Fantafestival 2016

FANTAFESTIVAL alla Sala Trevi: Gli introvabili del cinema fantastico

Fantafestival2016Dopo il successo di pubblico e critica della 36° edizione del Fantafestival, tenutasi nella capitale dal 13 al 24 luglio, continua a Roma l’appuntamento con il meglio del cinema fantastico e horror e, come da tradizione, anche quest’anno sarà proprio il Fantafestival a riaprire con un proprio programma, la stagione della Sala Trevi. Da non perdere dal 9 all’11 settembre la rassegna “Gli introvabili del cinema fantastico”, un’iniziativa in collaborazione con la Cineteca Nazionale del Centro Sperimentale di Cinematografia che prevede la proiezione venerdì 9 e sabato 10 settembre a partire dalle 17:00 presso la Sala Trevi di Roma di rare pellicole del genere, che l’Associazione Grandi Eventi Culturali di Alberto Ravaglioli, presidente dell’Associazione che da 36 anni organizza il Festival, ha scovato con un attento lavoro di recupero.

Una selezione di rarità tratte dalla produzione di genere fantastico di alcuni registi italiani “minori”, ma fondamentali per il genere fantastico per il quale lavorarono intensamente negli anni ‘60 e ‘70, in quel magico periodo di grande interesse per il fantastico che connotò tutto il cinema europeo e che ne fa una vera età d’oro. A registi come Renato Polselli, Silvio Amadio, Elio Scardamaglia, Mario Caiano, ecc. sono dedicate le proiezioni di questa mini rassegna, che si concluderà domenica 11 settembre con la presentazione dei film e corti vincitori di questa edizione del festival. Chiude la serata un omaggio al regista recentemente scomparso Corrado Farina con il suo Baba Yaga (1973), tratto da Valentina di Guido Crepax.

Continua a leggere

BURYING THE EX di Joe Dante

13823301_10208499927287362_2006572060_nJoe Dante appartiene a quella schiera di registi che hanno segnato in modo indelebile il cinema horror e fantasy a partire dagli anni Ottanta: mentre i suoi cult vengono rivisti e riproposti in rassegne e in home video, l’infaticabile maestro continua a creare, prima con Homecoming [Masters of Horror] e The Hole e ora con Burying the Ex [USA, 2014]. L’opera, una riuscitissima e frizzante commistione tra horror e commedia in stile eighties, risulta essere uno tra i suoi film migliori di sempre, una dimostrazione che il suo talento non è ancora sopito – possiamo fare un’ideale paragone con Drag Me to Hell, l’horror con cui Sam Raimi è tornato a ruggire dopo i gloriosi anni Ottanta e Novanta. Dopo gli esordi con due horror tout-court come Piranha e L’ululato, Joe Dante ha sempre impresso alle sue pellicole una cifra stilistica inconfondibile, cioè la fusione tra elemento orrorifico e comico, drammatico e fantastico – pensiamo a Gremlins, Gremlins 2, l’episodio del collettivo Ai confini della realtà, Matinée – oltre a qualche fantasy puro che possiamo definire “per famiglie”.

Burying the Ex è il raggiungimento di un equilibrio perfetto tra il macabro e la risata, un equilibrio che nulla ha perso rispetto ai vecchi tempi, e che anzi ne è forse un compendio perfetto, una lezione magistrale del suo stile e modo di raccontare storie incredibili.

Continua a leggere

LUNA DE MIEL di Diego Cohen

luna-de-miel1Quest’anno il Fantafestival ha stretto una collaborazione molto interessante con il Festival del cinema di Genere sudamericano Blood Windows, di Buenos Aires. Grazie a questo gemellaggio, la line up dello storico festival romano dedicato al fantastico, si è arricchita di pellicole provenienti dal Messico, dal Cile e dall’Argentina. Tra queste, abbiamo visto per voi, Luna de Miel di Diego Cohen, un ossessivo rape&revenge che ha avuto molto seguito tra gli appassionati del Genere di tutto il mondo.

Jorge, un medico eccentrico e solitario, rapisce Isabel, la sua bella vicina di casa, costringendola così a una detenzione che presto diventa una sorta di sadico esperimento, teso a fare della donna la moglie perfetta del suo sequestratore. Ma le apparenze spesso nascondono una verità ancora più terrificante.

Sadica, violenta ed esplicita, la pellicola di Diego Cohen fa dell’ossessione per la vita di coppia del suo protagonista il veicolo per condurre lo spettatore all’interno di un inferno personale e malato.

L’intera vicenda è raccontata dal punto di vista di Jorge, il medico disturbato mosso da un unico desiderio: la formazione di una famiglia tutta sua. Non importa come e con chi, ciò che conta è avere qualcuno con cui condividere l’esistenza che lo sta consumando. Forse, quella che ha avuto da bambino non gli ha concesso l’amore e la comprensione che avrebbe desiderato, tanto da scatenare un tragico evento che ha riguardato la morte dei suoi genitori.

Continua a leggere

FANTAFESTIVAL 2016: I vincitori dei Pipistrelli d’Oro

Fantafestival 1Roma 20 luglio 2016 – Si è tenuta ieri sera alle 21:30 nella splendida cornice de L’Isola del Cinema la cerimonia di premiazione della 36° edizione del Fantafestival diretta da Alberto Ravaglioli tra ospiti, stampa, registi, attori e operatori del settore. Ad aggiudicarsi i quattro Pipistrelli d’Oro della Mostra Internazionale del Film di Fantascienza e del Fantastico 2016 sono state le seguenti opere:

Miglior lungometraggio Italiano: ”My Little Sister” di Maurizio e Roberto Del Piccolo

Miglior cortometraggio Italiano: ”Varicella” di Fulvio Risuleo

Miglior lungometraggio straniero: Testigo Íntimo” di Santiago Fernández Calvete

Miglior cortometraggio straniero: “First Like” di Alexander Rönnberg

Continua a leggere

Fantafestival 2016: CERIMONIA DI PREMIAZIONE, INCONTRI SU STAR TREK IN OCCASIONE DEL CINQUANTENARIO, OSPITI, SERATE SPECIALI E TANTI FILM

copertina 21x29,7 fanta 36.inddIl 36° FANTAFESTIVAL si sposta dal 19 al 24 luglio nella splendida cornice dell’isola Tiberina nell’ambito dello storico evento dell’estate romana L’Isola del Cinema, dove si terrà martedì 19 luglio alle ore 21:30 presso l’Arena Groupama la cerimonia di premiazione.

Anche quest’anno i film e i cortometraggi in concorso per la 36° edizione della Mostra Internazionale del Film di Fantascienza e del Fantastico si contenderanno i quattro Pipistrelli d’Oro assegnati al Miglior Cortometraggio Italiano, al Miglior Cortometraggio Straniero, al Miglior Lungometraggio Italiano e al Miglior Lungometraggio Straniero.

La giuria di esperti del settore chiamata a decretare i vincitori dell’edizione 2016 è composta da: MARCO ACCORDI RICKARDS (direttore di VIGAMUS, docente universitario, critico videoludico), MAURIZIO CARRASSI (regista e curatore delle attività cinematografiche delle Biblioteche di Roma) e ANTONELLO SARNO (giornalista cinematografico e curatore del programma Supercinema per Canale 5).

Il Premio “Mario Bava”, dedicato alla memoria del grande regista del brivido, assegnato alla Migliore Opera Prima tra i film italiani in concorso da LEOPOLDO SANTOVINCENZO e CARLO MODESTI PAUER [autori del programma Wonderland] non potrà quest’anno decretare un vincitore, vista la presenza di un’unica opera prima italiana “Possessione demoniaca” (Italia, 2015) di Alessio Nencioni.

Continua a leggere

SANGUE MISTO di AAVV

sanguemisto7Otto registi, otto città, otto gruppi etnici: questa è l’idea alla base del rivoluzionario horror a episodi Sangue misto [2016], uno tra i progetti più folli, coraggiosi e sanguinari del panorama indi italiano. Senza moralismi o velleità sociologiche, i registi raccontano ciascuno una storia del brivido ambientata in una comunità straniera all’interno di una città, in un ideale viaggio da Nord a Sud. Finora possiamo vedere Sangue misto nella versione provvisoria con cinque episodi – entro fine anno si conta di aggiungervi gli ultimi tre: guidato da Davide Scovazzo, l’omnibus coinvolge il medesimo insieme a Paolo Del Fiol, Lorenzo Lepori, Isabella Noseda e Chiara Natalini, mentre Raffaele Picchio, Edo Tagliavini e il misterioso Pellegrino Dormiente [nome d’arte] completeranno il complesso lavoro. Un gruppo “misto” come il film, che comprende registi navigati nel lungometraggio, altri specializzati in corti e medi, e due “quote rosa” di tutto rispetto.

Grandma’s remedy di Isabella Noseda. L’affascinante artista e performer ambienta la sua storia in una Torino mai così oscura: città esoterica per eccellenza, ospita una comunità africana di cui sono protagoniste una bambina [Mexi Marzolla] e sua nonna. Dopo la morte dell’anziana signora, la piccola viene affidata a una coppia di italiani che la maltrattano: tramite le pratiche vudù apprese dalla nonna, mette in atto la sua vendetta. È forse l’episodio più inquietante: dalle inquadrature sui minacciosi monumenti, alle minuziose scenografie con bambole e strumenti magici avvolti da una fotografia suggestiva, fino alla comparsa nel buio di un Baron Samedi in versione Boogeyman, passando anche attraverso il Male più immanente della crudeltà umana.

Continua a leggere

ALIENWEEN di Federico Sfascia

ALIENWEENNel panorama piatto, prevedibile, scontato e pigro del cinema italiano, un regista come Federico Sfascia si mostra con la dirompenza distruttiva di un vulcano in eruzione. Aveva provocato danni a questo sistema già con la sua opera prima, I Rec U, e continua a seminare distruzione con Alienween, sua ultima fatica passata in Concorso al 36esimo Fantafestival.

Anarchico, imprevedibile, coraggioso ed esagerato. Questo è il cinema di Sfascia che si potrebbe descrivere come un enorme calderone nel quale mescolare insieme lo splatter più eccessivo e cartoonesco, con il romanticismo rosa e immediato. Il risultato? Una horror comedy stravagante, chiassosa e anarchica, che concede qualche ammiccamento di troppo alla linea romance, smorzando il baraccone divertente, macabro e gore che il regista è abile nel costruire.

La sinossi è esaltante: quattro trentenni, diversi tra loro ma legati da una passata amicizia, che si ritroveranno a passare la notte di Halloween nella vecchia casa della loro adolescenza per un festino a base di droga e prostitute.

Continua a leggere

NONA di Massimo Volta

NonaLa notizia che Stephen King avesse ceduto i diritti di Nona, uno dei racconti contenuti in Scheletri, ad un giovane cineasta italiano, venne diffusa da giornali e telegiornali con stupore, interpretata da noi comuni mortali come l’esempio di come nella vita non si possa mai dare nulla per scontato.

Il ‘fortunato’ in questione è Massimo Volta, regista e fotografo lombardo che, con una semplice richiesta scritta inviata molto umilmente e coraggiosamente al maestro King, ha ottenuto i diritti di Nona in cambio di un dollaro. Noi, che abbiamo avuto modo di vedere il mediometraggio alla 36esima edizione del Fantafestival, – il primo festival nel quale è stato proiettato – possiamo dire senz’altro che King non se pentirà.

Continua a leggere

MY LITTLE SISTER di Maurizio e Roberto Del Piccolo

my-little-sister1I cugini Roberto e Maurizio Del Piccolo, due fra i registi indie italiani più “all’americana”, dopo The Hounds ed Evil Souls, tornano dietro la macchina da presa con un nuovo e crudelissimo horror, My little sister [2016]. Specializzati in co-produzioni con l’Inghilterra, i due registi girano sempre con un tocco squisitamente internazionale, con il merito di andare oltre lo stile “provinciale” che purtroppo inficia spesso molti film indipendenti italiani: una mano differente che si nota nella narrazione e nell’estetica [innanzitutto nella fotografia molto cinematografica], e che trova la sua naturale diffusione nei mercati esteri, per i quali sono appositamente pensate le loro opere. Dopo il survival-movie psichedelico The hounds e il demoniaco Evil Souls, con My little sister i Del Piccolo realizzano una nuova fusione di Generi, omaggi e richiami agli horror d’Oltreoceano: al di là del filone in cui si colloca ciascun film, tratti inconfondibili sono l’estetizzazione della crudeltà e una sceneggiatura mai banale, ricca di retroscena e relazioni fra i personaggi che si disvelano man mano.

Scritto da Roberto Del Piccolo – autore di tutti gli script dei suoi film – My little sister è incentrato su due fratelli pazzi che vivono in una casa isolata e nel bosco circostante: un feroce assassino con la maschera di pelle e la sorella che si aggira in stato catatonico, dietro ai quali si nasconde un terrificante segreto sepolto nel passato. Gli omicidi sono proseguiti da anni, dando vita alla leggenda di “Little Sister”, lo psicopatico armato di ascia che miete vittime nei boschi. A farne le spese sono una coppia di campeggiatori: dopo che i loro amici sono stati trucidati nella sala delle torture, Sheila [Holli Dillon] e Tom [Mattia Rosellini], incuranti degli avvisi del boscaiolo Ben [David White], proseguono il loro viaggio fino a quando incontrano davvero il mostro e iniziano una terribile lotta per sopravvivere.

Continua a leggere

THE BLIND KING di Raffaele Picchio

the-blind-king1Il Fantafestival 2016 è entrato a pieno regime, dopo la giornata di presentazione, e tra i graditi ritorni assistiamo a quello tanto atteso di un regista che ha fatto molto discutere di se e della sua opera prima: Morituris.

Stiamo parlando di Raffaele Picchio e vogliamo approfondire il suo secondo lavoro dietro la macchina da presa: The Blind King. Stiamo assistendo ad una pellicola che si discosta completamente dal gusto sporco e sperimentale della sua opera prima e che insieme al raggiungimento di una maturità, mostra anche un po’ la perdita di quella lucentezza e genuinità che hanno reso noto al pubblico un diamante grezzo come Picchio.

Infatti, il sapore che si respira guardando The Blind King è proprio l’esigenza da parte del regista di trovare una collocazione, una nicchia nel genere horror che in qualche modo lo faccia facilmente identificare dal pubblico e lo renda decifrabile ma, al contempo, sembra quasi impossibile per il regista starsene buono, seduto, composto nella sedia che magari egli stesso si era prefisso di occupare.

Continua a leggere

Segui [LR] su Facebook:

Post Facebook Più Recenti

SCARE COMPAIGN + NON BUSSATE A QUELLLA PORTA + XX – DONNE DA MORIRE - InGenere Cinema InGenere Cinema

#ScareCompaign + #NonBussateAQuellaPorta + #XX – #DonneDaMorire. Su #InGenereCinema Luca Ruocco su tre titoli Midnight Factoryt! http://www.ingenerecinema.com/2017/08/17/scare-compaign-non-bussate-quellla-porta-xx-donne-morire/

0 mi piace, 0 commenti7 ore fa

KONG SKULL ISLAND in Blu-Ray - InGenere Cinema InGenere Cinema

Il blu-ray di #KongSkullIsland, su #InGenereCinema!

1 mi piace, 0 commenti3 giorni fa

Sinossi, news e tante immagini da #InUnGiornoLaFine di Daniele Misischia. Su #InGenereCinema!

0 mi piace, 0 commenti5 giorni fa

MONOLITH di Ivan Silvestrini - InGenere Cinema InGenere Cinema

Su #InGenereCinema Luca Ruocco parla di #Monolith, il bell’esordio #SBE su grande schermo!

0 mi piace, 0 commenti6 giorni fa

JOHN DOE vol. 5 di Lorenzo Bartoli e Roberto Recchioni - InGenere Cinema InGenere Cinema

Su #InGenereCinema, parlo del quinto volume di #JohnDoe edito da BAO Publishing!

1 mi piace, 0 commenti1 settimana fa