InGenere Cinema

STAR WARS: GLI ULTIMI JEDI di Rian Johnson

the-last-jediPerdere per vincere. Fallire per cambiare. Ma soprattutto, abbandonare ciò che è stato per ottenere un nuovo orizzonte. Star Wars: Gli Ultimi Jedi è la palese affermazione che qualcosa sta cambiando nella Galassia lontana, lontana. Tutto viene messo in discussione in questo ottavo episodio della saga sci-fi più amata al mondo. La Forza è sveglia, ma non troppo, i ribelli sono in fuga, il Primo Ordine potrebbe vincere, ma Kylo Ren deve fare i conti con una coscienza lacerata dal senso di colpa. Infine, Rey al cospetto di Skywalker conoscerà la sua più amara delle delusioni. Tutto sembra vacillare nelle Guerre Stellari di Rian Jonhson, ma ciò che appare compromesso, che non ricorda il passato glorioso, potrebbe essere l’occasione più importante mai capitata a questa lunga avventura nello spazio.

Ma procediamo con ordine: La Forza scorre forte nella giovane Rey, ma solo un grande maestro Jedi può insegnarle a controllarla. Rivelata la mappa che traccia la rotta per il nascondiglio segreto di Luke Skywalker, la ragazza attraversa l’universo fino al pianeta sperduto dove il cavaliere Jedi si è ritirato in esilio volontario. Si inerpica lungo sentieri impervi, perlustra gli angoli più selvaggi dell’isola per incrociare lo sguardo del leggendario guerriero che ha combattuto e sconfitto l’Impero, e porgergli la vecchia spada laser appartenuta alla sua famiglia. Il gesto significativo riprende ed eguaglia il passaggio di testimone avvenuto nel corso della saga, nella quale l’allievo assume infine il ruolo di mentore. Intuitiva e tenace, Rey è la capofila delle nuove leve Jedi, pronta a contrastare le forze del sinistro Primo Ordine, in aiuto della Resistenza. Accanto a lei ritornano l’ex assaltatore Finn, il pilota di X-Wing Poe Dameron e il Generale Leia [in quella che passerà alla storia come l’ultima interpretazione di Carrie Fisher, CGI permettendo]. Tra i servitori del Lato Oscuro, con il volto sfregiato dall’ultimo scontro con Rey, ritroviamo Kylo Ren, influenzato dalla misteriosa figura del Leader Supremo Snoke.

Continua a leggere

NIGHTMARE BEFORE CHRISTMAS: Le commedie italiane in sala a Natale 2017 [Parte 1]

natale-da-chefTemuto dai cinefili, atteso dagli esercenti e benedetto dai produttori, anche quest’anno è arrivato il Natale. Le sale si affollano di spettatori, che diligentemente, danno seguito alla tradizionale proiezione natalizia. Prima il panettone e poi un cinepanettone, si potrebbe dire. E il 2017 non ha fatto eccezione, anzi. A giudicare dalle pellicole in uscita, si tratta di un’annata in crescita per questo prodotto cinematografico nostrano. In effetti, il cinema italiano ha dato il meglio di sé, proponendo un’ampia varietà di “film di Natale”, più o meno differenti. In barba a chi si era convinto che a seguito del divorzio Boldi/De Sica, questo Genere si sarebbe estinto, continuiamo ad assistere al moltiplicarsi di commedie, commediucce, commediole, farse, film comici e addirittura [novità di quest’anno] un montaggio del meglio – si fa per dire –  di trentacinque anni di produzioni Filmauro.

Continua a leggere

“La Gazzetta dello Sport”: Bollettino uscite n.48

nathan-never-10Appuntamento della settimana per otto uscite editoriali distribuite da La Gazzetta dello Sport: la prima è il 10° albo della collana dedicata a Nathan Never “L’undicesimo comandamento + L’ora della vendetta”, la seconda è il 59° albo di Orfani “E non avrà paura” [le uscite riguardano la stagione dedicata a Nuovo Mondo]; la terza è il volume 37 della collana Marvel Super Eroi Classic, stavolta dedicata a Capitan America “Contro il Teschio Rosso!; la quarta è il 36° volume cartonato de I Puffi“Il Puffo giornalista”.

Si continua con Popeye, volume 19: “Una coppia di fanabutti”, il 7° albo di Thor – La saga del tono “Sangue della Terra”, con il volume 15 di Star Trek Comics Collection: “Le strisce dei quotidiani – Prima parte” e con il volume 1 di Star Wars.

La serie che ha fatto la storia della fantascienza a fumetti in una nuova collezione, con veste grafica e copertine inedite. Un mix avvincente tra avventura, spionaggio e thriller, in uno scenario alla Blade Runner dove il protagonista non è un eroe tradizionale, ma “solo un essere umano in un mondo sempre meno umano”. In ogni volume due storie a fumetti.

Continua a leggere

SONO PURI I LORO SOGNI di Matteo Bussola

sono-puri-i-loro-sogniDopo il successo di pubblico e critica di Notti in bianco, baci a colazione, Matteo Bussola torna in libreria con Sono puri i loro sogni, edito come il precedente da Einaudi.

Sono puri i loro sogniLettera a noi genitori sulla scuola è un libro pieno di riflessioni e interrogativi sulla scuola, su ciò che rappresenta oggi e su quanto sia cambiata rispetto al passato, ma soprattutto è, come rivela il sottotesto, una lettera ai genitori con figli in età scolare.

Bussola, padre di tre bambine che frequentano le medie, le elementari e la materna, fa una lunga e profonda riflessione sull’universo scolastico odierno, su suoi pregi e difetti, ma soprattutto su come sia cambiato il rapporto tra docenti e genitori, e con esso anche l’autorevolezza dei docenti, un tempo temuti moltissimo da alunni costretti a subire insulti verbali, bacchettate sulle mani e altre forme di violenza oggi per fortuna non più giustificate. Quel che é certo, però, é che oggi il senso di protezione dei genitori nei confronti dei figli é diventato morboso, ossessivo: un insegnante che rimprovera un bambino perché troppo distratto, ad esempio, mentre un tempo trovava il sostegno del genitore, oggi rischia di essere contestato e insultato da quest’ultimo soltanto per averlo ripreso. Il rispetto nei confronti degli insegnanti é venuto meno, e con esso anche quel senso di gratitudine di un genitore nei confronti di un docente grazie al quale il figlio ha imparato a leggere e scrivere.

Continua a leggere

FREE FIRE di Ben Wheatley

free fireBoston, 1978. In un deposito abbandonato sta avvenendo un incontro tra un gruppo di militanti dell’IRA e dei trafficanti per una vendita illegale di armi. Le cose non sembrano filare lisce sin dall’inizio; poi, quando una lite personale porta lo scontro dagli insulti ai proiettili, la situazione degenera in un gioco al massacro.

Kill List, Sightseers e A Field in England sono solo alcuni dei titoli della filmografia di Ben Wheatley, regista, sceneggiatore e montatore britannico. Chi li conosce si sarà fatto anche un’idea del suo stile, si sarà reso conto del suo gusto e della sua bravura nell’addentrarsi nel grottesco e nella violenza, a volte molto diretta e cruenta, altre scanzonata, divertente e paradossale.

In questo caso, il regista si allontana dalle zone più deliranti ed estreme del suo cinema per realizzare un vero e proprio film d’azione, anche se contaminato da elementi pulp, noir, gore e con un costante tono da commedia nera.

Se si volesse cercare un collegamento più diretto agli altri film di Wheatley, di certo in Free Fire c’è una sorta di continuazione del tema dell’imbarbarimento della razza umana messo in scena già in High Rise [2015, adattamento del romanzo Il Condominio di J.G. Ballard], soprattutto nella seconda parte della pellicola.

Continua a leggere

“La Gazzetta dello Sport”: Bollettino uscite n.47

Appuntamento della settimana per sette uscite editoriali distribuite da La Gazzetta dello Sport: la prima è il 9° albo della collana dedicata a Nathan Never “Sopravvivenza Zero + L’abisso delle memorie, la seconda è il 58° albo di Orfani “Il passato non muore” [le uscite riguardano la stagione dedicata a Nuovo Mondo]; la terza è il volume 36 della collana Marvel Super Eroi Classic, stavolta dedicata a Amazing Spider-Man “Altri mondi!; la quarta è il volume 22 della nuova collana Spider-Man – La grande avventura “La Torcia Umana”.

Si continua con Popeye, volume 18: “Il falso spasimante di Olivia”, il 6° albo di Thor – La saga del tono “Gli ultimi giorni di Midgard” e con il volume 14 di Star Trek Comics Collection: “Vendetta Vulcaniana”.

La serie che ha fatto la storia della fantascienza a fumetti in una nuova collezione, con veste grafica e copertine inedite. Un mix avvincente tra avventura, spionaggio e thriller, in uno scenario alla Blade Runner dove il protagonista non è un eroe tradizionale, ma “solo un essere umano in un mondo sempre meno umano”. In ogni volume due storie a fumetti.

Continua a leggere

MATAR A DIOS di Caye Casas e Alberto Pintó

matar a diosIl cinema di genere indipendente spagnolo continua a vivere un momento di grandissima vitalità artistica. Matar a Dios, presentato in concorso al Fantafestival 2017, dove ha anche vinto il premio per il miglior lungometraggio, ne è solo l’ultima dimostrazione.

Nel bellissimo incipit, la macchina da presa segue dall’alto un’auto di notte, su una strada isolata, quasi come in una sorta di Shining al neon.

La macchina, all’interno della quale viaggiano un padre e le sue due figlie, è costretta a fermarsi quando incontra un nano anziano e barbuto, un po’ folkloristico, un po’ vagabondo, il quale sembra essere ben intenzionato a non farli passare.

Poco dopo si farà da parte, ma non prima di rivelare ai passeggeri che dietro l’angolo troveranno un triste e imminente epilogo, cosa che infatti avverrà pochi secondi dopo.

Non lontano da lì, una famiglia si sta preparando a festeggiare il capodanno. Immersi nei loro drammi e nei loro conflitti personali, i quattro malcapitati riceveranno la visita dello strano nanetto, il quale, tra un bicchiere di vino e l’altro, gli rivelerà di essere Dio e che all’alba la razza umana sarà spazzata via.

Continua a leggere

AMERICAN ASSASSIN di Michael Cuesta

american assassinTratto dalla serie di best seller di Vince Flynn, American Assassin presenta al grande pubblico, una delle figure più note nel panorama contemporaneo: il superagente della CIA, Mitch Rapp.  Il regista Michael Cuesta, avvalendosi della collaborazione di un dreamteam di sceneggiatori composta da Stephen Schiff [The Americans, Lolita], Michael Finch [Predators] e dai produttori e registi Edward Zwick [L’ultimo Samurai, Shakespeare in Love] e Marshall Herskovitz [Traffic, Mi Chiamo Sam], hanno trasposto nel periodo odierno, il decimo romanzo della fortunata serie, che racconta le origini del personaggio di Rapp e di come entra a far parte nel gruppo di rete segreta interna della CIA, Orion.

Mitch Rapp [Dylan O’Brien] è un ragazzo come tanti, vive una vita ordinaria insieme alla bellissima fidanzata Katrina. Durante un viaggio a Ibiza, la sua vita viene stravolta da un attacco terroristico ai danni del villaggio turistico, dove la ragazza perderà la vita. Mesi dopo, troviamo un Mitch cambiato, assetato di vendetta e di rabbia, che passa le sue giornate tra allenamenti massicci e al poligono di tiro, noncurante del fatto che la CIA lo stia sorvegliando.

Continua a leggere

FIRST HOUSE ON THE HILL di Matteo Saradini

first house on the hillIl regista italiano Matteo Sardini, insieme al prolifico title designer e membro dell’Academy of Motion Picture Arts and Science Dan Perri, ha presentato in anteprima al Fantafestival 2017 il film First House on the Hill, horror girato nella città californiana di Malibu.

Quattro amici decidono di passare un fine settimana in una casa di proprietà di una signora alquanto particolare, situata sulla spiaggia di Malibu. Appena arrivati, si accorgeranno di una serie di stranezze che caratterizzano la casa e la proprietaria, che pone immediatamente ai ragazzi dubbie raccomandazioni e divieti.

Noncuranti di ciò, saranno indotti a trasgredire le regole firmate nel contratto, e imbattendosi in uno strano mazzo di tarocchi, i quattro ragazzi inizieranno a pagare le conseguenze della loro violazione.

Sin dall’incipit il film si pone come tributo al giallo all’italiana, usandone il registro visivo, narrativo e registico che rimandano a film dei maestri del genere, come Reazione a Catena di Mario Bava e Sette Note in Nero di Lucio Fulci, tanto per citarne alcuni.

Continua a leggere

EL ATAÚD DE CRISTAL di Haritz Zubillaga

el ataud de cristalNella quinta giornata della trentasettesima edizone del Fantafestival è stato presentato il lungometraggio d’esordio del regista spagnolo Haritz Zubillaga, El Ataúd de Cristal.

Amanda, attrice di successo, si sta dirigendo a bordo di una limousine verso una serata di Gala, dove le verrà assegnato un premio alla carriera; si ritroverà intrappolata nell’autovettura, vittima del gioco sadico e crudele di una figura losca e misteriosa.

Un thriller con una forte valenza meta-cinematografica, ragionando proprio sull’eterna dicotomia realtà/finzione che ha accompagnato il ragionamento teorico sul cinema dai suoi albori. Amanda si trova bloccata nella limousine, una sorta di set cinematografico illuminato ad hoc, in preda agli ordini di una voce meccanica proveniente da una telecamera che, come un regista, con il suo sguardo la scruta, la studia, le fa uscire il peggio di sé, umiliandola e portandola dentro un girone infernale, dove le farà fare in conti con sé stessa e il suo passato. Cosa è disposta a fare Amanda per la sua carriera e per salvarsi? Quanto i suoi personaggi e i suoi film hanno influenza su di lei? E come la sua figura mediatica rispecchia realmente quella reale? Sono una serie di continui quesiti che l’occhio della telecamera, una sorta di Hal 900/Kramer, perversamente pone ad Amanda, facendone vacillare l’integrità morale, sia come donna che come attrice.

Continua a leggere

Segui [LR] su Facebook:

Post Facebook Più Recenti

NIGHTMARE BEFORE CHRISTMAS: Le commedia in sala nelle feste InGenere Cinema

Su #InGenereCinema tornano gli incubi prima di Natale, con i #cinepanettoni e le commedie italiane in sala per le feste 2017. Speciale in due..

2 mi piace, 0 commenti1 giorno fa

Le uscite a fumetti della settimana de La Gazzetta dello Sport! InGenere Cinema

Le uscite a fumetti della settimana de La Gazzetta dello Sport! Su #InGenereCinema.

0 mi piace, 0 commenti1 giorno fa

SONO PURI I LORO SOGNI di Matteo Bussola - InGenere Cinema InGenere Cinema

[libri]: #SonoPuriILoroSogni di Matteo Bussola, su #InGenereCinema [recensione di Gilda Signoretti]

0 mi piace, 0 commenti2 giorni fa

FREE FIRE di Ben Wheatley, su InGenere Cinema InGenere Cinema

#FreeFire di Ben Wheatley, su #InGenereCinema [recensione di Egidio Matinata]

0 mi piace, 0 commenti5 giorni fa

Immagine di copertina di InGenere Cinema

2 mi piace, 0 commenti6 giorni fa