InGenere Cinema

I NUOVI MOSTRI: Evoluzione delle icone horror nel nuovo millennio

I NUOVI MOSTRI: Evoluzione delle icone horror…

Artemisia [Italia], Azeto [Haiti], Chon Chon [Cile], Drakul [Moldavia], Vlokoslak [Romania], Baital [India], Danag [Filippine], Farkaskoldus [Ungheria], Gierach [Prussia], Jaracas [Brasile], Kasha [Giappone], Lamia [antica Rome e antica Grecia], Moroii…
I NUOVI MOSTRI: Evoluzione delle icone horror…
10 CLOVERFIELD LANE di Dan Trachtenberg

10 CLOVERFIELD LANE di Dan Trachtenberg

Era il 2008, e Matt Reeves arrivava in sala con Cloverfield, film che puntava sull’inedito connubio tra il sotto-Genere del monster movie e la grammatica del mockumentary. Film in POV, con…
10 CLOVERFIELD LANE di Dan Trachtenberg
FANTAFESTIVAL 2016: Gli anni d’oro del fantastico europeo nelle biblioteche di Roma Capitale

FANTAFESTIVAL 2016: Gli anni d’oro del fantas…

Il Fantafestival e le Biblioteche di Roma, in collaborazione con Vigamus, sono liete di presentare al pubblico la rassegna Gli anni d’oro del fantastico europeo, prodotta dal Fantafestival con il…
FANTAFESTIVAL 2016: Gli anni d’oro del fantas…
IL LIBRO DELLA GIUNGLA di Jon Favreau

IL LIBRO DELLA GIUNGLA di Jon Favreau

È ormai da qualche anno che la Disney sta proponendo delle versioni in live-action dei suoi classici d’animazione del passato. Dopo Maleficent [tratto da La bella addormentata nel bosco] e…
IL LIBRO DELLA GIUNGLA di Jon Favreau
HARDCORE! di Ilya Naishuller

HARDCORE! di Ilya Naishuller

Ilya Naishuller è un filmaker di origini russe che non molto tempo fa ha avuto la brillante idea di realizzare un video musicale girato interamente in soggettiva [vale a dire…
HARDCORE! di Ilya Naishuller
CRIMINAL di Ariel Vromen

CRIMINAL di Ariel Vromen

La vita ha un costo, è ovvio. Ognuno ha delle spese da sostenere quotidianamente: mutui, affitti, rate, bollette. E, che ci si creda o no, anche le star di Hollywood…
CRIMINAL di Ariel Vromen
MORS PRETIOSA di Ivan Cenzi e Carlo Vannini

MORS PRETIOSA di Ivan Cenzi e Carlo Vannini

“La morte è un’eterna ferita, e al tempo stesso uno spiraglio.”, questo il messaggio definitivo ma in qualche modo pago che Ivan Cenzi, curatore del portale Bizzarro Bazar e, da…
MORS PRETIOSA di Ivan Cenzi e Carlo Vannini
VICTOR – La storia segreta del dottor Frankenstein di Paul McGuigan

VICTOR – La storia segreta del dottor Franken…

Non c'è dubbio alcuno sull'amore profondo che lega il romanzo d'esordio di Mary Shelley - Frankenstein, 'of course' - all'arte cinematografica. Il cinema, nel corso della sua storia, ha proposto…
VICTOR – La storia segreta del dottor Franken…
IL CACCIATORE E LA REGINA DI GHIACCIO di Cedric Nicolas-Troyan

IL CACCIATORE E LA REGINA DI GHIACCIO di Cedr…

E' del tutto evidente come gli Studios Hollywoodiani stiano attraversando un periodo particolarmente difficile e povero d'idee. La ricerca dell'ennesimo franchise da scomporre in mille sequel, prequel o spin-off appare…
IL CACCIATORE E LA REGINA DI GHIACCIO di Cedr…
La strada per BATMAN V SUPERMAN: Dawn of Justice

La strada per BATMAN V SUPERMAN: Dawn of Just…

Due mondi separati “Ma dove vai? Il circo sarà a metà strada per Metropolis ormai”, disse Bruce Wayne al giovane Dick Grayson, rimasto orfano. Questo fu il primo segnale che, da…
La strada per BATMAN V SUPERMAN: Dawn of Just…
PreviousNext

I NUOVI MOSTRI: Evoluzione delle icone horror nel nuovo millennio [Parte 1: L’Uomo Lupo]

uomo-lupo1Artemisia [Italia], Azeto [Haiti], Chon Chon [Cile], Drakul [Moldavia], Vlokoslak [Romania], Baital [India], Danag [Filippine], Farkaskoldus [Ungheria], Gierach [Prussia], Jaracas [Brasile], Kasha [Giappone], Lamia [antica Rome e antica Grecia], Moroii [ancora Romania], Mulo [tradizione zingara], Mutala [Africa], Nachzehrer, Nosferat, Nosferatu, Ohyn [Polonia], Pelesit [Malesia], Pisacha [Cile], Ramanga [Madagascari], Sampir [Albania], Talamur [Australia], Upir [Ucraina], Vampur [Bulgaria], Zmeu [Moldavia].

Una manciata di nomi. Solo una piccola parte dei tanti che è possibile trovare in rete: tipologie appartenenti alla stessa specie [se di specie si può parlare]: quella dei vampiri.

Con un PC e una connessione internet è facile trovarne a dozzine, completi di descrizioni più o meno dettagliate. Ricordo che proprio questa fu una delle prime ricerche fatte sul web e poi debitamente stampata, visto che navigare online non era ancora così conveniente. Da qualche parte devo ancora avere quei fogli…

Continua a leggere

LA FORESTA DEI SOGNI di Gus Van Sant

la-foresta-dei-sogni-1Cercando su qualsiasi motore di ricerca tra i luoghi più bizzarri al mondo potreste imbattervi nella foresta Aokigahara, detta anche “Foresta dei suicidi”. Si tratta di un luogo tanto bello quanto tetro, un posto dove molte persone decidono di porre fine alle proprie esistenze o, magari, proprio durante il viaggio per raggiungerlo riescono a trovare le giuste ragioni per continuare a vivere.

In fondo questa foresta non è altro che un luogo di riflessione che spinge l’essere umano a mettere un punto fisso nella vita proprio nel momento in cui è necessario fermarsi a stilarne un bilancio. E’ il caso del professor Arthur Brennan [Matthew Mc Conaughey], sposato con la dottoressa Joan [Naomi Watts]. Come tutte le coppie, anche le più consolidate, i due stanno attraversando un periodo non facile, quel periodo in cui ognuno vede il proprio compagno come un individuo la cui presenza è diventata non solo una certezza, ma un’abitudine.

Joan è quella che effettivamente è riuscita a far carriera rispetto al marito, che insegue ancora il sogno della pubblicazione che lo consacrerà definitivamente nel mondo accademico scientifico ma che, inesorabilmente, tarda ad arrivare. La frustrazione per i successi mancati, il confronto con quelli della moglie ma, allo stesso tempo, l’orgoglio d’entrambi porta dell’acredine tra i due e le solide basi sulle quasi sembrava essere fondato il loro amore iniziano a scricchiolare.

Continua a leggere

10 CLOVERFIELD LANE di Dan Trachtenberg

10-cloverfield-lane-4Era il 2008, e Matt Reeves arrivava in sala con Cloverfield, film che puntava sull’inedito connubio tra il sotto-Genere del monster movie e la grammatica del mockumentary.

Film in POV, con videocamera diegetica e marchio “Proprietà del governo degli Stati Uniti” a simulare il ritrovamento del materiale video, dopo l’attacco della città di New York ad opera di una gigantesca e non meglio identificata creatura.

Alla produzione J. J. Abrams, pre Star Trek e Star Wars.

A 8 anni di distanza quel “Cloverfield” continua a risuonare nella testa di Abrams che, sempre nelle vesti di produttore, confeziona assieme al regista Dan Trachtenberg un nuovo film: 10 Cloverfield Lane.

Un sequel? Un remake? Uno spin-off o un prequel?

Forse niente di tutto questo, solo un film “consanguineo”, legato – appunto – dal suono della parola “Cloverfield” e dalla mescolanza del sotto-Genere del monster movie con qualcosa di assolutamente “altro”: il mockumentary, prima, il thriller e il paranoia movie oggi.

Continua a leggere

ZETA di Cosimo Alemà

zeta-1Zeta, opera terza del regista Cosimo Alemà, è una sorta di operazione di marketing virale per proporre e pubblicizzare la musica rap che presto sarà in commercio. Ecco: meglio chiarire sin da subito che il cinema relativamente a quest’opera è soltanto un veicolo, un mezzo per arrivare a un altro fine: vendere dischi, scaricare singoli in rete e lanciare un nuovo rapper – Izi, che interpreta Zeta nel film – sulla scena musicale nostrana. Un po’ come ci ha abituato la tv con centinaia di talent show.

La visione di questo film – compreso questo meccanismo, del tutto evidente – restituisce, dunque, un sentimento d’imbarazzo che coglie lo spettatore meno naif che assiste alla vicenda raccontata da Alemà scorgendo i tratti netti dell’operazione commerciale, nonché l’assenza di sincerità e credibilità. Tutto appare forzato e spesso improbabile, ma forse, gli autori di questo prodotto, sperano che agli occhi di un quattordicenne che osserva la vita attraverso il suo smartphone, tutto questo possa sembrare reale, o peggio, possa sembrare cinema.

Continua a leggere

PRESSURE di Ron Scalpello

Pressure copertinaIntrappolati in un sottomarino nei fondali marini durante i lavori di riparazione di un oleodotto, quattro sommozzatori esperti dovranno riuscire a tornare in superficie provando a mettere in atto i loro piani. La mancanza di ossigeno e le ostilità incontrate renderanno l’impresa molto difficile.

Questo è Pressure. Non fatevi confondere dal titolo del film: nessuna pressione né alcuna tensione aleggeranno in questo film di uno sconosciuto Ron Scalpello. Pressure è in potenziale la copia di tanti altri film ad alta tensione, ma è una copia venuta molto male, fatta solo di scene imbevute di oscurità marina, silenzi che non trasmettono nulla e dialoghi talmente pesanti da far addormentare chiunque.
Che senso ha fare un film così proprio non lo si riesce a capire, e fa davvero male pensare che, mentre negli USA si producono film a volte [o spesso] insignificanti e presto dimenticati, tanti giovani e promettenti registi con ottime idee non riescano a trovare finanziamenti.

Continua a leggere

FANTAFESTIVAL 2016: Gli anni d’oro del fantastico europeo nelle biblioteche di Roma Capitale

ImmagineRassegnaIl Fantafestival e le Biblioteche di Roma, in collaborazione con Vigamus, sono liete di presentare al pubblico la rassegna Gli anni d’oro del fantastico europeo, prodotta dal Fantafestival con il patrocinio del programma MEDIA dell’Unione Europea, e già presentata alla stampa e agli appassionati.

La rassegna comprende alcuni dei più importanti film di genere realizzati in varie nazioni europee negli anni ’60, periodo che vide una grande popolarità del fantastico anche in Europa, e non solo in America, suo tradizionale bacino di attenzione. Furono gli anni in cui i produttori, non solo inglesi, ma anche francesi e italiani, poi seguiti dagli spagnoli e dai tedeschi, scoprirono che anche in Europa il cinema fantastico aveva un bacino di spettatori notevole, e poteva portar loro notevoli guadagni. E così si crearono dei filoni di interesse, differenti da paese a paese, e nacquero case produttrici specializzate nel genere.

Fu un fenomeno che non si esaurì nel decennio dei ’60, ma che proseguì sia in Inghilterra, dove venne alimentato dagli storici rapporti di coproduzione con il cinema americano, ma anche e soprattutto in Italia, per giungere poi, negli anni ’70 e ’80, a dar vita al fortunato fenomeno degli “spaghetti horror”.

Continua a leggere

LORO CHI? di Francesco Micciché e Fabio Bonifacci

loro-chi-bd1David [Leo] è un quarantenne insoddisfatto ormai passivamente adeguato alla sua vita fatta di un lavoro che non lo soddisfa, ma che riesce a tenerlo eternamente in sospeso in attesa di una promozione che potrebbe gratificarlo almeno monetariamente e una compagna davvero poco interessata a lui.

Quando il suo direttore gli offre di presentare ai finanziatori il loro nuovo e segretissimo progetto, per lui sembra essere arrivato il grande momento… se non fosse che sulla sua strada si intromette Marcello [Giallini], un mago della truffa che con l’aiuto di due avvenenti complici [Catrinel Marlon e Lisa Bor], riesce in poche ore a svuotargli il conto in banca, a fargli perdere lavoro e a farlo infine mollare dalla fidanzata.

A David non rimane che mettersi sulle tracce del suo truffatore, ma una volta trovato, tra i due inizia ad instaurarsi un legame assai diverso da quello di vittima e carnefice.

Continua a leggere

PETER PAN – VIAGGIO SULL’ISOLA CHE NON C’È in Home Video

Pan copertinaHugh Jackman è uno dei migliori attori americani di oggi, un attore capace di assumere mille volti e di essere sempre incredibilmente credibile. Lo scorso anno lo avevamo visto nell’ultimo lavoro di Joe Wright: Peter Pan – Viaggio sull’isola che non c’è, nel ruolo del personaggio più intrigante e temuto del mondo fantastico raccontato nel film, ovvero il pirata Barbanera.

La figura del pirata più temuto è però tracciata in un modo alquanto distorto da Wright – di cui avevamo lodato il precedente Anna Karenina: Barbanera più che un pirata sembra una rockstar pronta ad esibirsi, e questo per via della mancanza di personalità che lo contraddistingue. Peccato, perché proprio i cattivi, al cinema come nelle fiabe, hanno bisogno di una precisa identificazione. Nessuna colpa ha Jackman, che può solo dare espressività e umanità ad un personaggio molto poco elaborato nel film di Wright.

Continua a leggere

CAPTAIN AMERICA: CIVIL WAR – La linea giocattoli

Elmetto Elettronico_Capitan AmericaIn arrivo una valanga di giocattoli Marvel targati Hasbro tratti dalle gesta degli Avengers nell’attesissimo kolossal hollywoodiano a breve sui grandi schermo di tutto il mondo.

A un anno da Avengers: Age of Ultron, il nuovo cinecomic di casa Marvel, Captain America: Civil War a maggio al cinema, fa già parlare di se. E non solo per il cast stellare e gli incredibili effetti speciali, ma soprattutto per lo scontro che dividerà i mitici supereroi in due fazioni: Capitan America vuole operare senza le interferenze governative, Iron Man ha invece deciso di sostenere la supervisione del governo. Chi avrà la meglio? Prima che sul grande schermo, l’epico scontro andrà in scena nelle camerette dei bambini grazie all’imperdibile linea di giocattoli targata Hasbro. I più piccoli si stanno già schierando, facendo incetta di action figures, role play e veicoli dedicati al loro team preferito. Ne vedremo delle belle.

Continua a leggere

CRIMINAL: La conferenza stampa con Kevin Costner e il regista Ariel Vromen

CRIMINAL-CONFERENZA-1[InGenere Cinema]: Sig. Costner, come mai, a questo punto della sua carriera, ha scelto di interpretare una sorta di moderno mostro di Frankenstein incapace di capire la differenza fra bene e male?

[Kevin Costner]: La ragione per cui si realizzano i film è che si cerca sempre di lasciare una traccia nella memoria delle persone, di lasciare un ricordo che possa durare per tutta la vita. Sono sicuro che tutti quanti noi abbiamo visto delle pellicole che in un certo senso ci hanno toccato, ci hanno commosso, soprattutto quando eravamo ragazzini e che magari ci hanno insegnato a baciare, per esempio.

Generalmente quello che cerchi di fare quando realizzi un film è di creare dei personaggi che poi non verranno mai dimenticati. È quello che ho cercato di fare in Criminal: creare un personaggio che rimarrà inciso nella vostra memoria, nei vostri ricordi. Credo che ci siano delle scene che vi accompagneranno per il resto della vita.

Continua a leggere

Post Facebook Più Recenti

I NUOVI MOSTRI: Evoluzione delle icone horror nel nuovo millennio [Parte 1: L'Uomo Lupo] -...

In occasione del ritorno in sala del Frankenstein di Mary Shelley con #Frankestein di Bernard Rose e Victor – La storia segreta del dott. Frankenstein..

0 mi piace, 0 commenti1 giorno fa

InGenere Cinema's cover photo

In occasione del ritorno in sala del Frankenstein di Mary Shelley con #Frankestein di Bernard Rose e Victor – La storia segreta del dott. Frankenstein..

3 mi piace, 0 commenti1 giorno fa

Timeline Photos

#RassegnaStampa: Dylan Dog – Sergio Bonelli Editore n.356 di Alessandro Bilotta – Fabrizio De Tommaso Ed: Sergio Bonelli Editore [euro 3,20]..

0 mi piace, 0 commenti2 giorni fa

Studio Universal

#starwords

0 mi piace, 0 commenti2 giorni fa

LA FORESTA DEI SOGNI di Gus Van Sant - InGenere Cinema InGenere Cinema

[in sala]: #LaForestaDeiSogni di Gus Van Sant, su #InGenereCinema [recensione di Paolo Corridore]

0 mi piace, 0 commenti2 giorni fa