FBI erano stati capaci di riportare alla luce dopo nove stagioni in TV e due film per il cinema.

Continua a leggere

L’ERA GLACIALE: In rotta di collisione di Mike Thurmeier e Galen T. Chu

era-glaciale-1L’estate americana è giunta quasi al termine e a giudicare dai risultati – qualitativi, soprattutto – possiamo certamente dire che non si è trattata di una stagione memorabile. Se il box office, tutto sommato dignitoso, potrebbe nascondere la crisi profonda che sta emergendo a Hollywood, impossibile non accorgersi della penuria di idee, coraggio e visione che gli Studios denunciano film dopo film. Deficit che non risparmia nessuno, nemmeno il nostro amatissimo cinema d’animazione che si abbandona, così come l’intera industria, a sequel, reboot e spin-off.

Se la Pixar si difende alla grande con un incasso domestico importantissimo, è altrettanto vero che l’atteso Alla ricerca di Dory, di prossima uscita anche nel nostro Paese, appare come il più derivativo dei progetti del formidabile studio di animazione di San Francisco. Un po’ meglio di Cars 2, ma alla pari di Monsters University. Niente di nuovo, quasi trascurabile, ma a John Lasseter e compagni, capaci di capolavori come Inside Out, Toy Story e WALL-E – solo per citarne alcuni – si pedona questo e altro. Meno accondiscendenti si è con uno studio emergente, vera novità di questo settore, nella quale operare è sempre più difficile, che fa soldi a palate con film decisamente esili e troppo erodibili dal tempo. Ci riferiamo all’Illumination, società responsabile di successi come Cattivissimo Me, I Minions e del recente Pets [anche quest’ultimo inedito in Italia, ma ancora per poco] che presto sarà celebrata durata la 73esima Mostra d’arte cinematografica di Venezia [sic!]. Non aggiungiamo altro!

Continua a leggere

X-MEN – APOCALISSE di Bryan Singer

x-men-apocalisse1X-Men – Apocalisse arriva nelle sale italiane il prossimo 18 maggio, circa 10 giorni prima della data di uscita americana, retrodatando la storia dei mutanti addirittura all’antico Egitto, epoca in cui degli strani individui umanoidi dotati di poteri straordinari, si mescolavano tra la gente facendosi passar per dei in Terra.

Intercettando in maniera trasversale le più interessanti teorie “creazioniste”, il nuovo film di Bryan Singer si focalizza su uno di questi “dei”: En Sabah Nur, antico leader dei super-umani caduto in una trappola cospirativa all’interno di una piramide e ritornato alla luce in tempo ben più moderni.

A fare da sfondo alla sua resurrezione, gli anni ottanta: il potente e spietato mutate, ribattezzato Apocalisse per la sua indole davvero poco pacifica, entra subito in contatto con altri mutanti e inizia a costruirsi un piccolo esercito formato da quattro “cavalieri”. Facile immaginarsi il motivo, e ancora più naturale – per lui – riuscire ad attirare a sé super-umani del calibro di Arcangelo, Tempesta, Psylocke e persino il caro Magneto, sempre combattuto tra un mite passato e un rancoroso e violento presente.

Continua a leggere

VICTOR – La storia segreta del dottor Frankenstein di Paul McGuigan

victor-1Non c’è dubbio alcuno sull’amore profondo che lega il romanzo d’esordio di Mary Shelley – Frankenstein,of course’ all’arte cinematografica. Il cinema, nel corso della sua storia, ha proposto innumerevoli adattamenti del racconto gotico per eccellenza, nato a seguito di una scommessa tra la scrittrice, il marito e Lord Byron. Alcuni di questi film hanno contribuito all’affermazione di un Genere – ci riferiamo a quelli prodotti dalla Universal tra 1923 e il 1956 – nonché di un immaginario ancora vivo, affascinate e amato da migliaia di spettatori.

Tuttavia la nostra epoca storica è quella in cui la strategia dei dirigenti degli Studios, nel riadattare questo prezioso materiale, non comprende alcun rispetto né per la storia del cinema né per l’amore autentico che unisce quelle pellicole al pubblico. L’unico interesse che li muove è quello di poter lucrare il più possibile su ciò che per moltissimi ha un valore, riducendo tutto ad un mezzuccio per fare quattrini. A questa lodevole visione del cinema dobbiamo l’inutile pasticcio che porta il titolo di Victor – La storia segreta del dottor Frankenstein, film che affronta la nota vicenda, soffermandosi, tuttavia, sul rapporto che unisce il dottore, Victor, al suo servitore, Igor.

Continua a leggere

DEADPOOL di Tim Miller

Deadpool-1Il fumettista ed illustratore italiano Leo Ortolani, tra le pagine del suo blog, ha definito i film Marvel come delle commedie per famiglie con alcuni personaggi che ricordano vagamente i supereroi dei fumetti. Ebbene, a conferma dell’intuizione del papà di Rat Man – paradossale a dirsi – arriva nei nostri cinema Deadpool, l’atteso adattamento del più irriverente e controverso eroe partorito dalla mente del grande Stan Lee.

Presentato come un film rivoluzionario per il Genere, ultra violento, vietato ai minori e sfrontato fino all’eccesso, il film di Tim Miller, disattende tutte queste premesse, riuscendo soltanto a spostare il tono della commedia: da brillante e per famiglie – come Iron Man o Ant Man – a corrosiva e per adulti, in cui il personaggio mascherato di turno ha licenza di dire parolacce, fare riferimenti sessuali espliciti e rifiutare l’etichetta da X-Man che tutti vogliono affibbiargli ad ogni costo. Ma sul serio la rivoluzione di questo Genere è legata alla linea comica da inserirvi? Cosa c’entra con il coraggio di osare qualcosa di diverso nei film di supereroi, soprattutto quando questi appaino, ormai, come uno mero strumento per gli Studios di monetizzare, propinando al pubblico sempre lo stesso piatto, con lo stesso epilogo e la medesima struttura? Meditiamo…

Continua a leggere

JOY di David O. Russel

Joy_1Film come Joy sono la conferma che, come recita il proverbio, “squadra che vince non si cambia“… E, infatti, in questa pellicola ritroviamo insieme il terzetto d’attori formato da Robert De Niro, Jennifer Lawrence, Bradley Cooper diretti dall’ottimo David O. Russel, dopo i successi de Il lato positivo e American Hustle.

Joy è una storia tutta al femminile, dove gli uomini fanno decisamente una magra figura rispetto al gentil sesso che, per quanto sia stato nel tempo schiacciato e vessato, ha comunque trovato il modo di far valere le proprie ragioni con il tempo.

Joy Mangano [Jennifer Lawrence] è cresciuta all’interno di una famiglia dove l’animo maschile l’ha fatta sempre da padrone riuscendo a mettere in ombra le sue grandi qualità. La donna, infatti, fin da piccola possiede il dono di saper trovare soluzioni geniali a piccoli problemi domestici, ma viene sempre sottovalutata da ogni membro della sua famiglia che non si risparmia di mettere in ombra la sua vitalità, oscurandola con il proprio egocentrismo e i propri problemi mediocri.

Continua a leggere

REVENANT – Redivivo di Alejandro González Iňárritu

revenant_1Alejandro González Iňárritu ritorna sul grande schermo dopo l’Oscar di Birdman o l’imprevedibile virtù dell’ignoranza, film girato interamente in piano sequenza [o così lui ci ha fatto credere] che non solo ha riportato alla ribalta un attore meraviglioso come Michael Keaton, ma che ha anche reintrodotto un concetto che con il tempo e l’uso massiccio della computer grafica si stava perdendo: parliamo del cinema inteso non solo come monumentale opera visiva, non solo come mero intrattenimento per le masse, ma anche come  sfida con sé stessi e superamento dei propri limiti.

In Revenant questo concetto viene portato alle estreme conseguenze: lo spettatore, infatti, non solo viene rapito dalle immagini suggestive fotografate in maniera possente dal maestro Emmanuel Lubezki, che già aveva collaborato con Iňárritu e con Terence Malik, ma può vivere in prima persona la sensazione di stenti, scoramento e soprattutto freddo che può aver provato la troupe e il cast artistico che ha girato il film tra il Canada e la Terra dei Fuochi.

Continua a leggere

Segui [LR] su Facebook:

Post Facebook Più Recenti

Le uscite a fumetti della settimana de La Gazzetta dello Sport! InGenere Cinema

Le uscite a fumetti della settimana de La Gazzetta dello Sport, su #InGenereCinema!

0 mi piace, 0 commenti2 giorni fa

VALERIAN e la Città dei Mille Pianeti: L’incontro con Luc Besson InGenere Cinema

Valerian e la Città dei Mille Pianeti: Il report di Paolo Gaudio dell’incontro con Luc Besson. Su #InGenereCinema.

0 mi piace, 0 commenti3 giorni fa

CTHULHU - I RACCONTI DEL MITO di Howard Phillips Lovecraft InGenere Cinema

Il mito di Cthulhu torna in libreria con la nuova edizione dei racconti di H. P. Lovecraft edita da Mondadori Store. Gilda Signoretti ne parla..

0 mi piace, 0 commenti4 giorni fa

Non nuotate in quel fiume 2 : Torna l'horror demenziale di Roberto Albanesi InGenere Cinema

#NonNuotateInQuelFiume2 – LO SCONTRO FINALE di Roberto Albanesi. Ne parliamo su #InGenereCinema.

0 mi piace, 0 commenti6 giorni fa

#RassegnaStampa: Orfani – Sergio Bonelli Editore – #Sam n.6 di Roberto Recchioni, Michele Monteleone / Andrea Accardi, Simone Di Meo, Luca Casalanguida,..

0 mi piace, 0 commenti1 settimana fa