InGenere Cinema

THE BYE BYE MAN di Stacy Title

L’horror sta vivendo un periodo contraddittorio. Se da un lato gli azzardi e le innovazioni – se così possiamo definirle – della BlumHouse di Jason Blum, sembrano ringalluzzire il Genere; dall’altro, la nostalgia del periodo d’oro degli anni’80, ormai alle spalle, ne mostra la fragilità e un certo anacronismo.

La modernità non appartiene al più nobile tra i Generi? Rispondere a questa domanda legittima appare molto complicato. Soprattutto, se in sala arrivano prodotti come The Bye Bye Man, pellicola che possiederebbe tutti gli ingredienti per conquistare il pubblico degli appassionati, orfano di Freddy e compagni, eppure talmente esile da apparire vuoto. Tempi duri per l’Uomo Nero… non c’è che dire.

Elliott, la fidanzata Sasha e l’amico John affittano una villetta fuori città, ma ben presto cominciano a sentire rumori sinistri e a fare scoperte curiose. Elliott trova in un comodino un foglio con la scritta “Non dirlo, non pensarlo” ripetuta infinite volte e sotto, inciso sul fondo del cassetto, “The Bye Bye Man”. Quando i tre partecipano a una seduta spiritica guidata da Kim, una ragazza sensitiva, Elliott pronuncia a voce alta quel nome. Da lì in avanti le loro vite saranno in pericolo.

Continua a leggere

GUARDIANI DELLA GALASSIA Vol. 2 di James Gunn

Peter Quill e soci sono pronti a salvare nuovamente la Galassia. E, ovviamente, a farlo nel mondo più scombinato e rumoroso possibile. A distanza di tre anni dal primo film, Chris Pratt, Zoe Saldana, Dave Bautista e Bradley Cooper e Vin Diesel [gli ultimi due donano, nella versione originale, le voci a Rocket e Groot] tornano in sala con Guardiani della galassia Vol. 2, un film divertente quanto ruffiano che, già sapendo di non poter contare sulla potenza dell’effetto sorpresa che aveva regalato buoni punti al titolo capostipite della saga, decide di presentare all’affamato pubblico di fan un banchetto esagerato di tutte le leccornie che si erano dimostrate assai gradite nel 2014.

Come primo ingrediente, allora, un’ironia che diventa strabordante e che, se già nel primo film occupava gran parte dei dialoghi e della narrazione, qui invade ogni secondo di pellicola, sostenuto da personaggi che si dimostrano ancora una volta all’altezza del compito di accalappiare lo spettatore, se non ancor più capaci di conquistarlo: è il caso di Baby Groot, una pianticella dagli occhioni teneri che va a sostituire l’albero umanoide del primo film.

Continua a leggere

THE CIRCLE di James Ponsoldt

Basato sul bestseller internazionale Il cerchio di David Eggers, il film narra la vicenda di Mae [Emma Watson] che viene assunta a The circle, la maggiore azienda di tecnologia e social media del mondo. La ragazza è su di giri in quanto crede le sia capitata l’occasione della vita, ma man mano che la sua crescita lavorativa si sviluppa, ecco che il suo datore di lavoro Eamon Bailey [Tom Hanks] la incoraggia a rinunciare totalmente alla sua privacy. Tutto ciò che fa, dalla mattina alla sera, deve essere pubblico e trasparente per farsi incarnazione del credo dell’azienda: tutti devono conoscere tutto di tutti, 24 ore su 24.

Ma ben presto la giovane donna si renderà conto che non si è mai al sicuro quando tutti hanno la possibilità di guardare.

Il film di James Ponsoldt è un’opera che arriva tardi. Troppo tardi. Dopo tre stagioni di Black Mirror non ha molto senso realizzare un cinema che racconta un contesto tecnologico/aberrante già ampiamente logorato dalla serie cult di Charlie Brooker.

Continua a leggere

PICCOLI CRIMINI CONIUGALI di Alex Infascelli

Dopo il David di Donatello per il documentario S is for Stanley, Alex Infascelli torna alla fiction con Piccoli crimini coniugali. Un kammerspiel freddo ed elegante tinto di giallo e tratto dall’omonimo romanzo best seller del 1960 di Éric-Emmanuel Schmitt.

Dopo un brutto incidente domestico, un affermato scrittore di thriller, torna a casa dall’ospedale completamente privo di memoria. Ragiona ma non ricorda, non riconosce più neppure la moglie, la quale tenta di ricostruire la loro vita di coppia, tassello dopo tassello, cercando di oscurarne le ombre. Via via che si riportano alla luce informazioni dimenticatem, si manifestano delle crepe: sono molte le cose che non tornano nel racconto e il confine tra verità e menzogna è molto sottile.

Claustrofobico, teatrale, artificiale, sinistro, psicanalitico e straniate. Piccoli crimini coniugali è tutto questo e si propone come l’opera più ambiziosa e personale del regista di Almost Blue.

Continua a leggere

Apocalissi a basso costo al FUTURE FILM FESTIVAL

Apocalissi a basso costo – Il nuovo cinema fantastico italiano
a cura di Raffaele Meale da un’idea e con la collaborazione di Carlo Tagliazucca
Gatti neri, cowboy che vanno a farsi giustizia nello spazio, astronavi di cartapesta, pranzi onirici, Lovecraft & Poe, ultracorpi, notti senza fine, leggende ancestrali e scenari post-apocalittici; negli ultimi venti anni il cinema italiano ha creato mondi immaginari fantastici e deliranti, ricchi d’inventiva e poveri di mezzi. Un sottobosco che si è cercato di tenere nascosto, celato, perché non mettesse in dubbio il “sistema”. Preparati, Bologna. È giunta l’ora della riscossa.
La diciannovesima edizione del Future Film Festival di Bologna [2-7 maggio] ospita, all’interno della programmazione, uno spazio dedicato al cinema indipendente italiano che nel corso degli ultimi due decenni ha scelto di mettere in scena il fantastico, il soprannaturale.

Continua a leggere

“La Gazzetta dello Sport”: Bollettino uscite n.21

Questa settimana vi presentiamo cinque uscite editoriale distribuite da La Gazzetta dello Sport: il primo è l’albo numero 14 della nuova serie Dylan Dog – I Maestri della Paura; il secondo è il volume 50 [l’ultimo] de Le battaglie del secolo, il terzo numero di Planet Hulk “Apocalisse; il terzo è il venticinquesimo albo di Orfani, il primo della stagione dedicata a  Ringo; il quarto è il terzo volume della nuova collana Marvel Super Eroi Classic, stavolta dedicata a Thor “…Se sarà degno…”; l’ultimo è il secondo volume cartonato de I Puffi“Il re Puffo”.

Dylan Dog – I Maestri della Paura presenta “Le notti di Halloween”, storia completa di 96 pagine scritta da Giancarlo Marzano e disegnata da Andrea Venturi.

Tremate, è la notte delle streghe! Ma quando l’orrore non è solo una maschera da indossare e le creature delle tenebre strisciano fuori, occorre che intervenga Dylan Dog!

L’albo è in edicola a 3,99 euro. Per maggiori informazioni clicca qui:

Continua a leggere

FANTASTICHERIE DI UN PASSEGGIATORE SOLITARIO in DVD

Lo scriviamo subito: Fantasticherie di un passeggiatore solitario è l’opera prima di una delle firme più presenti sul nostro portale, Paolo Gaudio.

Paolo è un regista interessato particolarmente al cinema d’animazione. Un interesse che non poteva che trovare sfogo anche all’interno di questo suo primo lungometraggio che, infatti, si sviluppa narrativamente su tre mondi, di cui uno animato a passo uno.

Paolo è un autore dalla doppia anima: interessato alla cultura popolare e di Genere, soprattutto a quella anni ’70 e ’80, che spazia dal cinema, ai cartoon, ai fumetti; ma anche profondamente legato ad un modo di pensare più intimo e “alto”. In Fantasticherie indaga e cerca di raccontare qualcosa di impalpabile e insondabile come la creatività stessa, la scrittura, scegliendo come esempi sui generis da proporre ai suoi spettatori le opere incompiute. Un gioco sospeso tra il meta-letterario e il meta-filmico che l’autore riesce a trasporre con gli stilemi del film fantastico, con qualche venatura horror, e del racconto avventuroso.

La prima volta che vidi Fantasticherie fu in occasione del lavoro di selezione dei film da proiettare durante l’edizione 2015 del Fantafestival. Una bella sorpresa, all’interno del panorama indie italiano, a partire proprio dal suo modo di lambire il Genere, senza sprofondarci dentro o puntare su di esso per la sua stessa riuscita.

Continua a leggere

Orfani: RINGO – CHIAMATA ALLE ARMI il 19 aprile a Milano

Ringo arriva nelle librerie: le avventure del protagonista della celebre saga ideata da Roberto Recchioni e Emiliano Mammucari ed edita da Sergio Bonelli Editore riempiono le pagine del primo romanzo ispirato a Orfani.
Multiplayer Edizioni lancia Orfani: Ringo – Chiamata alle armi, un romanzo pop che unisce western e fantasy, con illustrazioni a colori per un format molto originale che strizza l’occhio ai lettori più giovani.

Il romanzo verrà presentato mercoledì 19 aprile a Milano, in occasione di Tempo di Libri, fiera dell’editoria italiana alla presenza degli autori.

Un mondo sull’orlo dell’apocalisse e un uomo in fuga con un passato fatto di atti orribili da dimenticare. Questi gli ingredienti di Ringo: Chiamata alle armi [Collana #MultipopMultiplayer Edizioni], romanzo d’avventura tra il western e il fantasy che si inserisce a livello temporale tra la prima e la seconda stagione della fortunata serie a fumetti Orfani di Sergio Bonelli Editore.

Il libro è stato realizzato da due importanti firme del fumetto italiano. Roberto Recchioni, già sceneggiatore e soggettista di personaggi iconici come Dylan Dog, Diabolik e Topolino, ha ideato e dato forma a Ringo: ex membro degli Orfani e unico superstite di una durissima battaglia fratricida all’interno del gruppo, è dotato di una grande forza e di riflessi sovrumani, oltre ad avere, un’ottima mira e incredibili doti tattiche, ma ha anche un temperamento irruente che lo avvicina ai classici pistoleri, protagonisti dei film western. È destinato a diventare leader di un gruppo di ribelli pronti alla rivoluzione contro un governo corrotto, in un’Italia da incubo e in un futuro imprecisato.

Continua a leggere

ANIMALI NOTTURNI in DVD

Un’artista annoiata dal suo lavoro e infelicemente sposata riceve, inaspettatamente, un manoscritto dal suo ex marito, scrittore di poco conto, riciclatosi come insegnante. La loro era stata una rottura brusca e dolorosa, soprattutto per lui, e l’arrivo di quel romanzo riesce a dare un’ulteriore scossa all’instabile equilibrio emotivo in cui la protagonista è bloccata da qualche tempo.

Quel romanzo, Animali notturni, riavvicina in maniera quasi traumatica la donna al suo passato, al suo ex e, in qualche modo le mostra un’orribile spaccato di realtà “altra”, mai vissuta dai due, ma che la porta a immaginare le drammatiche vicende raccontate su quei fogli proprio dando ai tre protagonisti i loro volti e quello della loro figlia.

Proprio quel manoscritto, ancor più del loro passato comune, riesce a spingere la donna verso un esame di molto critico della propria vita, mentre lei e lo spettatore vengono rimbalzati tra le vicende di un presente spento e indolente, un passato pieno di sogni e speranze e un thriller inquietante e stringente che appartiene alla fantasia dell’autore del romanzo fittizio, ma che sembra essere la parte più reale e concreta del tutto: tre livelli di realtà che costruiscono un ottimo gioco di scatole cinesi orchestrato dal regista Tom Ford, autore anche della ricercata scelta estetica, delle inquadrature e dei collegamenti spazio-temporali che riescono ad intrecciare in maniera omogenea i mondi raccontati, che mescolano personaggi, modalità narrative, colori e luci volutamente non assonanti l’uno con l’altro. Ad un mondo freddo e asettico si sussegue uno caldo e sporto, ad un ritmo rilassato un altro frenetico, e via dicendo…

Continua a leggere

THE STARTUP di Alessandro D’Alatri

Leggere la realtà e restituirne i cambiamenti è sempre stata prerogativa cinematografica. Affrontando la vita di chi è riuscito a emergere, raggiungendo traguardi e obiettivi ardui e insperati.  Tuttavia, anche il cinema è cambiato, riscoprendosi più incline a raccontare il fallimento, la difficoltà di trovare il successo e spesso gli aspetti più nascosti e oscuri di uomini e donne che lo hanno ottenuto.

The Startup, l’ultima fatica di Alessandro D’Alatri, porta sul grande schermo la storia – più unica che rara, bisogna ammetterlo – di Matteo Achilli, studente romano che, esasperato dall’ennesima ingiustizia subita, inventa un social network che fa incontrare domanda e offerta di lavoro in modo meritocratico. All’inizio nessuno crede al progetto e molti sono i falchi pronti ad approfittare di lui. Ma Matteo tiene duro, non demorde e a soli 19 anni si ritrova al centro degli interessi del mondo che conta. Da Roma a Milano, dalla borgata del Corviale al tetto dei grattacieli della city milanese: in breve tempo Matteo acquista popolarità e soldi. La sua faccia è sulle prime pagine dei giornali e la sua Start Up, che conta decine di migliaia di iscritti, fa gola ad aziende importanti.

Continua a leggere

Post Facebook Più Recenti

GUARDIANI DELLA GALASSIA Vol. 2 di James Gunn - InGenere Cinema InGenere Cinema

Su #InGenereCinema, la recensione di Luca Ruocco di Guardiani della Galassia vol.2 http://www.ingenerecinema.com/2017/04/26/guardiani-della-galassia-vol-2-james-gunn/

1 mi piace, 0 commenti21 ore fa

THE CIRCLE di James Ponsoldt - InGenere Cinema InGenere Cinema

[in sala]: #TheCircle di James Ponsoldt, su #InGenereCinema [recensione di Stefano Tibaldi]

1 mi piace, 0 commenti1 giorno fa

PICCOLI CRIMINI CONIUGALI di Alex Infascelli - InGenere Cinema InGenere Cinema

[in sala]: #PiccoliCriminiConiugali di Alex Infascelli, su #InGenereCinema [recensione di Paolo Gaudio]

0 mi piace, 0 commenti2 giorni fa

Apocalissi a basso costo al FUTURE FILM FESTIVAL - InGenere Cinema InGenere Cinema

Su #InGenereCinema parliamo di #ApocalissiABassoCosto, la rassegna dedicata all’indie di Genere italiano, curata da Raffaele Meale per il Future..

0 mi piace, 0 commenti4 giorni fa

PIIGS di Adriano Cutraro, Federico Greco, Mirko Melchiorre - InGenere Cinema InGenere Cinema

[in sala]: PIIGS_TheMovie di Adriano Cutraro, Federico Greco, Mirko Melchiorre, su #InGenereCinema [recensione di Gilda Signoretti]

0 mi piace, 0 commenti4 giorni fa