Gilda Signoretti

LIBERO CINEMA IN LIBERA TERRA 2018

Al via dal 17 luglio Libero cinema, la XIII edizione di Libera Terra, Festival di cinema itinerante contro le mafie che da anni ormai riceve molti consensi in Italia. Il festival, nel corso del quale vengono allestiti spazi cinematografici in aree confiscate alla mafia e restituite alla legalità, è organizzato da Cinemovel Foundation e Libera. Di seguito il comunicato stampa del Festival contenente tutte le informazioni sulla variegata programmazione cinematografica e sulle tappe del festival. Da non perdere.

 

I più grandi nemici della mafia sono la cultura e la conoscenza. Il suo miglior amico è l’ignoranza. Proprio quella che vediamo diffondersi anche nel nostro paese come una nuova ideologia e per combatterla anche il cinema può fare la sua parte; l’immagine è l’intuizione più democratica dell’uomo, è per tutti.

Ettore Scola

 

Le mafie a volte temono molto di più un buon film, di una solo annunciata normativa repressiva. Lo straordinario merito del linguaggio del cinema è quello di impregnare la nostra cultura tanto di denuncia quanto di educazione all’impegno civile.

Luigi Ciotti

  Continua a leggere

C’È SPAZIO PER TUTTI di Leo Ortolani

Mandato in missione sulla Stazione spaziale Internazionale [ISS] con l’astronauta Rover\Paolo Nespoli e la cagnolina Laika, Rat-Man vive quest’esperienza con la solita leggerezza e inconsapevolezza che lo contraddistingue. Al povero Rover non resta che subire la presenza dei due strambi compagni di viaggio, preoccupato non tanto degli esperimenti che dovrà effettuare, quanto da come dovrà gestire i due incompetenti, incapaci e inaffidabili.

É questo l’incipit della graphic novel C’è spazio per tutti, ultima fatica del grande Ortolani, oggi amico dell’astronauta Nespoli, protagonista dell’ultimo viaggio in orbita sulla ISS, in cui ha girato un video poi diffuso su Youtube nel quale pubblicizzava proprio l’uscita della graphic novel, che si compone di due capitoli [e viene distribuita in due volumi nell’edizione distribuita da La Gazzetta dello Sport]: il primo dedicato alle fasi precedenti il lancio e quindi alla conoscenza di Rover/Nespoli con Rat-Man, interposto con le prime missioni nello spazio – a partire dal 1947 fino allo sbarco sulla Luna – raccontate in maniera tragicomica. Il secondo dedicato alla permanenza sulla ISS e alla convivenza del trio con gli altri membri dell’equipaggio, e ai guai combinati da Rat-Man, che sulla stazione spaziale fa sogni straordinari pieni di stupore e meraviglia, più simili ai sogni di un bambino che di un adulto, dove guarda caso incontra sé stesso bambino con altri bambini che sognano un giorno di andare in missione nello spazio.

Continua a leggere

LORO 1 di Paolo Sorrentino

È tutta una questione di attesa.

Era ed è tanta l’attesa per il film del più importante, il più conosciuto e apprezzato regista italiano, Paolo Sorrentino, sul personaggio che più ha segnato l’Italia degli ultimi venticinque anni, Silvio Berlusconi.

Il film – annunciato, rimandato e poi anticipato, – arriva nelle sale cinematografiche italiane diviso in due parti: la prima il 24 aprile, la seconda il 10 maggio.

Subentra immediatamente un senso di frustrazione, perché alla fine della proiezione si resta con la bocca insaporita dalla prima portata di una pietanza che, alla fine, sarà certamente più ricca, e che lascia un po’ naufraghi, scombussolati, consci di dover aspettare per avere delle risposte, e comunque ingarbugliati nella ricerca di un significato coerente e provvisorio.

Continua a leggere

I CORPI PRESENTANO TRACCE DI VIOLENZA CARNALE di Sergio Martino

Imperdibile l’uscita in home video di uno dei più bei thriller italiani anni ’70 del maestro Sergio Martino, I corpi presentano tracce di violenza carnale, distribuito da CG Entertainment.

Già conosciuta per le sue precedenti interpretazioni – non ultima l’interpretazione di Giulia ne L’uccello dalle piume di cristallo del nostro Argento – l’attrice Suzy Kendall, che con Luc Merenda si ritrova a reggere il gioco, ricoprendo così il ruolo di protagonisti, subentrando nella storia in un secondo momento, quasi silenziosamente, determinandone gli sviluppi.

La prima parte del film è ambientata a Perugia: dopo la descrizione della vita quotidiana di un gruppo di studenti universitari, Martino si addentra nella notte per mostrarci la cruda efferatezza dei delitti compiuti da un ignoto assassino che prima uccide una coppia appartatasi in un luogo sinistro in macchina, poi una ragazza, uccisa con una modalità ancora più cruenta del precedente omicidio, e infine un venditore ambulante. Martino si diverte da subito a ingannare lo spettatore quasi suggerendogli, attraverso un gioco di dettagli, di fare attenzione ad alcune situazioni e oggetti, come un foulard che Daniela [Tina Aumont] è sicura di aver visto indossare da qualcuno di cui non ricorda l‘identità, e che si scoprirà poi essere Stefano [Roberto Bisacco].

Continua a leggere

CATTIVISSIMO ME 3 EDIZIONE SPECIALE in BD

Molto ricca l’edizione speciale di Cattivissimo me 3, terzo capitolo della saga d’animazione tra le più famose e amate in Italia e nel mondo. Uscito nella sale italiane alla fine della scorsa estate, Cattivissimo me 3 non ha deluso le aspettative dei fan, grandi e bambini, continuando a mostrarci minions in delirio, scalmanati e buffi come sempre, mostrandoceli anche detenuti in un carcere dove in poco tempo riescono a dominare su tutti gli altri detenuti.

Scoprire di avere un fratello gemello, per giunta con tanti capelli fluenti e ricco, per Gru è un vero shock. Messa da parte l’invidia iniziale, soprattutto per quella chioma che il fratello Dru sfoggia con tanto orgoglio, tra i due gemelli si instaura quasi subito un rapporto stretto e sincero, che fa bene ad entrambi. Anche Lucy e le loro tre bambine reagiscono con entusiasmo alla scoperta, e la permanenza nella maestosa villa di Dru si rivela davvero piacevole. Peccato che in mezzo a questo momento di felicità si inserisca Balthazar Bratt, una ex star della televisione, ex bambino prodigio pian piano dimenticato, che anche da adulto continua a pensare a quell’infanzia tanto gloriosa che ha acuito il suo egocentrismo.

Continua a leggere

MARADONAPOLI di Alessio Maria Federici

L’esperimento che Alessio Maria Federici ha voluto fare in Maradonapoli, documentario uscito in sala nel 2017 e distribuito in DVD e Blu-Ray da Warner Bros., é stato quello di raccontare Diego Armando Maradona attraverso le testimonianze non di amici, parenti o ex colleghi, ma del popolo napoletano. La scelta poi di evitare il ricorso al repertorio, se non includendo due brevissimi estratti di un’intervista al campione realizzata dal sempre valido Gianni Miná – con una dichiarazione spontanea di Maradona sul modello di business che la sua immagine aveva generato – si rivela rischiosa ma in questo anche vincente e curiosa. Si potrebbe raccontare questo film iniziando con ‘C’era una volta…’, si perché l’arrivo di Maradona nell”85 al Napoli [in uno stadio San Paolo con oltre 80 mila spettatori] fu l’inizio di una favola meravigliosa che oggi continua ad essere raccontata come se non fosse mai finita, nonostante una epilogo, e anche doloroso, ci sia stato. L’arrivo del campione argentino che divenne “il re di Napoli” fu festeggiato in modo clamoroso, presagendo i grandi successi di quella stagione e di quelle a venire, dovuti sicuramente alla destrezza e alla grandezza di un campione, ma anche ad una squadra che comprendeva calciatori come Ciro Ferrara, Andrea Carnevale, Salvatore Bagni.

Continua a leggere

RACHEL – LE SCIENZE INESATTE di Stefano Bessoni

Nelle storie illustrate dell’artista Bessoni ci sono sempre tanti sottotesti che si fondono con la storia e che nascondono una particolare profondità d’animo, che gioca con la sua parte infantile accostata a quella più matura, sicuramente malinconica, saggia e fantasiosa.

Rachel é l’ultimo suo libro illustrato, il primo dei quattro volumi della serie Le scienze inesatte pubblicato da Logos Edizioni, e racconta la storia di una bambina, Rachel appunto [ispirata alla figura della pittrice olandese Rachel Ruysch figlia dell’anatomista fiammingo Friederich Ruysch], che vive in una casa posta in cima ad una scogliera con un coccodrillo impagliato, uno scheletro di un coniglio e una bambola anatomica che, all’interno della sua Wunderkammer piena di altre strane creature, hanno preso vita.

Continua a leggere

THE WAR IL PIANETA DELLE SCIMMIE in home video

Dopo quasi cinque mesi dalla sua uscita, il terzo capitolo della nuova saga reboot de Il pianeta delle scimmie, The War – Il pianeta delle scimmie, arriva finalmente in home video, sia in formato Blu-Ray che DVD tramite Warner Bros., che per l’occasione presenta un’edizione estremamente curata e piena di contenuti extra che, come una lente di ingrandimento, approfondiscono molti aspetti del film. Ma andiamo con ordine.

Catturati dal suo branco durante un’imboscata, Cesare [Andy Serkis] decide di risparmiare tre soldati, con il solo fine di mandare un messaggio di pace al colonnello McCullough [Woody Harrelson]. Ovviamente questo messaggio di pace non verrà né apprezzato né preso in considerazione, così da inasprire ulteriormente le tensioni già in atto e decretare una guerra che si preannuncia estrema, anche per la stessa sopravvivenza delle scimmie, che Cesare ha tentato disperatamente di evitare e di rimandare finché gli è stato possibile.

Continua a leggere

LA LEGGENDA DEL RE CORVO di Valentino Sergi e Alvise Rossi

Un corvo dal nero manto, avvelenato da un serpente che dominava lo stagno delle rane durante uno scontro, assume il controllo delle rane, consapevole che avrebbe avuto da vivere solo tre giorni, nei quali mostrare la sua autorità ai suoi sudditi. Ciò che vuole insegnare loro sono i principi fondanti che caratterizzano una comunità, quali il senso di appartenenza al gruppo, la disuguaglianza, il concetto di proprietà e predominio, disparità….

È questo il plot della favola illustrata La leggenda del re corvo, scritta da Valentino Sergi e disegnata da Alvise Rossi, edito da Officina Meningi in una edizione speciale a tiratura limitata.

Si tratta di una favola nera che non fa sconti ai suoi personaggi, costituita da un linguaggio diretto e pungente, dai toni macabri e drammatici, dove ogni personaggio pare aver perso o non aver mai provato umanità, dove è la legge del più forte a prevalere e in cui non si fanno sconti a nessuno.

Continua a leggere

IL CULTO DI CHUCKY di Don Mancini

Proiettato e atteso con entusiasmo alla 37esima edizione del Fantafestival, Il culto di Chucky arriva in Italia direttamente in DVD, saltando la sala cinematografica, grazie alla distribuzione home video di Universal Pictures.

Dopo aver diretto il capitolo precedente, il papà della bambola più irriverente e cattiva del mondo, Don Mancini, dirige e firma il soggetto e la sceneggiatura anche del settimo capitolo di una delle saghe horror anni ’80 più famose al mondo, Il culto di Chucky appunto.

Il sesto capitolo ci aveva lasciati con il ricovero di Nica [Fiona Dourif] in un manicomio, rassegnata all’idea che sia stata proprio lei a uccidere tutti i componenti della sua famiglia, e non Chucky come fino a poco prima aveva creduto. Inizia tuttavia a ricredersi quando il bambolotto diabolico entra nella struttura per continuare a torturarla e divertirsi a fare altrettanto con gli altri pazienti, prima di compiere un’altra strage, ad esempio sfruttando la debolezza e la vulnerabilità di Claire [Grace Lynn Kung], responsabile della morte del figlio che crede di rivedere in Chucky, tanto da imboccarlo come se fosse vero. Nica sa bene che sarà l’ultima avversaria di Chucky, e così si prepara alla lotta con mille difficoltà, dovute anche alla presenza ambigua del dottor Foley [Michael Therriault] e alla difficile distinzione realtà/fantasia inasprita dalle continue allucinazioni che caratterizzano, lei compresa, tutti i pazienti, come Angela [Marina Stephenson Kerr], che crede di essere morta e quindi di essere uno spirito invisibile.

Continua a leggere